[gtranslate] ALTRO DIVORZIO PER BRITNEY. MA LEI SE NE FREGA E SI PROIETTA SUL LAVORO. A OTTOBRE IN USCITA IL SUO NUOVO LIBRO - WHAT-U

Agitata, sbandata, disorientata Britney Spears continua a far parlare di sé non solo per i suoi balletti sempre uguali, dove si dimena in maniera sconclusionata e dove l’unica cosa che cambia sono solo le mise, tra l’altro sempre più audaci, ma ora anche per la fine del suo matrimonio col terzo marito Sam Asgari. Una doccia fredda per molti visto che i due sembravano formare una coppia perfetta. Asghari ha incontrato per la prima volta Britney Spears , che ha 12 anni più di lui, quando lei lo ha scelto per farlo apparire nel suo video musicale del 2016 per Slumber Party con Tinashe . I due si sono fidanzati nel settembre 2021. Prima di sposarsi, Asghari e la Spears hanno firmato un accordo prematrimoniale per proteggere il patrimonio della Spears, stimato in circa 60 milioni di dollari a giugno 2022.

L’11 aprile 2022, Britney ha annunciato di essere incinta del suo terzo figlio e del primo di Asghari, ma ha subito un aborto spontaneo un mese dopo. Asghari e la Spears si sono sposati il ​​9 giugno 2022 nella casa della Spears in California. Dopo il matrimonio, la coppia si è trasferita in una nuova villa da 11,8 milioni di dollari a Calabasas , che la Spears ha acquistato il 17 agosto 2023. Purtroppo i gossip sulla recente sbandata della cantante per l’uomo delle pulizie, ha costretto Sam a chiedere il divorzio, per differenze già inconciliabili . 

Un’onta per lui  troppo difficile da cancellare. Perché mai avrebbe potuto pensare che la sua Brit avrebbe potuto tradirlo nel loro nido. Anche se fonti della cantante smentiscono tutto. Così ora Britney resterà di nuovo  da sola. Perché i due figli nati dal matrimonio precedente (con Kevin Federline) non vogliono vederla e il primo consorte è finito in carcere per essersi intrufolato nella sua villa senza permesso.

L’ultimo gossip che la riguarda? L’accesa lite con l’ex, durante la quale è finita a sbattere con la testa sullo spigolo di un tavolino iniziando a sanguinare e finendo in ospedale. Risultato? Le hanno dovuto mettere i punti. CE ora così come la separazione di Kim Kardashian e Kanye West o Johnny Depp e Amber Heard, anche questa è finita in un documentario creato da TMZ dal titolo Britney Spears: Divorce & Dispair. D’altronde, anche se il primo matrimonio-lampo è durato 55 ore a Las Vegas, questo di 14 mesi è altrettanto doloroso.

Sarebbe dovuto essere un momento di equilibrio per la popstar, ma soprattutto di rinascita. Sembrava che stesse prendendo in mano la sua vita per il  verso giusto, che avrebbe gestito al meglio il suo patrimonio per rifarsi una carriera. Invece pare sia piena di debiti perché le battaglie legali che ha fatto finora non state di sicuro economiche. Se si chiede in giro cosa manca ora a Britney, la risposta è sempre la stessa: l’equilibrio. E l’agognata libertà sembra sia diventata un’arma a doppio taglio. Alcuni fan preoccupati per la sua salute mentale le hanno anche mandato a casa la polizia persoino la polizia. Facendola arrabbiare tantissimo. E ora? La sua salute è peggiorata sensibilmente. Asghari ha chiesto il divorzio dalla Spears all’inizio di questo mese. Secondo quanto riferito, l’attore ha accusato la pop star di tradirlo e di averlo aggredito fisicamente.

Ora sono molti suoi follower in attesa di leggere il suo prossimo libro di memorie “The Woman in Me”, che uscirà nei negozi il 24 ottobre, ma è improbabile che la cantante di “…Baby One More Time” sarà in grado di modificare il suo finale da favola con la data di uscita imminente. L’unica cosa certa è che la Spears in barba a tutto e a tutti è “davvero di ottimo umore” e “concentrata” sul lavoro come mai ha fatto prima.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY