ANNIVERSARIO MORTE DI LEONARDO DA VINCI. CONTE ALLA PRESENTAZIONE DELLE CELEBRAZIONI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci saranno una festa che durerà tutto l’anno

Si è svolta, nella Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio, la presentazione del programma di attività per il 500° anniversario della morte di Leonardo da Vinci.

Le celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci saranno “una festa che durerà tutto l’anno e anche oltre, un’occasione per noi sistema Italia per celebrare un nostro genio riconosciuto e universalmente apprezzato in tutto il mondo”. Così il premier Giuseppe Conte, intervenendo alle presentazioni per i 500 anni dalla morte di un “genio multiforme, un talento indomito sempre alla ricerca di nuove sfide e conoscenze”.

Mona Lisa. Opera iconica ed enigmatica della pittura mondiale, si tratta sicuramente del ritratto più celebre della storia nonché di una delle opere d’arte più note in assoluto. Il sorriso impercettibile del soggetto, col suo alone di mistero, ha ispirato tantissime pagine di critica, letteratura, opere di immaginazione

Un genio, quello di Da Vinci, “particolarmente versatile: non c’è disciplina del sapere che non lo abbia visto coinvolto”. Per questo, “è un immortale, nell’accezione laica del termine: è ancora oggi tra noi, si moltiplica nel tempo infinitamente, sempre evocato e presente, e ciò ci rende orgogliosi”. Conte si sofferma sul “poliedricoeclettismo” del genio Leonardo, che “racchiude il senso stesso del Rinascimento”, che segnò una “rinnovata fiducia nell’uomo”: Da Vinci è “stato figlio del suo tempo, in un’epoca di bellezza e fecondità. Nel segno di questa rinascenza dobbiamo lavorare, forti di questo patrimonio“.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli