•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Carrie Symonds con il premier britannico Boris Johnson

Sarà una Pasqua speciale quella di Boris Johnson e la sua compagna Carrie Symonds, perché il premier è finalmente uscito dal St Thomas hospital. ‘Ci sono state volte la scorsa settimana che sono state davvero molto buie”, ha detto. ‘Il mio cuore va a tutti coloro che si trovano in situazioni simili, preoccupati per i loro cari. Non potrò mai ringraziare abbastanza il nostro magnifico SSN. Il personale dell’ospedale St Thomas è stato incredibile. Non potrò mai e poi mai ripagarli e non smetterò mai di ringraziarli” queste le parole pronunciate da Johnson prima di essere dimesso e riportate dal Daily Mail. Alle quali si sono aggiunte quelle scritte in un post appena 15 minuti fa. “È difficile trovare le parole per esprimere il mio debito con il SSN per avermi salvato la vita. Ne vale la pena l’impegno di milioni di persone in questo paese per restare a casa. Insieme supereremo questa sfida, poiché abbiamo superato così tante sfide in passato”.

La Symonds, che tra poco renderà padre il suo Boris, ha raccontato la sua agonia via Social mentre il Primo Ministro stava combattendo la sua battaglia contro la morte in terapia intensiva. 

Johnson ora “su consiglio del suo team medico, non tornerà immediatamente al lavoro”, ma si rifugerà nel Buckinghamshire per riposare ed è probabile che il segretario agli affari esteri Dominic Raab, almeno per il momento, resti incaricato della gestione del governo. Non solo il premier, ma anche la Symonds ha ringraziato l’intero Servizio sanitario nazionale. E molti suoi follower lo hanno incoraggiato scrivendogli: “Sei stato un grande combattente”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!