USA, ABORTO OGGI AL VOTO DUE PROGETTI DI LEGGE PER RIPRISTINARLO - WHAT-U

Nancy Pelosi, speaker della Camera dei rappresentanti dal 2007 al 2011 e nuovamente dal 2019, è stata la prima donna, prima californiana e prima italoamericana
a ricoprire questa carica

Negli Usa oggi la Camera dovrebbe votare su due progetti di legge che ripristineranno e garantiranno l’accesso all’aborto a livello nazionale mentre i Democratici fanno il loro primo tentativo di rispondere legislativamente alla storica decisione della Corte Suprema che ribalta Roe v. Wade.

Un voto che segna l’inizio di una nuova era nel dibattito sull’aborto mentre legislatori, governatori e legislature sono alle prese con l’impatto della decisione della corte. Ribaltando Roe, la corte ha consentito agli stati di emanare limiti di aborto severi, compresi molti che in precedenza erano stati ritenuti incostituzionali. La sentenza dovrebbe portare a divieti di aborto in circa la metà degli stati.

Già, un certo numero di stati controllati dal GOP si sono mossi rapidamente per ridurre o mettere fuori legge l’aborto, mentre gli stati controllati dai Democratici hanno cercato di promuovere l’accesso. Gli elettori ora classificano l’aborto come una delle questioni più urgenti che il paese deve affrontare, un cambiamento di priorità che i Democratici sperano possa rimodellare il panorama politico a loro favore per le elezioni di medio termine.

Alla Camera, venerdì i Democratici stanno portando in aula due proposte di legge sull’aborto, una delle quali vieterebbe la punizione per chi decide di recarsi in un altro stato per abortire e dei medici che hanno fornito cure riproduttive al di fuori del loro stato di origine.

La Costituzione non dice esplicitamente che viaggiare tra gli stati sia un diritto, anche se la Corte Suprema ha affermato che è un diritto che “è stato fermamente stabilito e ripetutamente riconosciuto”. Eppure la corte non ha mai detto esattamente da dove provenga il diritto al viaggio e ciò potrebbe lasciarlo aperto alla contestazione o all’eliminazione, come lo è stato il diritto all’aborto.

“Il disegno di legge introduce Roe v. Wade nella legge del paese e lo protegge da alcuni degli assalti che si sono verificati da quando è stato ribaltato dalla Corte Suprema”, ha affermato giovedì la presidente della Camera Nancy Pelosi, D-California. Eviterebbe il divieto di aborto prima delle 24 settimane, quando si pensa generalmente che inizi la vitalità fetale, quindi la capacità di un feto umano di sopravvivere al di fuori dell’utero. Ma consentirebbe eccezioni per gli aborti necessari quando la vita o la salute della madre è a rischio.

La proposta dei Democratici impedirebbe inoltre agli stati di richiedere ai fornitori di condividere informazioni “inaccurate dal punto di vista medico”, o di richiedere test aggiuntivi o periodi di attesa, spesso volti a dissuadere un paziente dall’abortire.

I repubblicani hanno celebrato la fine di Roe v. Wade. Eccetto due del Senato, la sens. Lisa Murkowski e Susan Collins, che hanno sostenuto il diritto all’aborto, non supportano la proposta dei Democratici, definita troppo ampia. Quando giovedì è stato chiesto se i Democratici dovrebbero lavorare con i due senatori, Pelosi ha respinto: “Non negozieremo il diritto di scelta di una donna”.

Alcuni attivisti hanno accusato il presidente Joe Biden e altri massimi democratici di non aver risposto con sufficiente forza a questa sentenza. Biden, la scorsa settimana ha emesso un ordine esecutivo inteso a scongiurare alcune potenziali sanzioni che le donne in cerca di aborto potrebbero dover affrontare. La sua amministrazione ha anche avvertito i fornitori di servizi sanitari che devono offrire l’aborto se la vita della madre è a rischio. Nel frattempo, il Comitato Nazionale Democratico ha già lanciato una campagna pubblicitaria digitale per stimolare gli elettori sulla questione, avvertendo che l’obiettivo finale dei repubblicani è mettere fuori legge l’aborto a livello nazionale. “Dobbiamo eleggere un altro paio di senatori democratici in modo da poter aggirare l’ostruzionismo in modo da poter approvare una legislazione che influisca veramente sul diritto di scelta di una donna”, ha detto. “Non c’è una misura a metà.”

L’aborto è stato reso legale negli Stati Uniti dopo una sentenza legale nel 1973, spesso indicata come il caso Roe v Wade.

Ora la Corte Suprema degli Stati Uniti – l’organo legale più anziano della nazione – ha ribaltato tale diritto.

Ventisei stati conservatori sono certi o considerati in grado di introdurre nuove restrizioni o divieti sull’aborto.

Di cosa parlava Roe v Wade?

Nel 1969, una donna single di 25 anni, Norma McCorvey, usando lo pseudonimo Jane Roe, sfidò le leggi sull’aborto in Texas. Lo stato vietava l’aborto in quanto incostituzionale, tranne nei casi in cui la vita della madre fosse in pericolo. A difendere la legge anti-aborto c’era Henry Wade, il procuratore distrettuale della contea di Dallas, da cui Roe v Wade. La signora McCorvey era incinta del suo terzo figlio quando ha sporto denuncia e ha affermato di essere stata violentata. Ma il caso è stato respinto ed è stata costretta a partorire. Nel 1973 il suo appello arrivò alla Corte Suprema degli Stati Uniti, dove il suo caso fu ascoltato insieme a quello di una donna georgiana di 20 anni, Sandra Bensing. Entrambe sostenevano che le leggi sull’aborto in Texas e Georgia fossero contrarie alla Costituzione degli Stati Uniti perché violavano il diritto alla privacy di una donna. Con un voto di sette contro due, i giudici della corte stabilirono che i governi non avevano il potere di vietare gli aborti. Era un diritto della donna decidere di interrompere la gravidanza che doveva essere protetto dalla costituzione degli Stati Uniti.

In che modo il caso ha cambiato i diritti delle donne?

Il caso ha creato il sistema del “trimestre” che consente:

  • un diritto assoluto all’aborto nei primi tre mesi (trimestre) di gravidanza
  • qualche regolamentazione del governo nel secondo trimestre
  • dichiara di limitare o vietare gli aborti nell’ultimo trimestre poiché il feto si avvicina al punto in cui potrebbe vivere al di fuori dell’utero

Roe v Wade ha anche stabilito che nell’ultimo trimestre una donna può abortire nonostante qualsiasi divieto legale solo se i medici certificano che è necessario farlo per salvarle la vita o la salute.

Come è stato ribaltato Roe v Wade?

La Corte Suprema si è pronunciata a favore del divieto del Mississippi sugli aborti dopo 15 settimane. In tal modo, ha effettivamente posto fine al diritto costituzionale all’aborto per milioni di donne statunitensi. I singoli stati sono ora in grado di vietare nuovamente la procedura. Metà degli stati degli Stati Uniti dovrebbe introdurre nuove restrizioni o divieti. Tredici hanno già approvato le cosiddette leggi trigger che bandiranno automaticamente l’aborto a seguito della sentenza della Corte Suprema. È probabile che un certo numero di altri superi rapidamente nuove restrizioni. Ci sono nove giudici della Corte Suprema, sei dei quali sono stati nominati da presidenti repubblicani. Una bozza di parere di uno di questi – il giudice Samuel Alito – è trapelata nel maggio 2022. Conteneva il commento secondo cui la sentenza Roe v Wade è “estremamente sbagliata”.

Quali restrizioni all’aborto erano già state introdotte?

Anche prima dell’ultima sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti, gli attivisti contro l’aborto stavano riguadagnando terreno. Nel 1980, il tribunale ha confermato una legge che vietava l’uso dei fondi federali per l’aborto, tranne quando necessario per salvare la vita di una donna. Poi, nel 1989, ha permesso agli stati di vietare gli aborti effettuati nelle cliniche statali o da parte di dipendenti statali.

L’impatto maggiore è venuto dalla sentenza della corte suprema in Planned Parenthood v Casey nel 1992. Ruth Bader Ginsburg ha dichiarato alla BBC nel 2019 che le restrizioni all’aborto hanno colpito maggiormente le donne a basso reddito Ha detto che gli stati potrebbero limitare gli aborti anche nel primo trimestre per motivi non medici. Di conseguenza, molti stati hanno già delle restrizioni in atto, che prevedono per esempio che le giovani donne incinte coinvolgano i loro genitori o un giudice nella loro decisione di aborto. Altri stati prevedono tempi di attesa lunghi dalla visita in una clinica per aborti in poi. E questo è il motivo per cui molte donne devono viaggiare ulteriormente per abortire, spesso oltre i confini statali, e devono pagare di più per farlo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!