•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

di Patricia Sinclair

Stanley Tucci, chi non lo ricorda nei panni di Nigel, ne “Il Diavolo Veste Prada (The Devil wears Prada), lui era il più stretto collaboratore di Miranda Priestly, la terribile direttrice di Runway, e grazie a lui Andy, (nel film Andrea Sachs, nella vita Anne Hathaway), la giovane neolaureata giornalista che viene assunta a Runway, pur non avendo la minima inclinazione per il mondo della moda e le basi dell’eleganza, si trasforma in una donna bella, raffinata ed elegante. Ma Tucci non ha interpretato solo egregiamente il ruolo di ‘consulente di immagine’, ma anche quello, sicuramente più inquietante, del serial killer nel film ‘Amabili resti’, tratto dal romanzo del 2002 della scrittrice statunitense Alice Sebold, vincitrice del Premio Bram Stoker al romanzo d’esordio assegnato nel 2003. Un attore sicuramente poliedrico e anche un ottimo cuoco che ha tenuto banco sul web durante il lockdown, dando consigli di cucina tratti dal suo libro ‘The Tucci Cookbook’, pubblicato nell’ottobre del 2012, ma tornato virale il mese scorso, grazie al fatto che ha messo in mostra le sue abilità culinarie sul Web mostrandosi o e condividendo grazie al suo ‘diario online TheAtlantic.com , le sue capacità.

Un amore per i fornelli che forse gli ha trasmesso il nonno italiano Stanislao Tucci, di Marzi, in provincia di Cosenza e la madre proveniente da Cittanova, provincia di Reggio Calabria. In ogni caso quel che sia sia, ‘nella famiglia la voglia di cucinare non manca mai e a quanto pare è stata trasmessa anche a grandi e piccoli’, dice Tucci vagamente ironico’. Lui e sua moglie, Felicity Blunt, il figlio Matteo, 5 anni, e la figlia Emilia, 2, così come i suoi tre figli nati dal precedente matrimonio con sua moglie Kate, due gemelli di 20 anni Isabel e Nicolo e 18 anni, Camilla, hanno un legame a doppio filo con il cibo.

“Se nel Regno Unito non è rimasto burro Kerrygold, è perché o è nel nostro congelatore oppure lo abbiamo mangiato tutto”, ha detto scherzando l’attore. La sua ricetta più gettonata durante il lockdown? La ‘pasta alla Norma’, ha risposto lui con un velo di ironia

Tucci ha vinto due volte il Golden Globe, per ‘Winchell’ (1998) e ‘Conspiracy – Soluzione finale’ (2001) e per quest’ultimo ha anche ricevuto una nomination per lo Screen Actors Guild Award. Nel 2010 è stato nominato all’Oscar per ‘Amabili resti’ come miglior attore non protagonista nel 2010.

Ecco la ricetta della ‘Pasta alla Norma’ di Stanley Tucci 

La ‘pasta alla Norma’ è un piatto dai sapori tipicamente mediterranei a base di pasta, solitamente maccheroni, condita con pomodoro e con l’aggiunta successiva di melanzane fritte, ricotta salata e basilico

Quantità per per 4 persone
320 gr di pasta (penne, fusilli, sedani rigati), 400 gr melanzane, 700 gr di pomodori freschi tondi da sugo (oppure 500 gr di pomodori pelati, oppure datterini pelati ), 150 gr di ricotta salata da grattugiare, 2 – 3 cucchiai di olio extravergine, 2 spicchi di aglio, basilico fresco, sale e olio per friggere

Prima di tutto, tagliate le melanzane in 4 parti e affettate ogni spicchio in fettine sottili di qualche millimetro:

Poi friggete in una padella larga con abbondante olio bollente le melanzane per circa 1 – 2 minuti. Infine scolate su carta assorbente pochi secondi. Se decidete di utilizzare i pomodori freschi, incideteli, sbollentateli in acqua 10 minuti. Passateli al passaverdure o minipimer e ricavate la polpa. Se invece avete scelto pomodori pelati oppure pelati di datterini passateli direttamente in un passaverdure o minipimer, in modo da ricavare una salsa liscia.

Infine soffriggete in 2 cucchiai di olio, gli agli sbucciati e leggermente schiacciati. Fate imbiondire pochi secondi, aggiungete il sugo di pomodoro e una parte di basilico.

Fate cuocere 15 minuti a fuoco moderato con basilico fresco fino a quando non otterrete una salsa profumata. Infine aggiungete sale e qualche altra foglia di basilico fresco. Eliminate gli agli dal sugo e ponete da parte. Poi cuocete la pasta perfettamente al dente, in abbondante acqua e sale grosso.

Scolate la pasta e versate direttamente i maccheroni nel sugo di pomodoro che avrete rimesso su fuoco lento. Girate e mantecate e condite perfettamente. Qual è il tocco magico? Aggiungere in ogni piatto una porzione di pasta, melanzane fritte e completate con ricotta salata grattugiata e basilico fresco.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!