PUTIN CON L'AIUTO DI GAZPROMBANK HA DATO IL VIA ALLA CONVERSIONE DI TUTTI I PAGAMENTI COMMERCIALI IN RUBLI - WHAT-U

“Il mondo ha iniziato a perdere fiducia nel dollaro USA negli ultimi anni, quindi, data questa situazione, l’unica opzione è espandere l’uso delle valute nazionali”, ha detto mercoledì ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, lasciando intendere il cammino che ha già intrapreso dal Cremlino che è quello di ampliare l’uso delle valute nazionali negli accordi con altri paesi. “Dato che il prestigio del dollaro come principale valuta di riserva mondiale è precipitato negli ultimi anni, mentre anche la fiducia in altre valute riconosciute a livello internazionale non è al massimo ora, l’ampliamento dell’uso delle valute nazionali è l’unica e inevitabile alternativa a queste processi”, ha insistito Peskov. “Naturalmente, questa idea dovrebbe essere elaborata considerando che ci sono paesi che mostrano interesse reciproco nei reciproci accordi nelle valute nazionali”, ha proseguito il portavoce del Cremlino, “e se ci sarà un’istruzione del capo dello Stato al riguardo, prenderà sicuramente la forma di alcune proposte specifiche”, ha concluso.

Sull’espansione delle forniture per i rubli e dei pagamenti per il gas

Mercoledì scorso, il presidente della Duma, Vjaceslav Volodin ha scritto nel suo canale Telegram che sarebbe opportuno ampliare l’elenco delle merci esportate in rubli, inclusi grano, petrolio greggio e beni legati al legname. In precedenza, il presidente russo Vladimir Putin aveva ordinato agli stati ostili di pagare il gas russo in rubli precisando successivamente che Mosca avrebbe di sicuro rifiutato di accettare transazioni con valute “compromesse”, ovvero dollari ed euro ordinando al governo di apportare le modifiche necessarie ai contratti esistenti.

Il compromesso sulle valute

La Russia in queste ultime ore ha deciso di accettare pagamenti per il gas dai partner europei in euro tramite Gazprombank, che li convertirà in rubli, ha affermato il portavoce del governo tedesco Steffen Hebestreit a seguito di conversazioni telefoniche tra il presidente russo Vladimir Putin e il cancelliere tedesco Olaf Scholz. Il leader russo ha affermato che “i pagamenti continueranno ad essere inviati esclusivamente in euro e, come di consueto, trasferiti alla Gazprombank, che non è soggetta a sanzioni, poi la banca convertirà la somma in rubli”. Secondo la parte tedesca, “Scholz non ha acconsentito a questa procedura durante la conversazione, ma ha solo chiesto informazioni scritte per comprendere meglio la procedura”. “Resta in vigore l’accordo del G7: le forniture di energia si pagano esclusivamente in euro o dollari. Come indicato nei contratti”, si legge nel comunicato. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov mercoledì ha detto ai giornalisti che i pagamenti in rubli saranno accettati a partire dal 31 marzo. 

Anche gli esportatori di grano vogliono pagamenti in valuta russa

L’Unione russa degli esportatori di grano ha chiesto alla Banca di Russia di fare verifiche sulla possibilità di consentire agli acquirenti stranieri di grano russo di effettuare pagamenti sui contratti di esportazione in rubli, secondo una lettera scritta dall’Unione. “Chiediamo di trovare la possibilità di garantire liquidità in rubli alle banche estere al servizio degli acquirenti di grano. Tra i maggiori acquirenti ci sono Turchia, Egitto, Iran, Arabia Saudita, altri paesi africani e mediorientali, oltre a numerosi paesi asiatici – Vietnam, Pakistan, Bangladesh”, si legge nel documento.

Secondo la lettera, i contratti di esportazione di grano vengono stipulati 1-2 mesi prima della data di consegna effettiva, con l’acquisto e il consolidamento di grano sul mercato interno eseguiti più vicino alla data di consegna effettiva. A questo proposito, le spese per l’acquisto di grano in rubli sono aumentate vertiginosamente, così come le spese per il dazio (calcolato in valuta estera). Detto questo, c’è un ritardo tecnico temporaneo tra le date di spedizione e il deposito dell’importo del dazio, che porta a situazioni in cui i fondi che sono stati trasferiti, sono insufficienti per il pagamento completo del dazio nel momento in cui i fondi vengono accreditati al conto doganale.

“Chiediamo di esplorare la possibilità di fissare il tasso di cambio del dollaro USA per il pagamento del dazio all’esportazione di grano il giorno della cancellazione degli importi dal conto dell’esportatore”, affermano gli autori della missiva. Inoltre, chiedono di consentire il rimborso dei prestiti in valuta estera dai guadagni in valuta dell’esportatore prima della vendita obbligatoria di valuta estera o di considerare la possibilità per i prestiti in valuta estera presi prima del 24 febbraio 2022, per chiudere le operazioni di acquisto di valuta estera al prezzo di vendita obbligatoria allo scopo di rimborsare i prestiti, anche se la vendita è stata eseguita in una banca e l’acquisto per il rimborso in un’altra, o fornire agli esportatori il diritto di rimborsare i prestiti in valuta estera in rubli. “Chiediamo di prendere in considerazione la possibilità di utilizzare da parte degli esportatori i tassi di cambio delle valute estere a partire dal 24 febbraio 2022 per la chiusura di transazioni a termine in valuta estera concluse prima del 24 febbraio 2022”, si legge nella lettera. Tra le altre proposte i rappresentanti dell’Unione Esportatori di Grano chiedono di esplorare la possibilità di aumentare il termine di vendita dei guadagni in valuta estera dagli attuali tre giorni o di limitare lo spread tra il tasso di cambio o il tasso di cambio della Banca Centrale di La Russia e il tasso di cambio di conversione.

In risposta alle chiusure dei russi, il vice presidente degli Stati Uniti Kamala Harris ha scritto via Social con un tweet per sostenere l’imprenditoria locale: “Ampliare gli investimenti della nostra nazione in istituti di credito comunitari è stata una mia priorità per anni. I CDFI e gli MDI servono prevalentemente comunità trascurate e sottoservite. Sono veri leader che vedono il potenziale nei nostri imprenditori”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!