[gtranslate] NEL MONDO DELL'ANIMAZIONE IL NUMERO DELLE DONNE NON DECOLLA - WHAT-U

NEL MONDO DELL'ANIMAZIONE IL NUMERO DELLE DONNE NON DECOLLA
Ecco la regista Jennifer Yuh Nelson in una foto del maggio 2011, immortalata alla première di “Kung Fu Panda 2”, a Los Angeles. Le donne rappresentano all’incirca la metà di tutti i dirigenti in animazione, ma i numeri diminuiscono significativamente quando si tratta di registe donne, secondo uno studio della USC Annenberg Inclusion Initiative e del gruppo di sostegno non profit Women in Animation. Lo studio pubblicato oggi attesta che negli ultimi 12 anni solo il 3% dei registi di film d’animazione erano donne e solo una era una donna di colore. (AP Photo / Matt Sayles)

di Mary Queen

Le donne costituiscono all’incirca la metà di tutti i dirigenti che lavorano nel mondo dell’animazione, ma uno studio di Annenberg Inclusion Initiative, il principale think tank del mondo che studia la diversità e l’inclusione nell’intrattenimento attraverso ricerche originali e progetti sponsorizzati, rivela che dice che i numeri diminuiscono significativamente quando si tratta di registe e altri ruoli di leadership nel settore.

Negli ultimi 12 anni, solo il 3% dei registi d’animazione erano donne e solo una, Jennifer Yuh Nelson ossia colei che ha diretto “Kung Fu Panda 2”, era una donna di colore.

Lo studio ha rivelato che nel campo dell’animazione il 37% dei produttori è donna mentre la percentuale al femminile scende al 15% per i film d’azione.

Poche donne (solo il 13% nel 2018) anche dietro la macchina da presa di famosi spettacoli televisivi animati, fermo restando la sotto rappresentazione di quelle di colore in tutte le aree.

ANCHE LE PROTAGONISTE NEI FILM…

Solo 20 dei 120 lungometraggi animati negli ultimi 12 anni hanno avuto come protagonista una donna. E di questi, solo tre, ossia “Moana”, “La principessa e il ranocchio” e “Puffi: il villaggio perduto”, hanno avuto una donna di colore come protagonista.

Marge Dean, presidente di Women in Animation, ha detto che una migliore comprensione dei numeri aiuterà a spingere il settore verso il raggiungimento della rappresentanza di genere 50-50 entro il 2025.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY