•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Presidente del Parlamento europeo David Sassoli oggi ha avuto uno scambio di vedute con il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel e la Presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, in vista del prossimo Consiglio europeo del 19 Giugno. Al centro dei colloqui il pacchetto costituito da NextGenerationEU e dal QFP. Queste le parole di Sassoli : “La posizione del Parlamento è che il pacchetto si può migliorare, ma attenzione a non tornare indietro. Il dialogo tra le istituzioni europee in questo momento è particolarmente importante per dare una risposta rapida ai cittadini”. Sassoli, infine, ha invitato i due Presidenti ad un confronto costante e ad incontrare le diverse istanze dell’Europarlamento nelle prossime settimane.

Per rilanciare l’economia è necessario un ritorno a Schengen

È necessario un rapido ritorno a uno spazio Schengen perfettamente funzionante per salvaguardare la libera circolazione e garantire la ripresa economica dell’UE, ha afferma oggi il Comitato per le libertà civili. I deputati della commissione per le libertà civili oggi hanno espresso preoccupazione per l’attuale situazione dei controlli alle frontiere interne nell’area Schengen e il loro impatto sulle persone e sulle imprese, in una risoluzione adottata giovedì con 53 voti favorevoli, 6 contrari e 6 astensioni. Per salvaguardare la libera circolazione, uno dei principali risultati dell’integrazione europea per garantire la ripresa economica dell’UE dopo la pandemia, hanno sottolineato che ora più che mai è necessario un rapido e coordinato ritorno in uno spazio Schengen pienamente funzionale. I deputati hanno chiesto inoltre con urgenza un dibattito sull’istituzione di un piano di risanamento per Schengen e sui modi e i mezzi per tornare a uno spazio Schengen pienamente funzionante il più rapidamente possibile, per evitare che i controlli temporanei alle frontiere interne diventino semi-permanenti. Il piano dovrebbe includere anche piani di emergenza in caso di una potenziale seconda ondata.

Il presidente e relatore della commissione per le libertà civili Juan Fernando López Aguilar (S&D, ES) ha dichiarato: “Per la stragrande maggioranza dei cittadini dell’UE, l’area Schengen costituisce uno dei più grandi traguardi nella storia dell’UE e non ha mai sperimentato l’epidemia di una pandemia così grave sul suo territorio. Deploro fermamente qualsiasi misura unilaterale o sproporzionata da parte dei singoli Stati membri per imporre restrizioni alle frontiere ad altri Stati membri senza comunicazione o con un termine chiaro e limitato. Tutte le azioni intese a ripristinare uno spazio Schengen pienamente operativo devono essere coordinate a livello dell’UE e rispettare pienamente il principio di non discriminazione ”.

Futuro di Schengen: nuova governance e allargamenti

A medio termine, i deputati sottolineano che sarà necessaria una riflessione su come rafforzare la fiducia reciproca tra gli Stati membri e garantire una governance veramente europea dell’area Schengen. Alla luce delle nuove sfide, chiedono alla Commissione di proporre una riforma della governance di Schengen. Nella loro risoluzione, i deputati chiedono inoltre al Consiglio e agli Stati membri di intensificare gli sforzi per l’integrazione di Schengen e prendere le misure necessarie per ammettere la Bulgaria, la Romania e la Croazia a Schengen. Ad eccezione di questi tre paesi, Cipro e Irlanda, tutti i paesi dell’UE fanno parte dell’area Schengen. Di Stati non appartenenti all’UE, Islanda, Norvegia, Svizzera e Liechtenstein hanno aderito a Schengen. La risoluzione dovrebbe essere votata nella sessione plenaria del 17-19 giugno. “Come cittadino italiano chiedo un intervento al ministro degli Esteri su tutti i nostri confini, il trattato di Schengen è parte fondante del patto europeo che ci tiene insieme, se salta, l’Europa è solo una parola retorica”, queste le parole di oggi del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti  a 24Mattino su Radio 24, che ha sollecitato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a sbloccare gli spostamenti tra i Paesi Ue. “La libera circolazione delle persone prima ancora delle merci è ciò che contraddistingue l’Unione Europea, se non c’è questo non c’è niente”, ha sottolineato Toti. “È chiaro che i Paesi europei oggi non hanno riaperto Schengen esattamente come avrebbero dovuto fare, è chiaro anche che questa prudenza mette in discussione il sistema europeo”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!