UCCISO PAPÀ, MAMMA E DUE FRATELLI DEL KAMIKAZE CHE HA ORGANIZZATO LA STRAGE IN SRI LANKA - WHAT-U

Il padre e i due fratelli di Zahran Hashim, presunto organizzatore degli attentati della domenica di Pasqua nello Sri Lanka, sono stati uccisi
venerdì scorso nel corso di un’operazione di sicurezza della polizia nel quartier generale degli attentatori a Sainthamaruthu, vicino alla città natale di Hashim, Kattankudy.

Hashim, individuato come colui che si è fatto esplodere in uno dei tre alberghi a 5 stelle della capitale, fondatore del gruppo islamista, l’NTJ, ora bandito, era nel mirino della polizia da tempo, ma a suo carico non erano mai state raccolte prove schiaccianti che potessero fermarlo.

Uomini armati hanno aperto il fuoco, ha riferito la polizia, e tre uomini hanno fatto esplodere esplosivi, uccidendo se stessi, sei bambini e tre donne. Altre tre persone sono morte a colpi di arma da fuoco.

Il quartier generale dell'NTJ sotto la guardia della polizia
La polizia durante l’incursione nel quartier generale dell’NTJ

Un parente stretto della famiglia ha confermato alla BBC News che il padre e i due fratelli di Hashim sono morti nel raid.

Fonti della polizia che hanno parlato con l’agenzia di stampa Reuters hanno precisato i nomi dei tre uomini: Mohamed Hashim e i suoi figli Zainee Hashim e Rilwan Hashim.

Tutti e tre erano stati visti in un video che circolava sui social media che chiedevano una guerra totale contro tutti i non credenti, aggiunge la Reuters.

Nella stessa Kattankudy, la polizia ha perquisito il quartier generale dell’NTJ (National Thawheed Jamath), che Zahran Hashim aveva guidato.

Tra le presunte vittime anche la madre anche la madre di Zahran Hashim.

Ogni giorno, la polizia sta facendo arresti, sequestrando armi, esplosivi e materiale jihadista.

Le incursioni in corso e la scoperta di armi e materiali stanno gradualmente accumulando tensioni tra le comunità. Alcuni governi stranieri hanno avvertito che esiste la possibilità di ulteriori attacchi.

Nel frattempo, per questioni di sicurezza, è stato vietato qualsiasi copertura del viso, che inizierà lunedì. Il presidente Maithripala Sirisena ha dichiarato che ha deciso di adottare questa misura di emergenza per motivi di sicurezza nazionale.

L’annuncio non ha fatto alcuna menzione specifica riguardo al niqab e al burka – indossati dalle donne musulmane – ha solo detto che i volti delle persone devono essere completamente visibili in modo da poter essere identificati.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY