[gtranslate] REGNO UNITO, ECCO COME IL MARKETING SFRUTTA IL CLAMORE PER L'INCORONAZIONE DEL RE - WHAT-U

Lo scrive the Guadian, in attesa dell’incoronazione di Re Carlo, nel Regno Unito si è scatenata la caccia alle coppie che si chiamano proprio come i veri reali ossia Camilla e Carlo. Per chi si chiama Charles o Camilla e vive nel Regno Unito, pur non avendo genitori monarchici, è iniziato un periodo speciale grazie al cinismo opportunistico dei pezzi grossi del marketing che stanno provando tutto ciò che è in loro potere per fare cassa con i festeggiamenti del prossimo fine settimana distribuendo una serie di omaggi e offerte a chiunque condivida un nome con la coppia reale. Vengono offerti premi che vanno dalle vacanze gratuite ai semplici caffè. Butlin’s offre una mini vacanza gratuita presso il resort di tua scelta, completa di pasti esclusivi e la possibilità di vedere The Masked Singer dal vivo se ti chiami Charles o Camilla, o anche Charlie, Charli, Charl, Kamilla o Cammie. Per non essere da meno, Warner Holidays offre agli omonimi la possibilità di vincere un soggiorno di due notti “degno di veri e propri reali”. Ma le sue regole sono un po’ più rigide. Il nomi dei partecipanti devono essere per forza  Charles e Camilla. HelloFresh, un’azienda internazionale che opera in kit per la preparazione dei pasti, quotata in borsa e con sede a Berlino, che è il più grande fornitore di kit per pasti negli Stati Uniti e ha anche attività in Canada, Europa occidentale, Nuova Zelanda e Australia regala scatole di ricette con un menu speciale per celebrare l’evento. La proposta forse più curiosa per i Charles o le Camillas è stato l’ingresso gratuito a Bletchley Park, sede dei Codebreakers della seconda guerra mondiale, con un risparmio di 25,50 sterline per un solo biglietto per adulti. Non tutte e iniziative però sono state accolte col sorriso. Tesco per esempio, per cartelli accanto a rotoli di carta igienica e display di prodotti sanitari che suggeriscono “celebriamo l’incoronazione del re” ha ricevuto molte critiche. Ma si sa l’ humor inglese spesso è pesante, e quel sarcasmo quasi impercettibile e l’atteggiamento impassibile, non sempre fa centro e a volte diventa difficile da digerire.

Ma chi paga per l’incoronazione della regina?

L’incoronazione, poiché è un evento statale, è pagata dal governo del Regno Unito. Un portavoce di Buckingham Palace ha dichiarato: “Dato che l’incoronazione è un’occasione statale nazionale, le fonti di finanziamento includeranno la sovvenzione sovrana e il governo del Regno Unito”. Ma il Palazzo non pubblicherà alcun dettaglio sui costi fino a quando l’evento non sarà terminato.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY