STOP AI MODELLI ANORESSICI NELLA PUBBLICITÀ

  • 17
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Da oggi 9 marzo, una modifica del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale introduce "il divieto di utilizzare in pubblicità immagini del corpo ispirate a modelli estetici chiaramente associabili a disturbi del comportamento alimentare nocivi per la salute"

Isabel Caro
9 settembre 1982 – 17 novembre 2010

Stop ai modelli estetici “anoressici” nella pubblicità: scatta oggi 9 marzo una modifica del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale che introduce “il divieto di utilizzare in pubblicità immagini del corpo ispirate a modelli estetici chiaramente associabili a disturbi del comportamento alimentare nocivi per la salute”, lo ha annuncia l’Istituto di Autodisciplina pubblicitaria. Ad accendere la miccia quasi 10 anni fa, la modella francese, Isabelle Caro, divenuta il più celebre simbolo dell’ anoressia grazie ad una contestata campagna fotografica di Oliviero Toscani per il marchio Nolita, poi vietata dal Gran Giurì della Pubblicità.

Isabel Caro
9 settembre 1982 – 17 novembre 2010

All’epoca la Caro pesava 31 kg per un’altezza di 1,64. Morì poco dopo avere posato per Toscani, all’età di 28 anni, a Tokio, a causa di una polmonite, che non riuscì a combattere perché troppo debilitata dalla malattia. Per lasciare traccia del suo calvario la modella scrisse e pubblicò un’autobiografia intitolata ” La ragazzina che non voleva diventare grassa“. 

Ora l’art. 12 bis parla chiaro e non lascia dubbi e scappatoie “alla comunicazione commerciale di prodotti o servizi suscettibili di presentare pericoli, in particolare per la salute, la sicurezza e l’ambiente e, in generale, vieta il ricorso in pubblicità a rappresentazioni che possano indurre il pubblico a sottovalutare le regole di prudenza o a ridurre il senso di vigilanza e responsabilità verso i pericoli”. La norma include ora in modo esplicito i richiami a “condizioni patologiche del comportamento alimentare, come l’anoressia e la bulimia”. Lo Iap attiverà “i propri meccanismi di sanzione laddove si riscontrino messaggi in contrasto con la nuova norma”.


  • 17
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli