[gtranslate] POMPEO VOLA IN ARABIA SAUDITA PER DISCUTERE SU TEHERAN - WHAT-U

di John Bolton

Il Segretario di Stato americano Mike Pompeo è arrivato stamattina in Arabia Saudita in una visita frettolosamente organizzata tra le crescenti tensioni tra Washington e Teheran in seguito alle dichiarazioni del comandante della marina iraniana, il viceministro Hossein Khanzadi, che ha minacciato Washington, dicendo che Teheran è in grado di abbattere altri droni spionistici americani che violano lo spazio aereo iraniano. Un aut aut che dopo l’abbattimento del drone americano, valutato a oltre 100 milioni di dollari e il ritiro degli Stati Uniti a un passo dall’attacco militare all’Iran, è valso un incontro chiarificatore anche con gli amici alleati. “Diciamo con sicurezza che la risposta schiacciante può sempre essere ripetuta, e il nemico lo sa”, ha detto Khanzadi dall’agenzia Tasnim durante un incontro con un gruppo di funzionari della difesa.

Le tensioni sono aumentate da quando l’Iran si è ritirato da un accordo nucleare globale e gli Stati Uniti hanno iniziato a fare pressioni su Teheran con pesanti sanzioni economiche. E un nuovo round di sanzioni contro l’Iran era stato annunciato da Trump proprio per oggi. L’Iran ha denunciato le sanzioni statunitensi, che essenzialmente impediscono a questo Paese di vendere il suo petrolio a livello internazionale. Pompeo, considerato un intransigente dell’amministrazione Trump, ha incontrato il re saudita Salman e il principe ereditario Mohammed bin Salman nella città saudita di Jiddah, prima di dirigersi ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, un altro alleato e partner americano degli Stati Uniti . L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti sono allarmati dalla portata militare dell’Iran e stanno lavorando per limitare la sua influenza nella regione. Alla vigilia della visita di Pompeo, riporta AP, i ribelli alleati iraniani dello Yemen hanno attaccato un aeroporto saudita vicino al confine saudita-Yemen, uccidendo un residente siriano e ferendo altri 21 civili, ha riferito l’esercito saudita.

L’Arabia Saudita è stata in guerra con i ribelli Houthi nello Yemen per più di quattro anni. Gli Houthi dicono che gli attacchi contro il regno sono una risposta alle incessanti attacchi aerei sauditi nello Yemen che ne hanno ucciso migliaia di persone. Pompeo ha detto che vuole costruire una coalizione globale contro l’Iran. “Parleremo con loro su come assicurarsi che siamo tutti allineati strategicamente e su come possiamo costruire una coalizione globale, una coalizione non solo in tutti gli stati del Golfo, ma in Asia e in Europa, che comprende questa sfida come è pronto a respingere il più grande sponsor del terrorismo del mondo “, ha proseguito Pompeo. E a proposito dell’Iran, anche il vicepresidente Mike Pence ha detto che gli Stati Uniti sono pronti a negoziare, senza precondizioni, nel tentativo di allentare le tensioni. “Sanno esattamente come trovarci”, ha poi sottolineato Pompeo. Trump ha detto che è disposto a fare un passo indietro e a togliere le sanzioni economiche, se Teheran accetta di non costruire più armi nucleari. L’Iran ha sempre dichiarato che il suo programma nucleare è puramente per scopi energetici pacifici. Ma Trump su questo punto resta intransigente. Il consigliere della sicurezza nazionale di Trump, John Bolton, è intervenuto durante una visita a Gerusalemme domenica con un avvertimento, dicendo che l’Iran non dovrebbe “confondere la prudenza e la discrezione degli Stati Uniti per la debolezza”. Sottolineando che gli Stati Uniti si riservano il diritto di attaccare in un secondo momento. Che potrebbe essere molto immediato.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY