[gtranslate] REGINA DI STILE, KATE MIDDLETON È LA VERA EREDE DELLA PRINCIPESSA DIANA - WHAT-U

Kate Middleton e il marito William, duca di Cambridge con Carlo d’Inghilterra e la moglie Camilla
ph. Instagram

di Patrizia Vassallo

Classe ed eleganza questo il binomio vincente di Kate Middleton anche al vertice della COP26. Lunedì La duchessa di Cambridge ha partecipato alla “Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici” a Glasgow assieme al marito Prince William indossando un abito della collezione primavera 2020 del marchio di moda londinese Eponine.

L’abito della Middleton, un maxiabito in crepe di lana blu cobalto con maniche a tre quarti e bottoni neri, nuovo per la duchessa, che invece è nota per riciclare i suoi abiti, ha ricevuto molti complimenti al ricevimento serale per i membri della Sustainable Markets Initiative e i finalisti degli Earthshot Prize Awards, il programma ambientale fondato dal principe William e da Sir David Attenborough per aiutare a creare soluzioni per il cambiamento climatico e la sostenibilità.

Ad attirare l’attenzione degli ospiti anche la spilla Poppy Code Breakers, indossata dalla Middleton sullo sfavillante outfit, che si dice sia un tributo a sua nonna, Valerie Glassborow, che aiutò a decifrare i codici segreti dei tedeschi durante la seconda guerra mondiale al Bletchley Park, il centro principale di crittoanalisi del Regno Unito, oltre che sede della Scuola governativa di codici e cifrazione durante la guerra.

Kate e il marito William , duca di Cambridge, hanno pubblicato un post, dedicato all’evento, sul loro Instagram, scrivendo: “…I finalisti dell’#EarthshotPrize incontreranno anche i membri della Global Alliance del Premio, alcune delle più grandi corporazioni del mondo, filantropi e non profit – che forniranno supporto al Finalisti del premio con programmi di sostegno per sostenere i loro progetti”. Tra gli ospiti d’onore anche Carlo d’Inghilterra con la moglie Camilla e il primo ministro britannico Boris Johnson.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY