[gtranslate] GEORGIA E RUSSIA OLTRE 240 I FERITI. IL PRESIDENTE DEL PARLAMENTO GEORGIANO DÀ LE DIMISSIONI - WHAT-U

Un manifestante dell’opposizione si trova di fronte alla linea di polizia del parlamento georgiano per chiedere le dimissioni del presidente del parlamento georgiano a Tbilisi, in Georgia. La polizia ha sparato una scarica di gas lacrimogeni contro una massiccia folla di manifestanti fuori il parlamento nazionale georgiano, che sta cercando di assaltare l’edificio e chiede le dimissioni del governo. (AP Photo/Zurab Tsertsvadze)

Oltre 240 persone, tra cui 80 poliziotti, sono rimaste ferite a Tbilisi negli scontri davanti al Parlamento georgiano e in viale Rustaveli scoppiati ieri sera davanti al Parlamento georgiano e proseguiti nella notte. La notizia è stata confermata dall’agenzia Interfax. Secondo i media, la polizia ha sparato proiettili di gomma e gas lacrimogeni per disperdere una massiccia folla di manifestanti fuori dal parlamento nazionale georgiano, che per protesta voleva fare irruzione in Parlamento per chiedere le dimissioni del governo. Così il presidente del Parlamento georgiano Irakli Kobakhidze pochi minuti fa ha deciso di dare le dimissioni. Lo ha annunciato Kakha Kaladze, uno dei leader del partito di maggioranza ‘Sogno Georgiano’.

AP Photo/Zurab Tsertsvadze

Un epilogo che non lascia stupiti visto il montare delle proteste sempre più imponentidopo l’intervento in Parlamento del deputato comunista russo Serghiei Gavrilov per la riunione dell’Assemblea dei deputati dei Paesi cristiano-ortodossi.

Russia e Georgia dopo la guerra del 2008…

Russia e Georgia hanno rotto le relazioni diplomatiche dopo la guerra lampo del 2008, che vide le truppe russe arrivare alle porte di Tbilisi. Da allora, Mosca ha riconosciuto l’indipendenza dell’Ossezia del Sud e dell’Abkhazia, due repubbliche separatiste della Georgia divenute ormai di fatto degli Stati satellite della Russia. Alcuni leader dell’opposizione georgiana hanno promesso nuove proteste a Tbilisi stasera.

AP Photo/Zurab Tsertsvadze
AP Photo/Zurab Tsertsvadze
AP Photo/Zurab Tsertsvadze

 La presidente georgiana, Salomé Zurabishvili ha accusato la Russia “nemica e occupante” e una non meglio specificata “quinta colonna filorussa” di essere dietro i disordini scoppiati ieri sera a Tbilisi. Lo riportano i media locali. “La Russia”, ha dichiarato Zurabishvili, “è nostra nemica e occupante. La quinta colonna che essa gestisce potrebbe essere più pericolosa dell’aperta aggressione”. Secondo Zurabishvili, “solo la Russia trae beneficio da una divisione nel Paese” e “questa oggi è l’arma più potente”. Il vice ministro degli Esteri russo Grigory Karasin accusato di avere fomentato i disordini per avere detto che “le forze politiche radicali georgiane fanno tutto il possibile per ostacolare la normalizzazione delle relazioni bilaterali tra Georgia e Russia” è intervenuto dicendo la sua: “La Russia persevererà nel suo impegno per la normalizzazione e il miglioramento dei rapporti tra Mosca e Tbilisi”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY