[gtranslate] IL BACIO DELLA DISCORDIA TRA RUBIALES E LA HERMOSO ROVINA LA VITTORIA DELLA COPPA DEL MONDO FEMMINILE - WHAT-U

È diventato il bacio della discordia e delle dimissioni quello dato all’improvviso da Luis Rubiales, capo della federazione calcistica spagnola, alla giocatrice Jenni Hermoso dopo che la Spagna ha vinto la Coppa del Mondo femminile. Un bacio rubato, per alcuni, seppur per pura gioia, sulle labbra, che non è piaciuto “per niente” alla giocatrice, che ha sollevando per questo motivo molte polemiche. Nelle ore successive Rubiales, è stato temporaneamente sospeso dalla FIFA, reo di avere difeso a spada tratta la sua posizione anche via Instagram, nonostante poco dopo l’accaduto la Hermoso, avesse subito precisato che non si era trattato di “un bacio spontaneo, reciproco ed euforico e, soprattutto, consensuale”, ma di un’effusione rubata.

Così poco dopo la maggioranza dello staff della nazionale femminile di calcio spagnola, in totale 11 persone, si sono dimesse dal loro incarico, in sostegno di Hermoso. Si va dal vicedirettore della squadra nazionale senior, all’allenatore U19/U20 e all’analista della squadra senior fino al fisioterapista della squadra senior. Inoltre ben 81 giocatori di calcio spagnoli, per primi quelli che giocano nel Cadice, oltre all’intera squadra vincitrice della Coppa del Mondo, hanno dichiarato che non avrebbero più giocato se Rubiales e i “direttori” della selezione non si fossero dimessi.

La Hermoso è una leggenda del calcio e il miglior cannoniere di tutti i tempi della Spagna e quel bacio per molti è stato più che uno scivolone maldestramente giustificato da Rubiales e  il rifiuto della squadra della Coppa del Mondo e di altri calciatori di giocare per la Spagna, pare abbia sollevato più di un interrogativo anche sul futuro di Jorge Vilda, l’allenatore della squadra senior femminile di calcio, ripreso costantemente dalle telecamere durante il discorso di Rubiales. Dalla parte del dirigente, la Federazione calcio spagnola (Rfef) che ha diffuso le immagini che mostrano che Rubiales non ha mentito quando ha parlato di un bacio consensuale dopo la vittoria nel corso dei festeggiamenti. Nessun bacio rubato, ma semplici festeggiamenti calorosi. Nella nota diffusa come replica al comunicato della Hermoso nel quale la giocatrice ha continuato a ribadire quanto già detto a caldo ossia  “in nessun momento ho acconsentito, non tollero che venga messa in discussione la mia parola” il dirigente non viene dipinto come un mostro. Anzi la Rfef nella replica, prendendone le parti, ha diffuso anche l’immagine dove si vede la Hermoso che abbraccia e solleva per un istante Rubiales, a riprova della buona fede del dirigente. Che ora ha intenzione di difendersi anche con azioni legali assieme alla Rfef. Come entrambi hanno precisato con una una nota: “La Rfef e il presidente vista la gravità del comunicato stampa del sindacato Futpro avvieranno azioni legali corrispondenti e sveleranno ciascuna delle bugie dette da qualcuno per conto della giocatrice e dalla giocatrice stessa”. Riguardo le minacce di boicottaggio delle giocatrici della Nazionale che hanno chiesto le dimissioni dei vertici della Rfef, nella nota la Rfef sottolinea e ricorda che “accettare  la convocazione è un obbligo per i tesserati se convocati”.

Insomma la sospensione temporanea di Rubiales difficilmente porrà fine alla vicenda. Spagnoli, politici e cittadini di ogni divisione politica, sono inorriditi nel vedere come uno dei più grandi trionfi sportivi della Spagna, che simboleggia il cambiamento sociale per le donne, sia stato eclissato secondo alcuni dall’arcano machismo di Rubiales. A mettere un punto fermo però ci ha pensato per ora la FIFA con un chiaro comunicato:

“Il presidente della Commissione Disciplinare della FIFA, Jorge Ivan Palacio (Colombia), avvalendosi dei poteri concessi dall’articolo 51 del Codice Disciplinare della FIFA (FDC), ha deciso oggi di sospendere provvisoriamente il signor Luis Rubiales da tutte le attività legate al calcio a livello nazionale ed internazionale. Tale sospensione, che avrà effetto a partire da oggi, ha una durata iniziale di 90 giorni, in attesa del procedimento disciplinare aperto contro il signor Luis Rubiales giovedì 24 agosto.

Allo stesso modo, il presidente della commissione disciplinare della FIFA, al fine di preservare, tra gli altri fattori, i diritti fondamentali della giocatrice della nazionale di calcio, signora Jennifer Hermoso, e il buon ordine dei procedimenti disciplinari dinanzi a questo organo disciplinare, ha emesso due direttive aggiuntive (articolo 7 FDC) con il quale ordina al signor Luis Rubiales di astenersi, per sé o per terzi, dal contattare o tentare di contattare la giocatrice professionista della nazionale di calcio spagnola, la signora Jennifer Hermoso, o il suo ambiente vicino. Allo stesso modo, si ordina alla RFEF e ai suoi dirigenti o dipendenti, direttamente o tramite terzi, di astenersi dal contattare la giocatrice professionista della nazionale spagnola, Sig.ra Jennifer Hermoso, e il suo ambiente intimo.

La decisione adottata dal presidente della Commissione Disciplinare della FIFA è stata comunicata oggi al Sig. Luis Rubiales, alla RFEF e alla UEFA per la dovuta conformità.

La Commissione Disciplinare della FIFA non fornirà ulteriori informazioni su questi procedimenti disciplinari fino a quando non sarà stata presa una decisione definitiva. La FIFA ribadisce il suo assoluto impegno a rispettare l’integrità di tutte le persone e pertanto condanna con il massimo vigore qualsiasi comportamento contrario”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY