[gtranslate] ARRIVA LO TSUNAMI ALLA DEUTSCHE BANK, PREVISTI TAGLI DI TESTE ECCELLENTI E DI 18-20MILA DIPENDENTI - WHAT-U

L’amministratore delegato di Deutsche Bank AG e vicepresidente del consiglio di amministrazione di Frankfurter Institut für Risikomanagement & Regulierung, Christian Sewing

di Marco Calvi

L’amministratore delegato di Deutsche Bank AG e vicepresidente del consiglio di amministrazione di Frankfurter Institut für Risikomanagement & Regulierung Christian Sewing a maggio aveva promesso una “dura” ristrutturazione all’interno dell’istituto, uno tsunami che a suo dire avrebbe coinvolto quasi un terzo della leadership e previsto grossi tagli del bilancio. Il consiglio di sorveglianza, già riunito oggi a Francoforte per adottare il radicale rinnovamento della banca, sostituirà probabilmente tre dei nove membri del consiglio di amministrazione. Secondo fonti vicine al dossier, pare che una testa nel board del colosso tedesco in crisi che verrà tagliata sarà quella di Frank Strauss, capo della divisione retail e del commerciale. Con l’addio di Strauss salirebbe a tre il numero di uscite eccellenti, dopo quella ufficiale annunciata ieri del capo della divisione Corporate and investment Garth Ritchie, e quella ancora non formalizzata ma data per certa da molte indiscrezioni, di Sylvie Matherat, Chief Regulatory Officer, le cui teste erano state chieste dal fondo d’investimento e potente azionista Riebeck-Brauerei.

Frank Strauss, Head of Private & Commercial Deutsche Bank AG
Garth Ritchie, President Head of Corporate & Investment Deutsche Bank AG

Sul fronte conti invece nei piani della Deutsche Bank c’è lo spostamento di circa 75 miliardi di euro (84 miliardi di dollari) e forse fino a 80 miliardi di euro di attività ponderate per il rischio in una nuova divisione che sarà denominata “unità di rilascio capitale”, riporta Bloomberg, precisando che Deutsche Bank aveva 347 miliardi di euro di Risk-Weighted Assets (RWA) alla fine del primo trimestre.

Sylvie Matherat Chief Regulatory Officer Deutsche Bank AG

Insomma un passo obbligato verso una vera e propria pulizia del bilancio prevista nel piano di ristrutturazione che a quanto pare, oltre all’intenzione di creare una bad bank degli asset tossici, ha già messo in conto una riduzione drastica della forza lavoro, la stima è di 18-20mila dipendenti. E possibile che il piano di ristrutturazione venga reso noto nelle prossime ore.

.. I POSSIBILI EPURATI

fonte Bloomberg
fonte Bloomberg


Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY