[gtranslate] ESTÉE LAUDER ACCORDO DA 2,8 MILIARDI DI DOLLARI PER L'ACQUISTO DI TOM FORD - WHAT-U

Estée Lauder si sta avvicinando alla conclusione di un accordo per acquistare Tom Ford per circa 2,8 miliardi di dollari, cifra che comprendere anche il passivo ossia i debiti che l’azienda ha accumulato in particolare  durante il periodo della pandemia causata dal coronavirus quando è stata costretta a licenziare parte del personale.

Tom Ford, scrive il Financial Times, questa settimana ha avviato trattative esclusive con Estée Lauder, che vende marchi di cosmetici come MAC, Clinique e Aveda, ei due colossi potrebbero raggiungere un accordo da rendere pubblico già lunedì. Per Estée Lauder, con sede a New York, l’acquisizione di Tom Ford sarebbe la più grande e l’ultima di una serie di transazioni, inclusa l’assunzione del pieno controllo del gruppo di bellezza canadese Deciem per circa 1 miliardo di dollari nel 2021. Goldman Sachs, una delle più grandi banche d’affari del mondo, con sede legale al 200 di West Street, a Lower Manhattan, New York City, e filiali importanti anche nei principali centri finanziari mondiali, cui la Tom Ford ha dato un mandato di esplorazione all’inizio di quest’anno, ha ricevuto proposte di interesse anche da parte di altri marchi di lusso tra cui il proprietario di Gucci Kering. Ma  i colloqui con Gucci non sono andati bene, hanno affermato le persone informate sulla questione. Tom Ford è famoso per aver trasformato Gucci negli anni ’90 da una seria azienda di pelletteria a conduzione familiare in una potenza della moda e la base per quella che oggi è Kering. Ha lasciato Gucci nel 2005 per lanciare Tom Ford insieme a Domenico De Sole, che aveva assunto in Gucci nel 1994. Sebbene Tom Ford abbia avuto successo, l’azienda ha lottato durante la pandemia di coronavirus ed è stata costretta a licenziare parte del personale. In ultimo, non per importanza, Estée Lauder acquisirà anche il business dell’abbigliamento, anche se è un’area in cui ha relativamente poca esperienza.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY