EUROSTAT, ECCO I PAESI PIÙ OSPITALI CON GLI UCRAINI IN FUGA DALLA GUERRA - WHAT-U

Sulla base dei dati già disponibili lo scorso aprile il numero di ucraini che hanno ricevuto protezione temporanea è aumentato in nove Stati membri dell’UE, in particolare in Bulgaria e Lituania (+30.965 e +21.800 persone, rispettivamente, rispetto a marzo 2022) . 

Al contrario, nello stesso periodo i numeri sono diminuiti in sette Stati membri dell’UE, con il calo maggiore osservato in Polonia (-249.465 persone rispetto a marzo 2022), seguita da Slovacchia (-45.310) e Portogallo (-15.635).

A marzo 2022, a capo della lista dei Paesi dell’UE più ospitali c’era la Polonia per aver concesso il maggior numero di status di protezione temporanea agli ucraini in fuga dall’Ucraina (675.085) a seguito dell’invasione russa. Seguita dalla Cechia (244.650) e dalla Slovacchia (58.750).


Più della metà degli ucraini in cerca di protezione in Polonia erano bambini 

I bambini ucraini (persone di età inferiore a 18 anni) sono stati il gruppo più numeroso a cui è stata concessa protezione temporanea in Polonia (3615.65 persone, ovvero il 54% degli ucraini a cui è stata concessa protezione in Polonia a marzo), seguiti dalla Cechia (96.740, ovvero il 40%) e dalla Slovacchia (24.130, o 41%). In particolare, in tutti i paesi per i quali sono disponibili i dati di marzo 2022, i bambini di età inferiore ai 14 anni rappresentavano la stragrande maggioranza (tre quarti o più) di tutti i bambini a cui è stata assegnata la protezione temporanea. 


Donne di tutte le età in cerca di aiuto

Il maggior numero di donne che hanno ricevuto protezione temporanea è stato segnalato dalla Polonia (446.660, ovvero il 66% degli ucraini che ha concesso protezione in Polonia a marzo), poi dalla Cechia (163.190, ovvero il 67%) e dalla Slovacchia (41.370, ovvero il 70%) . 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!