NELL'AREA EURO, PREZZI DELLE CASE IN AUMENTO DEL 9,8% E DEL 10,5% NELL'UE - WHAT-U

Nel primo trimestre del 2022, i prezzi delle abitazioni, secondo l’House Price Index, (un indice dei prezzi degli immobili residenziali che misura le variazioni di prezzo delle abitazioni), sono aumentati del 9,8% nell’area dell’euro e del 10,5% nell’UE  rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.  Si tratta dell’aumento annuo più elevato per l’area dell’euro dal 2005, quando i prezzi delle abitazioni hanno iniziato a essere riscossi, e dal quarto trimestre del 2006 per l’UE.  Nel quarto trimestre del 2021, i  prezzi delle case sono aumentati  rispettivamente del  9,4% e  del 10,1% nell’area dell’euro e nell’UE. Questi i dati forniti da Eurostat, l’istituto statistico dell’Unione europea.

Rispetto al quarto trimestre del 2021,  i prezzi delle  abitazioni sono aumentati  dell’1,7% nell’area dell’euro  e del  2,1% nell’UE  nel primo trimestre del 2022.

Andamento dei prezzi delle abitazioni negli Stati membri dell’UE

Tutti gli Stati membri per i quali sono disponibili dati hanno  registrato un aumento annuo  dei prezzi delle abitazioni nel primo trimestre del 2022 che ha superato il 10%. Gli aumenti più bassi sono stati registrati a Cipro (+1,1%), in Finlandia (+4,3%) e in Italia (+4,6%).  Gli aumenti più elevati risultano in Cechia (+24,7%), Estonia (+21,0%) e Ungheria (+20,6%).

Rispetto al trimestre precedente, anche i  prezzi sono aumentati in tutti gli Stati membri.  Gli aumenti più bassi sono stati registrati a Malta (+0,4%), Cipro (+0,5%) e Germania (+0,8%).  Gli aumenti più elevati sono stati registrati in Estonia (+7,1%), Ungheria (+6,7%) e Bulgaria (+5,2%).

E gli affitti?

Gli affitti e i prezzi delle case nell’UE hanno continuato il loro costante aumento nel primo trimestre del 2022, salendo rispettivamente dell’1,4% e del 10,5% rispetto al primo trimestre del 2021. 

Tra il 2010 e il secondo trimestre del 2011, i prezzi delle case e gli affitti nell’UE hanno seguito percorsi simili, ma dal secondo trimestre del 2011 tali percorsi sono notevolmente divergenti. Mentre gli affitti sono aumentati costantemente per tutto il periodo fino al primo trimestre del 2022, i prezzi delle case hanno fluttuato considerevolmente.

Dopo un forte calo tra il secondo trimestre del 2011 e il primo trimestre del 2013, i prezzi delle case sono rimasti più o meno stabili tra il 2013 e il 2014. Poi si è assistito a un rapido aumento all’inizio del 2015, da quando i prezzi delle case sono aumentati a un ritmo molto più rapido ritmo rispetto agli affitti.

Nel periodo dal 2010 fino al primo trimestre del 2022, gli affitti sono aumentati del 17% e i prezzi delle case del 45%. 
 

Dal 2010 i prezzi delle case sono più che raddoppiati in Estonia, Ungheria, Lussemburgo, Cechia, Lettonia, Lituania e Austria 

Confrontando il primo trimestre del 2022 con il 2010, i prezzi delle case sono aumentati più degli affitti in 19 Stati membri dell’UE. 

I prezzi delle abitazioni sono aumentati in 24 Stati membri dell’UE e sono diminuiti in tre, con gli aumenti più elevati in Estonia (+174%), Ungheria (+152%) e Lussemburgo (+131%). Diminuzioni sono state osservate in Grecia (-23%, vedi note), Italia (-10%) e Cipro (-8%).

Confrontando il primo trimestre del 2022 con il 2010 per gli affitti, i prezzi sono aumentati in 25 Stati membri dell’UE e sono diminuiti in due, con gli aumenti più elevati in Estonia (+177%), Lituania (+127%) e Irlanda (+77%). Diminuzioni sono state registrate in Grecia (-25%) e Cipro (-1%).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!