FIRENZE DEDICA UNA PIAZZA A SALVATORE E WANDA FERRAGAMO - WHAT-U

Il sindaco Dario Nardella mentre toglie la copertura dal nome della piazzetta dedicata a Salvatore e Wanda Ferragamo
Foto di cortesia / Gianni Pasquini

Una piazza dedicata a Salvatore e Wanda Ferragamo, l’annuncio è stato fatto dal sindaco di Firenze Dario Nardella, che oggi ha svelato la targa dedicata ai due stilisti, ossia il fondatore della casa di moda e la sua defunta moglie, per il loro contributo allo sviluppo economico e culturale di Firenze, dove l’attività è stata fondata nel 1927. La “Piazzetta Salvatore e Wanda Ferragamo” si trova nel cuore della città tra Ponte Vecchio, Via dei Bardi e Via Guicciardini, a cinque minuti a piedi da Palazzo Pitti e dal museo cittadino dedicato alla moda e ai costumi.”Abbiamo scelto un posto speciale per loro, un piccolo angolo nel cuore della città, a un passo da Ponte Vecchio”, ha detto Nardella alla cerimonia di commemorazione. “I bambini di Salvatore e Wanda mi hanno raccontato di come i loro genitori si siano divertiti a passeggiare in questa zona e siamo molto orgogliosi di dedicare questo spazio a due persone che hanno lavorato a Firenze con umiltà, passione, tenacia e lungimiranza, rendendo la nostra città famosa in tutto il mondo”, continua il sindaco alla presenza della famiglia Ferragamo, tra cui il presidente della società Ferruccio Ferragamo , la sorella Giovanna e i fratelli Leonardo e Massimo. “Firenze ha avuto un immenso fascino per nostro padre, che ha scelto di renderlo la sua casa per la sua famiglia e il suo lavoro”, ha detto Ferruccio Ferragamo. “Nostra madre è stata in grado di riprendere da dove aveva lasciato, raggiungendo sempre nuovi orizzonti, condividendo ed esaltando i suoi valori e l’esempio che ha dato alla sua famiglia e ai suoi lavoratori. Queste sono le persone che hanno sostenuto lo sviluppo della nostra attività e alle quali esprimiamo la nostra sincera gratitudine “. Alla fine del suo discorso, riporta WWD, Nardella ha letto anche la lettera dedicata a Firenze che Wanda Ferragamo ha scritto nel 2003. La lettera faceva parte delle precise istruzioni che la matriarca della famiglia Ferragamo aveva lasciato per i suoi funerali e fu letta per la prima volta da Ferruccio Ferragamo in una messa tenuta in sua memoria un mese dopo la sua morte. “Ho imparato ad amarti e apprezzare a poco a poco”, ha scritto, mentre si trasferisce a Firenze all’età di 18 anni dalla sua città natale di Bonito, in Italia , quando sposò Salvatore Ferragamo . Ha citato la bellezza artistica di Firenze, la sua tradizione artigianale e le sue colline, il suo umanesimo che “ha influenzato e arricchito il mio spirito, dandomi una serenità che ho incanalato in [la compagnia], che il mio indimenticabile Salvatore ha trasmesso a me e ai miei figli”. conclusi desiderando che la città potesse rimanere “sempre la gemma preziosa della nostra amata Italia “.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!