FALCONE E BORSELLINO, APRE OGGI LA MOSTRA A LORO DEDICATA A TREVISO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L'esposizione di 150 foto, realizzata con lo scopo di sensibilizzare i giovani sull'opera e l'impegno civile dei magistrati, nel tentativo di trasferire agli studenti i valori della legalità e della lotta alla criminalità organizzata, resterà aperta fino al 31 marzo

Giovanni Falcone
(18 maggio 1939 – 23 maggio 1992) e Paolo Borsellino
19 gennaio 1940 – 19 luglio 1992

“L’eredità di Falcone e Borsellino” è la mostra, organizzata dall’ANSA e dal Comune di Treviso con il patrocinio della Regione Veneto, aperta da oggi al Palazzo dei Trecento della città veneta fino al 31 marzo. L’esposizione di 150 foto è stata realizzata con lo scopo di sensibilizzare i giovani sull’opera e l’impegno civile dei magistrati, nel tentativo di trasferire agli studenti i valori della legalità e della lotta alla criminalità organizzata.


    La mostra ricostruisce, attraverso le immagini ‘private’ messe a disposizione dai familiari e all’archivio fotografico dell’ANSA, la vita dei due giudici siciliani così da farne conoscere il grande impegno civile anche a tutti quei giovani che nel 1992 – anno delle stragi di mafia che hanno sconvolto l’Italia – non erano ancora nati. Inoltre, attraverso l’esposizione, si vuole testimoniare e concretizzare l’impegno del Governo sul fronte della lotta alla mafia, in un periodo storico particolarmente delicato a causa delle infiltrazioni della malavita organizzata nel territorio. “Abbiamo portato la mostra dedicata ai giudici Falcone e Borsellino a Treviso – ha detto Gloria Tessarolo, assessore al Sociale e alla Famiglia – perché la loro eredità potrà così passare al pubblico e soprattutto ai giovani, che avranno modo di conoscere l’impegno umano e civile di questi due grandi uomini. Per questo motivo la mostra sarà aperta alle scolaresche nei giorni di lunedì, martedì e mercoledì. Siamo convinti che tutti i visitatori ne usciranno arricchiti”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli