[gtranslate] DOPO RIHANNA, ANCHE LA MCCARTNEY ENTRA NEL TEAM DI LVMH - WHAT-U

di Patrizia Mattei

Stella McCartney
ph. Mary McCartney

Cambia rotta Stella McCartney, che dopo essersi chiusa alle spalle amichevolmente la partnership con Kering, che l’anno scorso ha iniziato a ristrutturare il suo portafoglio, virando il suo marchio sempre più verso la rotta del sostenibile, ha siglato una nuova partnership con l’altro gigante del lusso francese, LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton i cui dettagli si conosceranno meglio a settembre. Un accordo che ha lasciato molti sorpresi, visto che Kering e LVMH sono rivali. Ma gli affari sono affari e quando ci sono di mezzo tanti soldi e il destino della propria azienda non si guarda in faccia a nessuno. Così un altro marchio a conduzione femminile, il primo è stato Fenty, quello di Rihanna è entrato a far parte dell’impero LVMH, quello della figlia di Paul McCartney, che continuerà a lavorare come direttore creativo e ambasciatrice della sua azienda, mantenendone la maggioranza. Inoltre, ricoprirà una posizione e un ruolo specifici in materia di sostenibilità, in qualità di consigliere speciale del presidente e amministratore delegato di LVMH, Bernard Arnault e dei membri del comitato esecutivo. Arnault si è detto “estremamente felice” per la nuova partnership.”È l’inizio di una bella storia insieme, e siamo convinti del grande potenziale a lungo termine della sua casa”. Un fattore decisivo è stato il fatto che Stella è stata la prima a mettere la sostenibilità e le questioni etiche sul palcoscenico e ha costruito la sua casa attorno a questi valori ritenuti importanti anche che LVMH, che è stata la prima grande azienda in Francia a creare un dipartimento per la sostenibilità, più di 25 anni fa. “Stella ci aiuterà ad aumentare ulteriormente la consapevolezza su questi importanti argomenti”, ha concluso Arnault. Parole al miele sono state espresse anche dalla McCartney che ha detto: “Nessuno poteva eguagliare la conversazione che avevo con Bernard Arnault e suo figlio Antoine. La passione e l’impegno che hanno espresso verso il marchio Stella McCartney insieme alla loro convinzione nelle ambizioni e ai nostri valori come leader globale nella moda di lusso sostenibile è stato davvero impressionante “, ha detto. “La possibilità di realizzare e accelerare “il pieno potenziale del marchio accanto a Mr. Arnault e come parte della famiglia LVMH, pur mantenendo la partecipazione di maggioranza nel business, è stata un’opportunità che mi ha entusiasmato enormemente. Collaborare con il signor Arnault, la sua famiglia e LVMH è un grande passo per me e la mia famiglia, ma anche per il team di Stella McCartney”, ha concluso Stella.

Mary, Paul and Stella McCartney
ph. Mpl Communication

Meat Free Mondays

Stella, sua sorella Mary McCartney e papà Paul da anni si sono fatti promotori di una campagna ambientale nota col nome “Meat Free Mondays” per sensibilizzare le coscienze sul problema dell’impatto della produzione e del consumo di carne sul clima. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura, l’allevamento di bestiame è responsabile del 14,5% delle emissioni a effetto serra di tutto il pianeta. Alcuni ricercatori ritengono che questa percentuale sia più alta e perfino superiore a quella delle emissioni prodotte dall’intero sistema dei trasporti mondiale.  Meat Free Mondays si occupa di diffondere queste informazioni e dei problemi di salute associati al consumo di carne, promuovendo appetitose alternative vegetariane.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY