it Italian
ar Arabicbg Bulgarianca Catalanzh-CN Chinese (Simplified)cs Czechda Danishen Englishtl Filipinofi Finnishfr Frenchde Germanhaw Hawaiianhi Hindiit Italianja Japaneseko Koreanpt Portugueseru Russiansk Slovaksl Slovenianes Spanishta Tamilth Thai
IL TURISMO FA LA CONTA DEI DANNI CAUSATI DAL LOCKDOWN: PERSI 390 MILIONI DI VIAGGI IN PRIMAVERA E 270 MILIONI DURANTE LA STAGIONE ESTIVA - WHAT-U

L’industria del turismo è attualmente colpita dall’epidemia di Covid-19, a causa delle restrizioni ai viaggi che sono state implementate in risposta alla pandemia. Per valutare la potenziale perdita che il settore del turismo avrà subito a causa di queste restrizioni, Eurostat ha esaminato le cifre del turismo dei due anni precedenti per i periodi di marzo-giugno (la “stagione delle spalle di primavera”) e luglio-agosto (il “picco” stagione estiva’). Ai fini di questa analisi, la stagione di “picco estivo” non comprende giugno, ma si concentra sui due mesi (luglio e agosto) che si sovrappongono alla stagione delle vacanze principale nella maggior parte degli Stati membri.

La primavera e l’estate sono le stagioni più popolari per l’industria turistica europea. Nel 2019, il numero di notti trascorse da residenti e non residenti negli stabilimenti di accoglienza turistica dell’UE durante la primavera e l’alta stagione estiva hanno rappresentato ciascuno circa un terzo (32%) del totale annuale per pernottamenti

La quota di notti trascorse in questi alloggi è stata particolarmente elevata nel mese di giugno per la stagione primaverile, pari all’11% del totale annuale, nonché nei mesi di luglio (15%) e agosto (17%). Una tendenza analoga si osserva sia per i residenti che per i non residenti nei paesi visitati. In tutti gli Stati membri dell’UE, la quota che la stagione primaverile contribuisce ai soggiorni annuali di alloggio turistico è relativamente simile, che varia dal 24% in Croazia e dal 27% in Bulgaria al 35% a Cipro, Lussemburgo, Malta e Paesi Bassi. Per l’alta stagione estiva, questa quota variava dal 23% a Malta al 58% in Croazia.

390 milioni di viaggi in primavera, 270 milioni di viaggi durante l’alta stagione estiva

Nella primavera del 2018, i residenti dell’UE hanno effettuato quasi 390 milioni di viaggi turistici, pari al 34% del totale annuale. Durante questi viaggi, hanno accumulato oltre 1,8 miliardi di pernottamenti e speso 170 miliardi di euro. Oltre i due terzi (70%) di questi viaggi erano all’interno del paese di residenza, mentre il 22% erano viaggi in altri paesi dell’UE e l’8% verso destinazioni al di fuori dell’UE. Un modello simile è stato osservato per i viaggi durante tutto l’anno, anche durante l’alta stagione estiva. Nell’estate 2018, oltre 270 milioni di viaggi sono stati effettuati da residenti dell’UE, pari al 24% del totale annuale. Questi viaggi ammontavano a oltre 1,9 miliardi di pernottamenti e quasi 138 miliardi di euro alla spesa turistica.

Principali destinazioni in Spagna e Italia per visitatori all’interno dell’UE

Le destinazioni europee preferite dai residenti dell’UE al di fuori del proprio paese erano: Spagna, Italia e, in misura minore, Francia e Germania, che insieme rappresentavano il 49% dei viaggi all’interno dell’UE nella primavera del 2018 e il 45% in estate. Da marzo a giugno, l’Austria ha dominato la top 5 delle destinazioni preferite all’interno dell’UE, a luglio e agosto la Croazia è stata tra le destinazioni più popolari per i turisti dell’UE.

I lussemburghesi preferiscono viaggiare all’estero durante la primavera e l’estate

Nel 2018, i residenti in Lussemburgo hanno preferito viaggiare all’estero, con quasi tutti i loro viaggi turistici (98%) al di fuori del loro paese di residenza in primavera e il 99% dei loro viaggi all’estero durante l’alta stagione estiva. Una tendenza simile è stata osservata per i residenti in Belgio, dove una grande maggioranza di viaggi durante la primavera e l’alta stagione estiva sono stati effettuati al di fuori del paese di residenza (79%). All’altra estremità della scala, i residenti in Romania e Spagna hanno preferito viaggiare nel loro paese di residenza in primavera, effettuando rispettivamente viaggi nazionali del 94% e 90%. Durante l’estate, questo valeva anche per i greci, i rumeni, i portoghesi e gli spagnoli, che effettuavano la maggior parte dei loro viaggi turistici nel loro paese di residenza (rispettivamente 95%, 91%, 90% e 89%).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!