[gtranslate] VUITTON NOMINA, PHARRELL WILLIAMS, Il NOTO CANTANTE DI "HAPPY", DIRETTORE CREATIVO DELLA LINEA UOMO - WHAT-U

Pharrell Williams

Louis Vuitton per consolidare il suo posizionamento come marchio “culturale” ha nominato come direttore creativo della sua divisione di abbigliamento maschile, il musicista e imprenditore statunitense Pharrell Williams. L’annuncio ha colto di sorpresa un po’ tutti, perché sebbene Pharrell in realtà avesse già

fondato diversi marchi di abbigliamento tra cui Billionaire Boys Club e Icecream, le etichette di streetwear che ha lanciato con il designer giapponese Nigo, fosse già direttore creativo di Kenzo, che come Vuitton è di proprietà del conglomerato di lusso LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton, al grande pubblico è più noto per il suo talento musicale che per quello nel mondo della moda.

Un amore, quello per Vuitton, che nasce da lontano per  il cantante di Happy, visto che già nel 2004  per il marchio francese co-disegnò una linea di occhiali, e nel 2008, quando Pietro Beccari, che dal 1 febbraio  ha assunto la carica di presidente e amministratore delegato di Louis Vuitton, era un alto dirigente del marchio, creò una collezione di gioielli per la casa. Si dice che i due abbiano iniziato a discutere della prospettiva che Williams assumesse il ruolo di abbigliamento maschile alla fine di novembre dello scorso anno, riuscendo a mantenere i colloqui nascosti fino quasi all’ultimo momento.

E ora Williams presenterà la sua prima collezione per la casa durante la settimana della moda maschile di Parigi a giugno. “Sono lieto di dare il benvenuto a Pharrell a casa, dopo le nostre collaborazioni nel 2004 e nel 2008 per Louis Vuitton, come nostro nuovo direttore creativo uomo. La sua visione creativa oltre la moda porterà senza dubbio Louis Vuitton verso un nuovo e molto ec citante capitolo”, ha dichiarato Beccari in una nota. La posizione era rimasta vacante dalla morte prematura del suo predecessore, Virgil Abloh, nel novembre 2021. Gli osservatori del settore avevano ipotizzato che Vuitton potesse attingere a un designer emergente, con nomi tra cui Martine Rose, Grace Wales Bonner e Samuel Ross che si dice fossero allo studio , o qualcuno completamente al di fuori del mondo della moda. Nonostante l’assenza di un direttore creativo, il marchio ha continuato a mettere in scena spettacoli maschili di alto profilo con esibizioni dal vivo di artisti del calibro di Tyler, the Creator, Kendrick Lamar e Rosalía, sottolineando la sua strategia di creare esperienze di intrattenimento a 360 gradi per un pubblico online globale di milioni. A gennaio, la casa ha scelto Colm Dillane, fondatore di KidSuper, come guest designer per l’autunno 2023, facendo ipotizzare che gli sarebbe stato offerto il posto a tempo pieno. Ma quella possibilità è stata vanificata dalla partenza di Michael Burke dopo 10 anni alla guida del più grande marchio di lusso del mondo, e dall’arrivo di Beccari da Dior . Williams ha abbandonato una collaborazione di sneaker con Chanel nel 2017 che ha generato una lista d’attesa di 120.000 persone per 500 paia e ha anche lanciato una serie di sneaker di successo, a partire da una collaborazione con Nike nel 2004, seguita da design di scarpe per marchi come Reebok e Timberland. Nel 2014, ha stretto una partnership a lungo termine con Adidas , contribuendo ad alimentare la sua gamma NMD con una serie di stili NMD Human Race (Hu) molto ambiti. E se il suo contratto come ambasciatore del marchio per Chanel è terminato, l’ accordo con Adidas continuerà, hanno detto fonti. Nel suo cv  grande peso ce l’ha anche la collezione di abbigliamento unisex nel 2019, disegnata con il defunto direttore creativo del marchio Karl Lagerfeld. L’anno scorso, Williams ha rivelato che stava collaborando con Tiffany & Co., difatti lo si vedeva regolarmente indossare gli occhiali da sole a mandorla tempestati di diamanti disegnati da lui stesso per il gioielliere statunitense. La conferma è poi arrivata con un post su Instagram da Alexandre Arnault, vicepresidente esecutivo per il prodotto e la comunicazione di Tiffany, che ha scritto  che i gioielli disegnati con Williams erano in cantiere. Williams ha poi anche solide credenziali ambientali, essendo stato direttore creativo di Bionic Yarn, un’azienda che produce tessuti, polimeri e altri materiali dalla plastica e altri rifiuti riciclabili recuperati dall’oceano. Nel segmento del benessere in rapida crescita per esempio nel 2021 ha lanciato il suo marchio Humanrace, che mira anche a utilizzare imballaggi più sostenibili, comprese le bottiglie ricaricabili. Una manna per Vuitton che ha stabilito un elenco di obiettivi ambientali che intende raggiungere entro il 2025, incluso il fatto che un terzo delle sue categorie di prodotti – pelletteria, piccola pelletteria, valigie, scarpe e profumi – implementi un processo di eco-design che includa una vita valutazione del ciclo. Oltre ad avere anche una serie di obiettivi climatici per il 2030, inclusa una riduzione del 55% delle emissioni di gas serra.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY