WORLD BEE DAY: QUANTO MIELE SI CONSUMA NEL MONDO?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

di Simona Vinci

Nel 2018, gli Stati membri dell’UE hanno importato 208 000 tonnellate di miele naturale (“miele”) da Stati membri non membri dell’UE nel 2018, per un valore di 452 milioni di euro.

Al contrario, nel 2018 solo 21 000 tonnellate di miele sono state esportate dagli Stati membri dell’UE al di fuori dell’UE. Queste esportazioni valevano € 119 milioni.

Rispetto al 2013, le importazioni di miele dall’esterno dell’UE sono aumentate del peso del 25%. D’altra parte, il peso delle esportazioni dell’UE di miele verso paesi terzi è aumentato del 40%.

Germania, il più grande importatore di miele

Nel 2018, 60 000 tonnellate di miele sono state importate in Germania da Stati membri non UE (il 29% delle importazioni extra UE di miele). Ciò rende la Germania il più grande importatore europeo di miele da paesi non UE, davanti al Regno Unito (45.000 tonnellate, 22%), seguito dal Belgio (22.000 tonnellate, 11%), Polonia (21.000 tonnellate, 10%) e in Spagna (17 000 tonnellate, 8%).

La Cina, l’origine principale del miele importato

Le importazioni di miele da paesi non UE provenivano principalmente dalla Cina (80.000 tonnellate, pari al 39% delle importazioni totali di miele extra UE), prima dell’Ucraina (41.000 tonnellate, 20%), seguita dall’Argentina (25.000 tonnellate, 12 %), Messico (21 000 tonnellate, 10%) e Cile (8 000 tonnellate, 4%).

Ungheria, Belgio e Spagna, i maggiori esportatori di miele

Nel 2018, 137 000 tonnellate di miele sono state scambiate tra gli Stati membri dell’UE. L’Ungheria ha esportato in altri Stati membri dell’UE 20 000 tonnellate di miele nel 2018 (il 14% del totale delle esportazioni intra-UE di miele). Ciò rende l’Ungheria il più grande esportatore di miele intra-UE, seguito da Belgio (19 000 tonnellate, 14%) e Spagna (18 000 tonnellate, 13%), davanti alla Germania (16 000 tonnellate, 12%) e Polonia (15 000 tonnellate, 11%).


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

What-u.com

Mi chiamo Patrizia Vassallo, sono il direttore di What-u, scrivo da sempre, da quando alle elementari ho iniziato a fare il mio primo giornalino scolastico e sono una giornalista professionista dal 1993 (iscritta all'Albo dei Giornalisti Professionisti della Lombardia). Ho lavorato per alcuni quotidiani, (Il Secolo XIX, Il Mercantile, The Daily Mirror, Le Monde), e poi per molti magazine italiani e alcuni stranieri, The Face, Gente, Onda Tv, Gente Viaggi, Gioia, Gente Money, Il Nostro Budget, Eva Tremila, Marie Claire), sono spesso stata in giro per il mondo... Ora, da poco più di un anno, sono il direttore di What-u! Scrivere per me non è una professione, ma una passione da condividere con i lettori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!