[gtranslate] GHOSN, EX CEO RENAULT-NISSAN CHIEDE AIUTO A MACRON - WHAT-U

Carlos Ghosn con la moglie Carol
ph. EPA/FRANCK ROBICHO
N

Giovedì Carlos Ghosn, ex Ceo di Renault-Nissan, è stato arrestato
per la seconda volta con l’accusa di abuso di fiducia aggravata. L’accusa sospetta che l’ex CEO di Renault-Nissan abbia trasferito dei fondi della Nissan a una società “di fatto controllata da lui”, tramite un distributore di veicoli Nissan all’estero per un totale di $ 15 milioni cui vanno aggiunti altri 5 milioni, anche questi prelevati ad uso personale. L’ufficio del pubblico ministero in una dichiarazione ha scritto: “Il sospettato ha tradito il suo ruolo (capo Nissan) a beneficio personale”, ha detto.

Intervista su Skype

In un’intervista condotta da Skype e trasmessa su TF1 e LCI,
Carlos Ghosn ha parlato di giustizia giapponese “implacabile” e di “bugie” da parte di Nissan. “Sto combattendo, sono innocente, è difficile. si deve sapere”, ha insistito “che è un arresto vergognoso e arbitrario”.

Nel frattempo la Nissan-Renault-Mitsubishi Motors ha immediatamente convocato un consiglio di amministrazione straordinario per confermare la definitiva rimozione di Ghost dal board.

Carole Ghosn, moglie dell’ex Ceo di Renault-Nissan invece ha lasciato il Giappone, dove il marito è stato arrestato due giorni fa per la seconda volta con l’accusa di abuso di fiducia aggravata. I pm di Tokyo avevano chiesto una testimonianza della donna su base volontaria; l’istanza era stata respinta, ma alla moglie dell’ex tycoon erano stati confiscati il passaporto libanese e il telefono cellulare. A rivelare il suo arrivo a Parigi ieri mattina è stata la stessa Carole Ghosn in una intervista esclusiva al Journal du Dimanche. “Mi sono sentita in pericolo”ha detto, precisando di essere riuscita a lasciare il Paese con il suo passaporto americano. Carole Ghosn racconta di essere stata accompagnata all’aeroporto e fin dentro l’aereo dall’ambasciatore francese in Giappone. Rivendicando l’innocenza del marito, ha infine rivolto un appello al presidente Emmanuel Macron.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY