•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

di Patricia Sinclair

Sulla scia delle proteste sollevate dopo la morte di George Floyd, la leggenda del basket Michael Jordan ha annunciato che donerà $ 100 milioni alle organizzazioni che lottano per l’uguaglianza razziale. Michael ieri ha detto che attraverso il suo marchio Jordan, una divisione di scarpe e abbigliamento della Nike, avrebbero donato i fondi nei prossimi 10 anni con l’obiettivo di “garantire l’uguaglianza razziale, la giustizia sociale e un maggiore accesso all’istruzione”. Che sono esattamente i punti dai quali deve partire il cambiamento. Perché come abbiamo letto su tutti i Social e non solo ‘Le vite nere contano’ e in realtà bisognerebbe dire non solo quelle e a dirla tutta non dovrebbe esserci alcuna distinzione. “Ma fino a quando il razzismo radicato contribuirà al fallimento dell’istituzione del nostro Paese e il razzismo non sarà completamente sradicato, rimarremo impegnati a proteggere e migliorare la vita dei neri”, ha aggiunto l’ex star della NBA e l’attuale proprietario dei Charlotte Hornets. “Il marchio Jordan siamo noi, la comunità nera. Jordan Brand è più di un uomo. È sempre stata una famiglia. Rappresentiamo una famiglia orgogliosa che ha superato gli ostacoli, ha combattuto contro la discriminazione nelle comunità di tutto il mondo e che lavora ogni giorno per cancellare la macchia del razzismo e il danno dell’ingiustizia. La volontà, il lavoro, l’eccellenza che il mondo ha imparato a conoscere è il risultato di una generazione dopo l’altra, che riversa i loro sogni in quello successivo. Vedo e provo il dolore, l’indignazione e la frustrazione di tutti. Sto con coloro che stanno chiamando il razzismo radicato e la violenza nei confronti delle persone di colore nel nostro paese. Ne abbiamo abbastanza “, ha concluso Michael. 

Floyd è morto il 25 maggio dopo che l’agente di polizia Derek Chauvin, che è stato accusato di omicidio, e ora rischia 40 anni di carcere, gli ha premuto il suo ginocchio sul collo per quasi 9 minuti mentre giaceva prono per terra sulla strada e ansimando continuava a dire che non riusciva a respirare. Il leader dei diritti civili Rev Al Sharpton ha detto che è da tempo che i neri devono dire: “Levateci il ​​ginocchio dal collo!” La storia di George ha avuto un eco mediatico non solo per il modo in cui è morto l’uomo, ma anche per la crisi economica che dopo il lockdown ha aumentato il malcontento in tutta la nazione, risollevando le rimostranze anche per le vecchie questioni razziali.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!