•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Frans Timmermans, vicepresidente esecutivo della Commissione, sul Green Deal europeo e sulla legge europea sul clima

Martedì la commissione parlamentare per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare ha avuto uno scambio di opinioni con Frans Timmermans, vicepresidente esecutivo della Commissione, sul Green Deal europeo e sulla legge europea sul clima.

La scorsa settimana, nella sua risoluzione sull’azione coordinata dell’UE per combattere la pandemia COVID-19 e le sue conseguenze, il Parlamento ha invitato la Commissione a proporre un pacchetto di recupero e ricostruzione che “dovrebbe avere al centro il Green Deal e la trasformazione digitale al fine di avviare l’economia “.

Timmermans ha concordato e aggiunto che il Green Deal europeo non è un lusso, ma un’ancora di salvezza per uscire dalla crisi del Coronavirus. Sono necessarie risposte paneuropee e una ripresa verde non è solo possibile ma cruciale, poiché l’Europa perderebbe due volte se mobilitassimo investimenti per ripristinare la vecchia economia prima di renderla verde e sostenibile

Mentre tutti i deputati hanno concordato che risolvere la crisi sanitaria è la priorità immediata, molti deputati hanno sottolineato la necessità di mantenere il calendario su parti importanti del Green Deal europeo. Timmermans ha affermato che il calendario per la legge dell’UE sul clima è invariato, con una proposta di obiettivi di riduzione rivista per il 2030 prevista per settembre, mentre la strategia dell’UE sulla biodiversità e la strategia farm-to-fork rimangono priorità importanti, ma dovrebbero essere ritardate ” poche settimane, ma non mesi ”.

Il punto

Il 28 novembre 2019, il Parlamento europeo ha dichiarato un’emergenza climatica in Europa e nel mondo. I deputati hanno inoltre chiesto che tutte le pertinenti proposte legislative e di bilancio dell’UE siano pienamente allineate con l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a meno di 1,5 ° C. La Commissione ha proposto l’ accordo verde europeo l’11 dicembre 2019. Ciò è stato seguito da una proposta di legge dell’UE sul clima del 4 marzo 2020 per garantire un’Unione europea neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. La legge sul clima deve essere approvata dal Parlamento europeo e il Consiglio dei ministri attraverso la procedura legislativa ordinaria.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!