SHaReD, AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DEL BANDO DEDICATO ALLE START-UP CHE STUDIANO CLIMA E GRANDI RISCHI

  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le domande devono essere presentate sul sito http://fondazionepesenti.speedmiup.it/ entro il 22 aprile 2019. In palio, sei mesi di incubazione gratuita in Speed Mi Up

Le imprese di giovani nei settori legati a innovazione e ricerca geologica, insieme a ricerca e attività ingegneristica e architettonica sono 1.228 in Italia, di cui 184 in Lombardia, secondo i dati della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi. Il settore nel complesso ha 26 mila imprese in Italia di cui 5 mila in Lombardia. Cresce il comparto in Italia, +2% in un anno e +7% in cinque anni, restano stabili i giovani.

Prime in Italia sono Milano e Roma con oltre 2 mila imprese, Torino e Napoli con circa mille, Brescia con 600, Firenze e Bari con oltre 500. Tra i maggiori centri, crescono di più in cinque anni Roma, +9%, Napoli, +13%, Firenze +5%,  Bari +16%, Salerno +22%.

Per la presenza dei giovani prime sono Roma con 76 imprese di giovani, +13% in un anno, Milano con 69 e Torino con 60.

Geologia, crescono le imprese nella ricerca e innovazione sul fronte dei grandi rischi in Italia, +7% in 5 anni, 26mila imprese di cui 5mila in Lombardia

I settori. Milano concentra le imprese nella ricerca, 310 su 565 in Lombardia e 2.918 in Italia. Milano ha poi 384 imprese di collaudi e analisi tecniche su mille in Lombardia e quasi 6 mila in Italia. Sono 1.697 gli studi ingegneristici e architettonici milanesi su 3.405 in Lombardia e 17 mila in Italia.

Grazie a questi numeri e dopo il successo del primo bando, Speed MI Up, l’incubatore di Università Bocconi, Camera di commercio, Comune di Milano e Fondazione Pesenti hanno deciso di aprire un  nuovo bando per la selezione di imprese e startup che studiano i grandi rischi come inondazioni, frane, eruzioni vulcaniche, terremoti, incendi, siccità. Per potere partecipare però occorre che abbiano la sede legale e/o operativa a Milano e provincia oppure che siano disposte a spostarla a Milano entro tre mesi dall’inizio del processo di incubazione previsto nel giugno 2019.

Le domande devono essere presentate sul sito http://fondazionepesenti.speedmiup.it/ entro il 22 aprile 2019. I due progetti migliori verranno premiati con sei mesi di incubazione gratuita presso Speed MI Up.

Il progetto si chiama SHaReD, ovvero “Social Hazards Resilience in Disaster”, ed è frutto del lavoro congiunto di Fondazione Pesenti, Università Bocconi e Politecnico di Milano. Ha lo scopo di facilitare la nascita e lo sviluppo di startup innovative nel campo della gestione di eventi sismici, vulcanici, eolici (uragani, tornado, tifoni), idraulici (inondazioni), idrogeologici (frane), siccità, incendi.

Le startup dovranno proporre nuove idee in termini sia di previsione, prevenzione e gestione dell’emergenza, sia di assistenza post emergenza, secondo la formula delle tre P: prevenire, prevedere, pianificare. Particolare attenzione sarà dedicata ai progetti capaci di cogliere la sfida di attivare una sorta di sistema “assicurativo” interstatale (di “mutua assistenza”/condivisione del rischio/rete di previdenza‐resilienza).

Alvise Biffi, Presidente Speed MI Up e membro di giunta
della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi

Alvise Biffi, Presidente Speed MI Up e membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi ha detto: «Dopo avere analizzato i progetti di grande qualità pervenuti in occasione del primo bando di SHaReD, l’aspettativa per questa seconda apertura del bando è molto alta. Il mio invito a tutte le startup e a chiunque abbia un’idea innovativa è: mettetevi in gioco! La commissione cerca un’idea che la sorprenda e la disorienti. Vi aspettiamo numerosi e con l’ambizione di migliorare il mondo e rafforzare la nostra competitività».

Sergio Crippa, Segretario Generale Fondazione Pesenti

Sergio Crippa, Segretario Generale Fondazione Pesenti ha aggiunto: «Trovare nuove soluzioni per un tema complesso come quello dei grandi rischi non è una sfida semplice. Per questo abbiamo voluto costituire delle commissioni tecniche e di valutazione composte da esperti di primo piano nell’ambito dell’innovazione e delle emergenze. E per questo confidiamo in prospettive inedite che possono venire solo dalle nuove generazioni. La risposta delle startup e il lavoro delle commissioni in occasioni del primo bando sono state eccezionali. La Fondazione ha quindi deciso di rinnovare il proprio impegno, confidando che questo secondo bando consenta l’emergere e la valorizzazione di realtà innovative».

Lanciato nel novembre 2018, il primo bando di SHaReD ha portato alla selezione della startup Isaac che nel febbraio 2019 ha iniziato il processo di incubazione presso Speed MI Up. Isaac ha sviluppato e brevettato un dispositivo in grado di contrastare il movimento degli edifici durante un evento sismico, riducendo le ampiezze di oscillazione e minimizzando il rischio di crolli e danneggiamenti. «È rapido nell’installazione e non è invasivo, ha costi competitivi e performance migliori rispetto alle alternative presenti sul mercato», affermano gli ingegneri di Isaac. Lo stesso sistema è in grado di effettuare il monitoraggio continuo dell’edificio, analizzandone stabilità e sicurezza. Questa caratteristica funge da valido aiuto nell’analisi di agibilità necessaria dopo il verificarsi di un sisma.


  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli