CINA SI OPPONE ALL’ESTRADIZIONE DI WANZHOU E DICE NO AL PROCESSO NEGI USA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Meng Wanzhou, chief financial officer di Huawei
ph. 1technews

di Peter Brown

Il dipartimento di giustizia del Canada ha avuto tempo fino a venerdì per decidere se era possibile procedere all’estradizione di Meng Wanzhou, chief financial officer di Huawei, arrestata a dicembre in Canada su richiesta degli Stati Uniti con l’accusa di presunta elusione delle sanzioni americane all’Iran. La richiesta è stata a lungo vagliata perché occorreva verificare che fosse conforme ai requisiti del trattato di estradizione USA-Canada, perché solo con questi presupposti non poteva essere rifiutata.

“Un’udienza di estradizione non è un processo, né rende un verdetto di colpevolezza o innocenza”, ha poi  scritto in una dichiarazione di venerdì 
il dipartimento di giustizia , annunciando che stava autorizzando il processo di estradizione della Meng.”Se una persona viene estradata dal Canada per essere processata in un altro paese, significa che avrà un processo in quel paese”.

Come per sottolineare che si trattava di una procedura prevista dalla normativa e che per la Meng si stava soltanto profilando l’opportunità di essere processata da un tribunale diverso da quello canadese.

La BBC riporta che le autorità statunitensi, assieme alla richiesta formale per l’estradizione di Wanzhou, hanno presentato quasi due dozzine di accuse contro Huawei, il secondo produttore mondiale di smartphone.

Le accuse comprendono frodi bancarie, ostruzione della giustizia e furto di tecnologia. Huawei e la Meng hanno entrambi negato tutte le accuse.

E i legali della Meng hanno detto: “Il nostro cliente sostiene di essere innocente nei confronti di qualsiasi illecito e che il procedimento giudiziario e l’estradizione degli Stati Uniti costituiscono un abuso dei processi legali”.

Ren Zhengfei , fondatore di Huawei, padre di Meng Wanzhou
ph. BBC

La Cina ha dichiarato “si oppone con forza all’insistenza del Canada di procedere con la cosiddetta estradizione di Meng Wanzhou e ha presentato protesta formale”.
In una nota, il ministero degli Esteri in risposta alla decisione del Ministero della Giustizia canadese di procedere all’iter di estradizione in Usa di Meng, ha ribattuto: “E’ un grave incidente politico. Sollecitiamo ancora gli Usa a ritirare la richiesta di estradizione e chiediamo al Canada il suo rilascio immediato”.

La Meng attualmente fuori dal carcere su cauzione a Vancouver resterà libera mentre sono in corso procedimenti giudiziari.

Il 6 marzo sarà convocata dalla Corte Suprema della Columbia Britannica per la notifica della sua estrazione e per conoscerne le tempistiche.

Una decisione però che non ha nulla di definitivo perché l’ultima parola riguardo la decisione relativa al fatto di estradare o meno la Meng spetterà solo al giudice.

Da non sottovalutare l’asso nella manica della Meng: ossia l’opportunità di fare appello e allungare i tempi del procedimento almeno di 10 anni.



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli