•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

di Thomas Henry Taylor

Barbados, l’isola dei Caraibi orientali divenuta una nazione indipendente del Commonwealth, rimuoverà la regina dalla carica di capo di stato ufficiale il prossimo anno nel tentativo di lasciarsi alle spalle il suo “passato coloniale”.

Obiettivo raggiungere la piena sovranità per celebrare il suo 55 ° anniversario di indipendenza il prossimo novembre. Una decisione annunciata oggi dal primo ministro Mia Mottley e letta dal governatore generale del paese, Dame Sandra Mason.

La mossa è stata annunciata in un discorso scritto dal primo ministro Mia Mottley e letto dal governatore generale del paese, Dame Sandra Mason.

È giunto il momento di lasciarci definitivamente il nostro passato coloniale alle spalle. I Barbados vogliono un capo di stato delle Barbados. Quindi, la nazione proseguirà il cammino intrapreso verso la piena sovranità e diventeranno una repubblica quando celebreremo il nostro 55 ° anniversario di indipendenza”.

Sebbene il paese sia diventato libero dal dominio coloniale il 30 novembre 1966, la regina è rimasta il suo monarca costituzionale (è l’unico membro della famiglia reale con un ruolo costituzionale) con il titolo di Queen of Barbados e lei e la sua famiglia tutt’oggi rappresentano le Barbados nelle funzioni sia in patria che all’estero

L’idea di rimuovere la regina come capo di stato è maturata decenni fa, nel 1998, quando un comitato di revisione costituzionale propose che il paese diventasse una repubblica.

La maggior parte dei paesi dei Caraibi ha mantenuto legami formali con il Regno Unito anche dopo aver ottenuto l’indipendenza.  

Quando le Barbados diventeranno una repubblica, si uniranno a Trinidad e Tobago, Dominica e Guyana come paesi che hanno scelto di rimuovere la regina come capo di stato.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!