[gtranslate] QUANTO VALE LA CASSAFORTE FININVEST? - WHAT-U

Il 30% di Banca Mediolanum, il 48,6% di MediaForEurope e il 53,3% di Mondadori: sono queste, in ordine di valore economico, le partecipazioni rilevanti in società quotate facenti capo a Fininvest che sono al centro dell’attenzione dei mercati con la scomparsa di Silvio Berlusconi. La cassaforte Fininvest era controllata dall’imprenditore, attraverso le holding personali, e partecipata da tutti e cinque i figli: da capire come saranno i rapporti di forza con la successione e quindi come potrebbero confermarsi o cambiare le strategie di famiglia. Ai valori attuali di Borsa la quota in Banca Mediolanum – dove il ruolo di primo socio e’ della famiglia Doris che ha anche la guida manageriale – vale 1,8 miliardi di dollari. Il pacchetto di controllo detenuto in MediaForEurope, la holding olandese nata da Mediaset e che ha incorporato anche le attività spagnole, vale circa 800 milioni di euro ai prezzi di Borsa. Nel capitale è ancora presente come secondo azionista Vivendi che tra quote dirette e indirette arriva vicino al 23%. Mfe “ha lanciato un piano industriale per la creazione di un gruppo paneuropeo di broadcasting con l’animo di irrobustire, nei vari Paesi europei, i sistemi di comunicazione nazionali, mettendo a fattore comune tecnologie e piattaforme, esasperando in pari tempo la connotazione locale di contenuti e informazione” – ha evidenziato il presidente Fedele Confalonieri nell’ultima assemblea degli azionisti di inizio giugno ricordando il progetto che ha portato il gruppo a detenere anche il 28,87% del gruppo media tedesco ProsiebenSat, pacchetto che alla Borsa di Francoforte vale quasi 600 milioni. L’ultima quotata del portafoglio Fininvest è Mondadori, la controllata di Segrate che negli ultimi anni ha focalizzato l’attenzione sui libri cedendo le testate dei periodici ha una capitalizzazione di Borsa di poco superiore ai 500 milioni e quindi, senza considerare un eventuale premio di controllo, la partecipazione Fininvest vale circa 280 milioni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY