it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
CAMBIAMENTI CLIMATICI, LO SCIENZIATO FISCHLIN RACCONTA COSA ACCADRÀ NEI PROSSIMI ANNI. E SU TRUMP AGGIUNGE: «SOSTIENE DI ESSERE UN GENIO, MA NON CAPISCE DI SCIENZA DELL'ATMOSFERA» - WHAT-U

di Emma Brown

Lo scienziato Andreas Fischlin, mentre parla a un convegno sui cambiamenti climatici, dal 1982 è professore all’ETH e all’Università di Zurigo, dove insegna Scienze ambientali, membro di numerose organizzazioni scientifiche, rappresentante scientifico in tutti i negoziati UNFCCC (Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici), dal novembre 1988 a capo del gruppo di ecologia dei sistemi terrestri dell’Istituto di biogeochimica e dinamiche inquinanti ( IBP ) dell’ETH di Zurigo, affiliato al gruppo di Fisica ambientale del Prof. Niki Gruber ( UP ) ph. by IISD/ENB

Tanti sono i discorsi che si fanno sul clima, che è evidente che negli ultimi 10 anni è cambiato notevolmente. Per sapere di più riguardo a che cosa sta accadendo e cosa accadrà al nostro Pianeta, What-u ha intervistato lo scienziato Andreas Fischlin, dal 1982 professore all’ETH e all’Università di Zurigo, dove insegna Scienze ambientali, membro di numerose organizzazioni scientifiche, rappresentante scientifico in tutti i negoziati UNFCCC (Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici), dal novembre 1988 a capo del gruppo di ecologia dei sistemi terrestri dell’Istituto di biogeochimica e dinamiche inquinanti ( IBP ) dell’ETH di Zurigo, affiliato al gruppo di Fisica ambientale del Prof. Niki Gruber ( UP ). I suoi principali interessi di ricerca sono la modellizzazione degli ecosistemi, in particolare degli ecosistemi forestali in un clima che cambia, l’ecologia dei cicli di popolazione e lo sviluppo di una metodologia per la modellazione strutturata di sistemi ecologici complessi. Autore principale del capitolo “Impatti sui cambiamenti climatici sulle foreste” del rapporto”Climate Change 1995″ per l’ IPCC (Intergovernmental Panel of Climate Change), è stato poi nominato coordinatore principale responsabile del capitolo “Ecosistemi, loro proprietà, beni e servizi” del rapporto “Cambiamenti climatici 2007” sempre per l’IPCC e grazie a questo suo contributo è stato nominato co-vincitore del Premio Nobel per la Pace 2007.

Perché la CO2 è importante?
L’anidride carbonica è un gas formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più importanti della Terra, in quanto è utilizzato dalle piante per produrre carboidrati in un processo chiamato fotosintesi. Dal momento che esseri umani e animali dipendono dalle piante per nutrirsi, la fotosintesi è indispensabile per la sopravvivenza della vita sulla Terra.
Tuttavia, la CO2 può avere anche effetti negativi. Un aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera provoca un fenomeno di surriscaldamento che potrebbe cambiare il clima terrestre. Negli spazi chiusi, i livelli di CO2 crescono facilmente sopra la soglia consigliata con conseguenti effetti avversi.

Cos’è il riscaldamento globale? Cos’è successo al nostro pianeta negli ultimi 50 anni?

Il riscaldamento globale significa temperature medie sulla superficie della Terra stanno aumentando. Lo fanno da quando l’industrializzazione. Poiché le misurazioni degli ultimi 50 anni sono le più affidabili, possiamo dire che gli esseri umani hanno causato questo riscaldamento globale, come osservato negli ultimi 50 anni attraverso la combustione di carbone, petrolio e gas.

Ora il clima ci dà segni di grande cambiamento. Cerchiamo di immaginare una scala di tempo che cosa dovremmo aspettarci nei prossimi anni?

I prossimi anni non mostreranno ancora dei cambiamenti drammatici. Eppure, non mi fraintenda non voglio sminuire ciò che è già accaduto a tutti coloro che sono già stati colpiti dalle inondazioni, dalla diminuzione dei raccolti, dalla siccità e dalla mancanza di acqua pulita a causa del riscaldamento globale. Ma il futuro aumenterà questi effetti. Poiché il riscaldamento globale attualmente ha raggiunto un grado superiore ai livelli preindustriali, un riscaldamento di 2 gradi significa l’avverarsi di circa il doppio di questi impatti. Quindi a 3 gradi di riscaldamento l’impatto andrà valutato al triplo e così via. Noi scienziati non possiamo predire il futuro, ma possiamo indicare un possibile scenario facendo alcune valutazioni. Ad esempio nel business come scenario abituale si presume che noi esseri umani non facciamo sforzi significativi per fermare il riscaldamento globale. In questo scenario i nostri modelli climatici calcolano un riscaldamento globale che potrebbe arrivare a quasi 5 gradi sopra i livelli preindustriali con effetti molto significativi e peggiori di quelli che vediamo oggi.

Da dove deriva la CO2?
Le concentrazioni interne di anidride carbonica sono attribuibili a una combinazione di CO2 immessa dall’esterno, respirazione interna e tasso di ventilazione dell’edificio. Dal momento che edifici e abitazioni diventano sempre più ‘sigillati’ e a basso consumo energetico, l’afflusso di aria fresca risulta minore. Molti dei sistemi di ventilazione moderni riciclano l’aria per preservare l’energia, ridistribuendo praticamente l’aria contaminata piuttosto che facendone circolare di nuova. Ciò si traduce in alte concentrazioni di CO2 e in uno scarso livello di qualità dell’aria interna.

Il riscaldamento globale perché i prossimi 10 anni saranno decisivi?

Ciò che sarà decisivo nei prossimi dieci anni è ciò che faremo in merito al cambiamento climatico. Abbiamo ancora l’opportunità di fermare il riscaldamento, ma solo se agiamo ora e cominciamo a ridurre drasticamente le emissioni di CO2.

Quali saranno le conseguenze sui sistemi naturali e umani?

Nel dicembre 2015 a Parigi tutti i governi hanno concordato di limitare il riscaldamento globale a ben al di sotto dei 2 gradi e di proseguire gli sforzi per limitarlo anche a 1,5 gradi sopra i livelli preindustriali. Se non riusciamo a ridurre rapidamente le emissioni di CO2 e continuiamo a rilasciare CO2 nell’atmosfera ai tassi attuali nei prossimi anni, rischiamo che le temperature globali superino quelle soglie previste dall’accordo di Parigi. Le conseguenze saranno più che il raddoppio degli impatti che abbiamo avuto finora e molti altri a venire se non fermiamo il riscaldamento globale. Le forti precipitazioni si alternano con ondate di calore. Le ondate di caldo prolungato di solito portano alla siccità e alla mancanza di acqua per piante, animali e il calore ostacola l’agricoltura, molte attività nell’industria e nel settore dei servizi. Per esempio, le centrali elettriche che necessitano di acqua di raffreddamento potrebbero dover ridurre la produzione e i lavoratori edili e altri lavoratori esterni correrebbero grandi rischi per la loro salute. Il calore può anche influenzare i binari ferroviari e potrebbe accadere che i treni non potranno più circolare. E poi il riscaldamento globale può essere limitato a sufficienza solo se rimuoviamo attivamente CO2 dall’atmosfera e lo rimettiamo a terra su larga scala, usando le cosiddette BECCS (bioenergia e Carbon Capture and Storage).

Il suo studio più recente parla anche di sviluppo sostenibile, eliminazione della povertà e riduzione delle disuguaglianze. Può spiegaci il legame di questi aspetti con l’impatto climatico?

I paesi in via di sviluppo sono tra quelli che in passato hanno contribuito molto meno dei paesi industrializzati alla CO2 che attualmente è presente nell’atmosfera. Tuttavia, molti studi dimostrano che le persone svantaggiate in generale, comprese quelle che vivono nei paesi meno sviluppati, soffrono maggiormente degli impatti del cambiamento climatico. Un esempio esemplificativo è l’agricoltura. Data la disponibilità di acqua sufficiente, le piante coltivate crescono al meglio, fino a raggiungere una temperatura ottimale. Ora immagini che le temperature aumentino di 1 grado sia in un paese in via di sviluppo vicino all’equatore sia in un paese industrializzato del Nord. Le colture potranno subire cambiamenti che influiranno sulla loro crescita e ciò comporterà grandi disuguaglianze che è probabile che ostacoleranno lo sviluppo sostenibile nel paese più povero vicino all’equatore. Non solo lo sviluppo sostenibile, ma soprattutto l’eliminazione della povertà dovrebbe risentire in modo considerevole del riscaldamento globale. Molti studi hanno dimostrato che le disuguaglianze all’interno di un paese sono aggravate anche dall’impatto del cambiamento climatico, poiché l’adattamento richiede risorse. Ovviamente, con un aumento dei rischi di siccità, anche nel Nord, prima o poi l’agricoltura avrà problemi ovunque. Tuttavia, ritengo che dovremmo cercare di proteggere i più vulnerabili dalle conseguenze del riscaldamento globale. Ancora di più se hanno contribuito meno al problema.

È ancora possibile limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi centigradi e come?

È possibile se smettiamo di bruciare carbone, petrolio e gas il più velocemente possibile. La nostra relazione sulla limitazione del riscaldamento globale a 1,5 gradi al di sopra dei livelli preindustriali dimostra che ad es. il carbone dovrebbe essere gradualmente eliminato e le emissioni di CO2 dovrebbero essere dimezzate entro il 2030. Tutti gli scenari che sono coerenti con il limite di 1,5 gradi richiedono di raggiungere lo zero emissioni nette di CO2 entro il 2050. Fino ad allora rimane poco tempo, il che significa che dobbiamo trasformare il nostro sistema energetico in misura e in scala, che è storicamente senza precedenti. La soluzione prevede naturalmente il passaggio alle rinnovabili fotovoltaiche, eoliche, biomasse, geotermiche, ad onda e idroelettriche. E questo deve essere fatto il più velocemente possibile in modo che la neutralità del carbonio sia raggiunta entro la metà del secolo.


Che cosa ciascuno di noi dovrebbe fare per migliorare la situazione?

Contribuire a far sì che questo passaggio dai combustibili fossili alle fonti rinnovabili sia in qualsiasi modo possibile. Aiutare a ottenere le condizioni politiche necessarie che favoriscono questo passaggio, ad esempio con il vostro voto, e contribuire considerando nella vostra vita quotidiana e in ogni decisione, domandandoci quando acquistiamo qualcosa se esistono alternative disponibili senza emissioni di CO2. Le case moderne potrebbero trarre vantaggio da energia fotovoltaica e geotermica a basso costo. Consideri allo stesso modo l’aspetto CO2 con i beni di consumo. Un esempio? Iniziando a mangiare meno carne o scegliere un’auto elettrica se si ha necessità di un mezzo di trasporto personale.

E le persone che governano i paesi di cosa dovrebbero fare immediatamente? Trump non sembra così interessato a questo argomento…

Trump afferma di essere un genio, ma sono sicuro che non capisce la scienza del clima. Fortunatamente, la grande maggioranza dei governi ha compreso i risultati raggiunti finora e al summit di Parigi ha deciso di agire di conseguenza. Il piano è di fermare il riscaldamento globale per evitare gli impatti negativi complessivi. Ci sono molte cose che i governi possono fare. Per esempio prendere decisioni sul prezzo del carbonio considerando i costi reali della combustione di combustibili fossili, facilitando l’introduzione di fonti rinnovabili, con sussidi o sgravi fiscali o altri mezzi di facilitazione. I governi possono anche aiutare a comprendere il significato dei rischi che stiamo correndo con campagne di educazione e informazione. Per esempio facendo in modo che il trasporto pubblico e altre infrastrutture generali dipendano solo da fonti rinnovabili. L’obiettivo è di mantenere la temperatura più bassa possibile, dal momento che gli impatti sono più negativi e più significativi, più le temperature salgono. L’accordo di Parigi persegue tali obiettivi a livello internazionale e ci si aspetta che ogni paese membro attui politiche climatiche in linea con gli obiettivi dell’accordo. Fortunatamente gli Stati Uniti sono ancora membri dell’Accordo di Parigi e non possono andarsene prima della fine del 2020, e Trump cerca la rielezione… Mi aspetto che gli Stati Uniti agiscano in conformità con l’accordo e siano all’altezza delle loro responsabilità, essendo storicamente uno dei maggiori contributori al problema.

Un noto climatologo e meteorologo italiano ha detto che entro il 2050 non ci sarà più ghiaccio al polo nord…

Scusi, ma mi sembra sbagliato. Sicuro che abbia detto esattamente queste parole? Forse intendeva dire che raramente ci sarà del ghiaccio al Polo Nord in estate… Il ghiaccio marino invernale al Polo Nord sarà ancora abbondante. Inoltre, consideri che il tempo non è il clima! Quindi, mi aspetto che entro il 2050 alcune estati artiche avranno ancora un po ‘di ghiaccio marino. La grande differenza di clima, se non riduciamo drasticamente le emissioni a partire da ora, si verificherà solo dopo il 2050. Lo scenario delle estati artiche senza ghiaccio marino diventa sempre più frequente e alla fine del secolo è probabile che tutto il ghiaccio marino durante quasi ogni estate si sciolga. La buona notizia è che, con politiche climatiche molto ambiziose, questo può essere evitato. In contrasto con gli scudi di ghiaccio, il ghiaccio marino può riprendersi rapidamente quando causiamo la caduta delle temperature globali.

Quali potrebbero essere i primi paesi colpiti dal cambiamento climatico e in che modo?

Tutti i paesi sono interessati. È vero che alcuni paesi hanno un impatto diretto maggiore, per esempio l’Africa e altri paesi in via di sviluppo che subiscono impatti più gravi e che non dispongono di mezzi per adeguarsi. Tuttavia, oggi siamo già tutti collegati. L’economia mondiale unisce molti paesi e tutti noi siamo già colpiti dal riscaldamento globale di un grado, direttamente o indirettamente. Siamo già su un pendio scivoloso e ora siamo nella fase della discesa. È necessario fermare ora il riscaldamento globale prima che sia troppo tardi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!