[gtranslate] A HOLLYWOOD E NEW YORK PROSEGUE LA PROTESTA DEGLI ATTORI CONTRO LE MAJOR - WHAT-U

(July 14) (AP Video by Rick Taber)

Prosegue la protesta a Los Angeles e a New York di molti attori e attrici anche blasonati che ieri venerdì 14 luglio sono scesi in piazza per protesta per difendere il diritto di avere una migliore retribuzione e proteggere il lavoro di un settore che è stato sconvolto dall’ascesa dello streaming. “Molte persone non si rendono conto che sono una percentuale molto piccola gli attori del settore che guadagnano milioni di euro”, ha detto. “Il resto di noi vive letteralmente stipendio dopo stipendio. E dobbiamo essere pagati in modo equo. Lavoriamo a volte dalle 10 alle 16 ore al giorno e guadagniamo a malapena il salario minimo ” ha detto Sonja Roden, 50 anni, attrice di sfondo in spettacoli come Westworld e Castle e che si è unita al gruppo di persone con picchetti  fuori dal lotto Disney a Burbank. Che non è ovviamente stato l’unico luogo scelto per le proteste. Perché anche davanti agli studi e alle strutture di produzione a Los Angeles e New York, compresi i lotti Warner Bros. e Sony, nonché le sedi di Netflix e Amazon Studios, gli attori hanno tenuto in alto cartelli e cantato all’unisono assieme Membri della Writers Guild of America che hanno lasciato il lavoro a maggio.

Ai manifestanti del SAG-AFTRA, il sindacato degli attori, si sono uniti anche studenti laureati, lavoratori del distretto scolastico unificato di Los Angeles e impiegati degli hotel. La protesta scrive il Los Angeles Times è iniziata a mezzanotte dopo che settimane di trattative con l’Alliance of Motion Picture and Television Producers, che rappresenta i principali studi e streamer, non sono riuscite a raggiungere un accordo su un nuovo contratto. Era dal 1960, che attori e scrittori negli Stati Uniti non scendevano in piazza per uno sciopero congiunto.  Da quando Ronald Reagan  assunse la guida dal 1947 al 1952 e poi dal 1959 al 1960 della Screen Actors Guild (SAG), il sindacato che rappresentava la maggior parte degli attori di Hollywood.

Gli anni in cui resse per la prima volta il sindacato degli attori furono quelli in cui esplose la Guerra Fredda tra i paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti d’America, e il “blocco dei paesi dell’est”, ovvero il gruppo di nazioni, capeggiate dall’Unione Sovietica, che aderivano al Patto di Varsavia e al Cominform. Negli Stati Uniti il periodo portò a una riedizione della “paura rossa” degli anni seguenti la Rivoluzione d’ottobre. Se nel primo dopoguerra il sospetto si diresse verso le attività sindacali, dopo la Seconda guerra mondiale si indagarono – e talora si perseguitarono – personaggi della cultura e dello spettacolo ritenuti vicini alle idee comuniste. Nel mondo del cinema, le case di produzione decisero di mettere al bando attori, registi e sceneggiatori coinvolti nelle indagini. Secondo Reagan, la SAG era stata infiltrata dai comunisti. Forte di questa convinzione, testimoniò davanti alla Commissione per le attività antiamericane (HUAC) riguardo alla sospettata influenza dei comunisti sull’industria cinematografica. Assieme alla prima moglie Jane Wyman, passò informazioni all’FBI su attori che considerava sleali (il suo nome in codice fu “Agente T-10”), ma non li denunciò pubblicamente. In pubblico si oppose alla pratica delle “liste nere” nell’industria cinematografica, anche se alcuni attori da lui indicati (Larry Parks, Howard Da Silva e Alexander Knox), furono convocati dall’HUAC e banditi da Hollywood. Ora le ragioni per cui gli attori scioperano contro gli studi cinematografici e televisivi dopo ​​43 anni di silenzio sono per fortuna diverse, ma altrettando importanti in vista dei cambiamenti avvenuti nel settore. Perché lo spostamento di Hollywood verso lo streaming e il fatto che studi e streamer utilizzino le loro sembianze senza il loro consenso grazie ai rapidi progressi dell’intelligenza artificiale per molti è diventata una deriva pericolosa che sembra già arrivata a un punto di non ritorno.

Gli studi e gli streamer hanno risposto alle proteste spiegando che anche per loro il momento è critico visto che anche loro stanno affrontando venti contrari sul fronte finanziario, perché il mondo del cinema sta facendo fatica a tornare al periodo pre-pandemia e gli spettatori televisivi continuano ad allontanarsi dalla programmazione via cavo e via rete orientandosi sempre di più verso lo streaming riducendo i margini di profitto delle major.

Giovedì, in un’intervista con la CNBC, l’amministratore delegato della Disney, Bob Iger, ha definito le richieste degli attori irrealistiche e inopportune. “Abbiamo parlato di forze dirompenti in questo business e di tutte le sfide che stiamo affrontando e della ripresa da Covid che è in corso”, ha affermato Iger. “Questo è il momento peggiore al mondo per bloccare tutto”. In una dichiarazione rilasciata giovedì, l’AMPTP ha pubblicizzato l’offerta che il gruppo aveva fatto agli attori, incluso quello che ha affermato essere il più alto aumento percentuale dei minimi salariali in 35 anni e una proposta “rivoluzionaria” per le protezioni dell’IA. “Uno sciopero non è certamente il risultato che speravamo di ottenere poiché gli studi non possono operare senza gli artisti che danno vita ai nostri programmi TV e film”, ha affermato l’AMPTP. “Migliaia di persone che dipendono dal settore”.

Il presidente di SAG-AFTRA Fran Drescher però ha replicato duramente lanciando strali contro l’avidità degli studi e degli streamer. “Sono scioccato dal modo in cui le persone con cui siamo stati in affari ci trattano”, ha detto Drescher, che è diventato famoso nella sitcom degli anni ’90 The Nanny. “È disgustoso. Che si vergognino”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY