[gtranslate] COOPER FINITO L'AMORE PER LA SHAYK. FORSE È INIZIATO QUELLO PER LADY GAGA? - WHAT-U

COOPER E SHAYK FINE DELL'AMORE
Bradley Cooper e Irina Shayk
Jamie McCarthy
Getty Images per il National Board of Review

di Mary Stevens

Ci sono coppie ma soprattutto storie d’amore all’apparenza così belle da sembrare eterne agli occhi di qualsiasi comune mortale. Invece evidentemente dato che poi di fatto nulla è davvero eterno capita che un attore affascinante come Bradley Cooper e una modella bellissima come Irina Shayk scrivano la parola fine su una storia d’amore. Una fine improvvisa per molti, ma non per gli amici più stretti che parlano di malumori nati all’interno della coppia dovuti alla chiusura assoluta di Bradley riguardo all’argomento nozze. Pare infatti che dopo la nascita di Lea, nata nel 2017, la bellissima bimba con la quale la coppia sembrava avere suggellato definitivamente l’amore, le aspettative di Irina fossero quelle di sposarsi.

Jennifer Esposito, ex moglie di Cooper, David of Earth (NY) – originally posted to Flickr as Jennifer Esposito
Jennifer Esposito At the Premier of the film ‘Sunday’.

Ma Bradley, già con un matrimonio fallito alle spalle con l’attrice Jennifer Esposito, durato meno di un anno (N.d.R.: dal 21 dicembre  2006 al  10 novembre  2007) non ne voleva sapere. Poi le voci su una possibile liaison non solo artistica tra Cooper e lady Gaga nata sul set del film “A star was born”, di cui Cooper oltre ad esserne co protagonista ne è stato pure il regista, hanno dato il colpo di grazia a un’unione che già cominciava a dare segni di stanchezza. A far raccontare qualche particolare della sua vita intima famigliare a Bradley ( N.d.R.: ma nulla è emerso riguardo la sua particolare amicizia con Lady Gaga) c’è riuscita solo Oprah Winfrey durante le sue “Oprah’s SuperSoul Conversations“.

Bradley Cooper ospite di Oprah Winfrey alle sue “Oprah’s SuperSoul Conversations”

Refrattario al “social sharing” e all’esposizione mediatica “24 h”, Cooper ha detto di avere molti amici che condividono buona parte della loro vita personale sui social, in particolare su Instagram, ma ha ammesso che lui preferisce non farlo. “Il mio lavoro spesso mi porta sotto le luci dei riflettori, per questo motivo desidero che la mia vita privata resti tale”, ha detto. E su sua figlia Lea ha aggiunto: “Nostra figlia, è incredibile. In lei vedo abbastanza spesso mio padre. Ci sono stati momenti in cui … quando sono rimasto da solo in una stanza con lei, mi è venuta voglia di chiamare mio papà, perché lei assomiglia molto a lui e me lo fa ricordare spesso. Evidentemente guardo troppi film! “. (N.d.R.: Il padre di Cooper, Charles, è morto nel 2011 dopo aver combattuto con un cancro ai polmoni).

Bradley Cooper con Lea,
Foto: Splashnews
Bradley Cooper con Irina Shayk e la piccola Lea, 2 anni
Foto: Splashnews

Nel 2018 Cooper ha avuto un grande successo con il film “A Star Is Born“.  Il film ha ottenuto la bellezza di 8 nominations, tra cui quella per il “Miglior Film”, tre sulle quattro destinate agli attori, e quella relativa al “Miglior Brano” (Shallow). Mancava solo quella per la regia di Bradley Cooper per fare strike, ma l’attore/regista ha detto di essere stato comunque felice di avere ricevuto quella come “Miglior Attore Protagonista” e ha detto di essere stato felicissimo per quella di Lady Gaga, premiata come “Miglior Attrice Protagonista”.

Proprio per questa esternazione ( N.d.R.: e anche per il coinvolgimento che andava oltre l’interpretazione dei due sul set) c’è chi ha pensato che tra Bradley e Lady Gaga ci fosse del tenero. Spente le luci delle premiazioni degli Oscar, Cooper ha cercato di passare più tempo in famiglia, rallentando pure i ritmi del lavoro, ma evidentemente senza riuscire a raccogliere i frutti sperati.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY