[gtranslate] TRUMP NESSUN BLUFF SU DAZI IN MESSICO - WHAT-U

di Pamela Lukather

Donald Trump quando nel 2016 parlava del muro per separare il Messico dagli Stati Uniti

“Nessun bluff” sui dazi al Messico finché non ferma il flusso di clandestini verso gli Usa: lo scrive Donald Trump su Twitter in risposta al leader dem al Senato, secondo cui il presidente “ha l’abitudine di parlare duro e poi fare marcia indietro perché le sue politiche spesso non possono essere attuate o non hanno senso”. “Che ripugnante. Preferirebbe che il Paese fallisse con droga e immigrazione piuttosto di dare una vittoria ai repubblicani. Ma al Messico ha dato un cattivo consiglio, nessun bluff!”, ha scritto il tycoon.
Dal 10 giugno gli Stati Uniti imporranno dazi sulle importazioni dal Messico. E i dazi resteranno in vigore fino che a non si fermerà il flusso di migranti dal Messico. Lo ha annunciato il presidente americano Donald Trump in un tweet, precisando che le tariffe saliranno gradualmente fino a quando il problema dell’immigrazione illegale non sarà risolto. La partenza sarà con dazi del 5% che dal’1 agosto saliranno al 15%, per poi salire al 20% dall’1 settembre e al 25% dal 1 ottobre.

”I dazi resteranno al 25% fino a che e a meno che il Messico non fermerà il flusso di immigrati illegali”, afferma Trump in una nota. Gli Usa sono stati un ”salvadanaio dal quale tutti hanno preso. Ora però difendiamo gli interessi americani. Abbiamo fiducia nel fatto che il Messico agirà e lo farà rapidamente per aiutare gli Stati Uniti a mettere fine a questo problema pericoloso”.

Quindi nessuna marca indietro. La politica al rialzo dei dazi è decisa senza dietrofront per cercare di mettere davvero uno stop al numero di persone che attraversano gli Stati Uniti dal Messico che nell’ultimo decennio è addirittura triplicato mettendo in allarme Trump che continua a parlare di un’emergenza nazionale alla frontiera. Secondo Trump per finanziare un muro per affrontare la questione – la sua promessa di firma della sua campagna elettorale sono necessari 5,7 miliardi di dollari. I democratici continuano a sostenere che la barriera è uno spreco di denaro dei contribuenti. Un braccio di ferro che continua ad andare avanti e che proprio a causa della sospensione dei finanziamenti sotto le feste natalizie dello scorso anno, ha portato alla chiusura parziale più lunga del governo degli Stati Uniti – 35 giorni tra dicembre e gennaio. Il famoso “Shutdown” che ha avuto la conseguenza di fare chiudere nove dei quindici dipartimenti federali, tra i quali figuravano il dipartimento di stato, quello della sicurezza nazionale, dei trasporti, dell’agricoltura e della giustizia, cesseranno parzialmente le attività.

Trump continua a invocare poteri di emergenza, che gli avrebbero permesso di appropriarsi di fondi e risorse militari, una mossa che potrebbe essere respinta dal Congresso. Prima che Trump entrasse in carica, scrive la Bbc, c’erano 654 miglia (poco più di 1.000 km) di barriere lungo il confine meridionale. Nel periodo precedente alle elezioni presidenziali del 2016, Trump fece una promessa ai suoi sostenitori quella di costruire un muro lungo l’intera lunghezza del confine di 2000 miglia. In seguito disse che avrebbe coperto solo la metà del confine. Finora il Congresso ha approvato $ 1,7 miliardi di finanziamenti per 124 miglia di barriere nuove e sostitutive da quando Trump è entrato alla Casa Bianca. Entro la fine del 2018 sono state costruite o iniziate circa 40 miglia di barriere di sostituzione. Nel 2019 si prevede che la costruzione inizi con altre 61 miglia di barriera di sostituzione. Ciò equivale a nuove sezioni di circa il 15% delle strutture esistenti. La prima costruzione su qualsiasi ampliamento delle strutture esistenti – quella che potrebbe essere definita una nuova barriera – era prevista per iniziare a febbraio nella valle del Rio Grande, in Texas. Circa 33 miglia (53 km) di barriera – o quella che la protezione doganale e di frontiera degli Stati Uniti chiama “sistema di muri di confine” – deve essere eretto nelle contee di Hidalgo e Starr nella valle del Rio Grande (25 miglia e otto miglia rispettivamente). Tuttavia, la costruzione di cinque importanti monumenti lungo la sua lunghezza è stata vietata e alcuni proprietari terrieri sono andati in tribunale nel tentativo di smettere di costruire sulla loro proprietà. Nonostante la continua determinazione di Trump a vedere un muro lungo il confine, un sondaggio condotto a gennaio dal Pew Research Center suggerisce che la maggioranza degli americani – il 58% – si oppone sostanzialmente all’espansione , mentre il 40% lo sostiene.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY