USA: AUMENTATO DEL 3,7% IL COSTO DELL’ISTRUZIONE SCOLASTICA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le scuole pubbliche che hanno ricevuto la percentuale più alta di finanziamenti dal governo federale nel Nuovo Messico (14,4%), Mississippi (14,1%), in Alaska (14,0%), Arizona (13,7%) e nel Sud Dakota (12,8%)

di Maureen Steel

L’importo speso nell’istruzione pubblica e secondaria per tutti i 50 stati americani e il Distretto di Columbia è aumentato del 3,7% fino ad arrivare a quota $ 12,201 per allievo durante l’anno fiscale 2017, rispetto agli $ 11,763 nel 2016. Un aumento progressivo per fortuna compensato anche dalla crescita delle entrate pubbliche per l’istruzione elementare e secondaria, che nel 2017 ammontava a $ 694,1 miliardi, in crescita del 3,4% rispetto a $ 671,2 miliardi del 2016. Questi i dati delle statistiche, appena pubblicate dall’United Census Bureau, l’ufficio del censimento del dipartimento del commercio degli Stati Uniti d’America, relativi al sondaggio annuale 2017 sulle finanze del sistema scolastico che coprono i sistemi scolastici in tutti gli stati, compreso il Distretto di Columbia.

Ecco i dati più significativi…

Dove gli alunni costano di più…

  • Costo per alunno in ordine decrescente: New York ($ 23,091), il Distretto di Columbia ($ 21,974), Connecticut ($ 19,322), New Jersey ($ 18,920) e Vermont ($ 18,290) (dati del 2017).
  • I cinque distretti scolastici con la più alta spesa per alunno nel 2017: New York City School District di New York ($ 25.199), Boston City Schools nel Massachusetts ($ 22.292), Baltimora City School nel Maryland ($ 16.184), Montgomery County School District nel Maryland ($ 16.109) e Howard County School District nel Maryland ($ 15.921).
  • Le scuole pubbliche che hanno ricevuto la percentuale più alta e più bassa di finanziamenti dal governo federale?
  • La più alta: nel Nuovo Messico (14,4%), Mississippi (14,1%), in Alaska (14,0%), Arizona (13,7%) e Sud Dakota (12,8%).
  • Quelle che hanno ricevuto meno denaro pubblico: nel New Jersey (4,1%), Massachusetts (4,3%), Connecticut (4,3%), Minnesota (5,2%) e a New York (5,3%).

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.

FOLLOW US
Ultimi articoli