•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il numero dei contagi da Coronavirus in Canada ha superato i 45.000 (45.354) dal 15 gennaio a oggi, con 1.466 casi nelle ultime 24 ore. Lo ha annunciato il ministero canadese della Salute, secondo quanto riferisce la Tass. Il dato recente è leggermente in calo rispetto a venerdì, quando erano stati registrati 1.778 contagi. La maggior parte dei casi si è registrata nelle province di Quebec (23.267), Ontario (13.995) e Alberta (4.233). Tamponi sono stati effettuati su un totale di 684.200 persone. Circa 16.400 sono i pazienti guariti, 2.465 sono morti. Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha dichiarato che, secondo le previsioni del governo, l’epidemia in Canada raggiungerà il suo apice a fine maggio e che la prima ondata dell’infezione si concluderà a fine estate. Gli Stati Uniti nelle prossime settimane dovrebbero almeno raddoppiare i test per il Covid-19 prima di riaprire l’economia, lo ha detto l’immunologo Anthony Fauci, capo dell’istituto statunitense National Institute of Allergy and Infectious Diseases, la voce più autorevole della task force antivirus della Casa Bianca. Fauci, parlando al meeting annuale della National Academy of Sciences, ha spiegato che al momento ci sono circa 1,5-2 milioni di test a settimana, ma che non bastano: “Bisogna isolare i contagiati perché non infettino gli altri e riportare la situazione sotto controllo, altrimenti non torneremo mai alla normalità”. E bruciare le tappe nelle riaperture, ha ammonito, “porterà quasi certamente a un rimbalzo dei contagi”. Frase che farà di nuovo indispettire il presidente Trump.

Balza di nuovo al centro delle cronache Bill Gates che facendo riferimento agli studi che si stanno facendo ad Oxford per trovare un nuovo vaccino, ha detto che se funzionerà comincerà a finanziarlo e garantirà che sia realizzata una produzione di massa. Il loro lavoro “è uno dei maggiori in corso”, ha detto il filantropo sottolineando di essere già in contatto con diverse case farmaceutiche per la produzione di un eventuale vaccino.

Il Regno Unito è il quarto Paese europeo a superare i 20.000 morti ufficiali dietro Spagna, dove nelle ultime 24 ore si è registrato un lieve aumento delle vittime con 378 decessi nelle ultime ore, Italia e Francia. Alla Spagna spetta anche il triste primato del paese con il maggior numero di professionisti della salute infettati da coronavirus. Intanto, con oltre 4 miliardi di persone in tutto il mondo ancora in lockdown, in alcuni Paesi cresce il dibattito sull’allentamento della misure. Spagna e Francia, ad esempio, cominceranno a togliere qualche restrizione dal 9 e dall’11 maggio. In Belgio da metà mese. L’Italia dal 4. La Danimarca ha riaperto da qualche giorno diverse attività, come parrucchieri e centri estetici, e le scuole materne ed elementari. La Svezia continua a non imporre nessun tipo di lockdown nonostante negli ultimi due giorni abbia registrato un record di contagi con 812 nuovi casi. In Germania la scorsa settimana hanno riaperto botteghe, negozi di biciclette e librerie ma l’Istituto Robert Koch chiede alla popolazione di non abbassare la guardia. Nel Paese guidato da Angela Merkel il numero di casi di coronavirus è alto, 155.418, ma quello delle vittime relativamente basso, 5.805. La Polonia ha annunciato la chiusura delle scuole per un altro mese, fino al 24 maggio. (M.G.)


   


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!