WORLD BEE DAY: QUANTO MIELE SI CONSUMA NEL MONDO?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

di Simona Vinci

Nel 2018, gli Stati membri dell’UE hanno importato 208 000 tonnellate di miele naturale (“miele”) da Stati membri non membri dell’UE nel 2018, per un valore di 452 milioni di euro.

Al contrario, nel 2018 solo 21 000 tonnellate di miele sono state esportate dagli Stati membri dell’UE al di fuori dell’UE. Queste esportazioni valevano € 119 milioni.

Rispetto al 2013, le importazioni di miele dall’esterno dell’UE sono aumentate del peso del 25%. D’altra parte, il peso delle esportazioni dell’UE di miele verso paesi terzi è aumentato del 40%.

Germania, il più grande importatore di miele

Nel 2018, 60 000 tonnellate di miele sono state importate in Germania da Stati membri non UE (il 29% delle importazioni extra UE di miele). Ciò rende la Germania il più grande importatore europeo di miele da paesi non UE, davanti al Regno Unito (45.000 tonnellate, 22%), seguito dal Belgio (22.000 tonnellate, 11%), Polonia (21.000 tonnellate, 10%) e in Spagna (17 000 tonnellate, 8%).

La Cina, l’origine principale del miele importato

Le importazioni di miele da paesi non UE provenivano principalmente dalla Cina (80.000 tonnellate, pari al 39% delle importazioni totali di miele extra UE), prima dell’Ucraina (41.000 tonnellate, 20%), seguita dall’Argentina (25.000 tonnellate, 12 %), Messico (21 000 tonnellate, 10%) e Cile (8 000 tonnellate, 4%).

Ungheria, Belgio e Spagna, i maggiori esportatori di miele

Nel 2018, 137 000 tonnellate di miele sono state scambiate tra gli Stati membri dell’UE. L’Ungheria ha esportato in altri Stati membri dell’UE 20 000 tonnellate di miele nel 2018 (il 14% del totale delle esportazioni intra-UE di miele). Ciò rende l’Ungheria il più grande esportatore di miele intra-UE, seguito da Belgio (19 000 tonnellate, 14%) e Spagna (18 000 tonnellate, 13%), davanti alla Germania (16 000 tonnellate, 12%) e Polonia (15 000 tonnellate, 11%).


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli