[gtranslate] BIDEN, ALTRO GIRO DI VITE CONTRO I VENEZUELANI CHE CERCANO ASILO NEGLI STATI UNITI - WHAT-U

La decisione dell presidente degli Stati Uniti Joe Biden presa lo scorso 12 ottobre e condivisa con  il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador che aveva il  fine di dare un’ulteriore giro di vite contro  l’immigrazione clandestina, tenuto contro dell’aumento di venezuelani che quotidianamente cercavano di attraversare il confine irregolarmente, non ha sortito grandi risultati. La situazione ad oggi non è immutata, anzi il numero dei venezuelani che cercano di attraversare i confini illegalmente è anche aumentato.

Il problema grave di questa situazione sta nel fatto che l’espulsione dei  venezuelani dal Messico non consentirebbe loro di chiedere asilo negli Stati Uniti e ciò, secondo il Rights Watch, violerebbe i diritti umani dei venezuelani

Il 12 ottobre 2022, i governi degli Stati Uniti e del Messico annunciarono un nuovo processo di controllo della migrazione per i venezuelani “ per ridurre il numero di persone che arrivavano ” al confine degli Stati Uniti. Secondo la politica, entrata in vigore il 13 ottobre, tutti i venezuelani che attraversavano irregolarmente il confine tra Stati Uniti e Messico dovevano essere espulsi in Messico senza la possibilità di chiedere asilo negli Stati Uniti. Il 18 ottobre, ben 4.050 venezuelani furono rimpatriati.

“Un nuovo percorso legale per alcuni venezuelani in cerca di sicurezza negli Stati Uniti non coprirà il probabile danno che molti altri subiranno a causa di questa massiccia espansione dell’abusiva politica di espulsione dalle frontiere del Titolo 42 dell’era Trump”, ha affermato Tyler Mattiace, ricercatore messicano presso Human Rights Watch. “Con questa decisione, Biden sta di fatto punendo quei venezuelani che sono stati costretti a fuggire dal loro Paese a piedi, negando loro il diritto di chiedere asilo e tentando di addolcire questa politica abusiva con un programma di libertà condizionale umanitaria di cui beneficeranno solo pochi eletti”.  

Prima del 13 ottobre, né gli Stati Uniti né il Messico avevano mai attuato una politica così repressiva contro i venezuelani. Inevitabile per l’associazione Human Rights Watch intervenire per chiedere ai rappresentanti dell’Istituto Nazionale per la Migrazione del Messico e del Ministero delle Relazioni Estere sullo status legale dei venezuelani espulsi. Ma le risposte tanto attese non sono arrivate.

Dal marzo 2020, il titolo 42 impedisce a centinaia di migliaia di haitiani, africani, guatemaltechi, salvadoregni e persone di molte altre nazionalità di accedere a procedure di asilo eque negli Stati Uniti, in violazione del diritto statunitense e internazionale

I governi degli Stati Uniti e del Messico avevano annunciato un nuovo programma nel 2022 , iniziato il 18 ottobre , per consentire a un massimo di 24.000 venezuelani che soddisfavano determinati requisiti di richiedere il permesso di viaggiare negli Stati Uniti in aereo. Per qualificarsi, i venezuelani dovevano essere in possesso di un passaporto valido e avere uno sponsor con sede negli Stati Uniti che accettasse di fornire alloggio e sostegno finanziario. Peccato però che questi requisiti fossero e tuttora sono spesso difficili da soddisfare. Molti venezuelani devono affrontare ostacoli amministrativi ed economici per ottenere o rinnovare passaporti o altri documenti ufficiali – compresi i certificati di matrimonio e di nascita – dato che i servizi consolari venezuelani sono scarsi e inaccessibili. 

Chiedere ai richiedenti asilo di produrre un passaporto rilasciato dal governo che potrebbe perseguitarli contraddice fondamentalmente la realtà per molti rifugiati, ha affermato Human Rights Watch

Cosa dovrebbe fare l’amministrazione Biden? Dovrebbe ripristinare l’accesso al diritto di chiedere asilo per chiunque arrivi al confine tra Stati Uniti e Messico, indipendentemente dalla nazionalità, dai mezzi finanziari, dai legami familiari o dai documenti di viaggio in possesso. E gli Stati Uniti dovrebbero eliminare l’obbligo del passaporto, perché costringe, per mere problematiche burocratiche, molti venezuelani a non poter presentare domanda per il nuovo programma.

Dal 2014  oltre 7 milioni di persone sono fuggite dal Venezuela dal 2014. Funzionari statunitensi hanno arrestato più di 200.000 venezuelani al confine tra Stati Uniti e Messico tra gennaio 2021 e agosto 2022. I funzionari statunitensi hanno fatto molto affidamento sul Messico, sul Guatemala e su altri governi regionali per impedire ai migranti e ai richiedenti asilo di altre nazionalità di viaggiare verso nord per raggiungere il confine degli Stati Uniti, il che ha spinto molti a prendere rotte più pericolose. Dopo che Messico, Costa Rica e Belize hanno imposto nuovi requisiti di visto per i venezuelani, rendendo più difficile per loro viaggiare verso nord in aereo, il numero di coloro che attraversano il pericoloso Darien Gap al confine tra Colombia e Panama è salito alle stelle. Più di 107.000 venezuelani hanno attraversato il Darien Gap tra gennaio e settembre 2022, rispetto a circa 1.500 nello stesso periodo del 2021. A maggio, Human Rights Watch si è recato al Darien Gap e ha documentato gravi abusi da parte di criminali contro i migranti, che raramente hanno accesso ai migranti. assistenza sanitaria, protezione o giustizia.

La politica di espulsione alle frontiere del Titolo 42 ha di fatto chiuso i porti di ingresso negli Stati Uniti a quasi tutti i richiedenti asilo da quando è stata implementata dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel marzo 2020, con il pretesto di essere una misura di risposta alla pandemia. Da allora i funzionari della sanità pubblica hanno affermato che l’approccio era “l’ abuso di un’autorità sanitaria pubblica ” e che era motivato politicamente

L’amministrazione Biden aveva annunciato l’intenzione di porre fine alla politica di espulsione in aprile, ma diversi stati americani hanno contestato la mossa in un tribunale federale, con conseguenti ordinanze che di fatto bloccano qualsivoglia decisione durante il contenzioso. Spesso migranti e richiedenti asilo espulsi dagli Stati Uniti in Messico sono diventati facili prede di criminali senza scrupoli, come documentato da Human Rights Watch e altri gruppi. Secondo l’organizzazione Human Rights First, ci sono stati almeno 6.000 casi documentati di rapimenti o altri attacchi violenti contro persone rimpatriate in Messico dagli Stati Uniti.

Il governo messicano dovrebbe rifiutarsi di accettare qualsiasi espulsione, comprese quelle dei venezuelani, e soprattutto di quelli a maggior rischio, come le persone LGBT e le persone con malattie croniche o disabilità, ha affermato Human Rights Watch. Dovrebbe inoltre fornire uno status legale a tutti i venezuelani espulsi dagli Stati Uniti per garantire loro l’accesso ai servizi di base.

Il diritto di chiedere asilo è un principio fondamentale del diritto internazionale sui diritti umani ed è implementato nel diritto interno degli Stati Uniti. Chiunque richieda protezione internazionale ha il diritto di chiedere asilo all’estero e di far esaminare il proprio caso davanti alle autorità competenti. Espellere i richiedenti asilo senza consentire loro di presentare le proprie richieste viola la normativa Profugo Convenzione, la Convenzione contro la tortura e il Patto internazionale sui diritti civili e politici.

La scorsa settimana circa 5.000 migranti, per lo più venezuelani, famiglie con bambini piccoli che dormivano sopra scatole di cartone, ragazzi e donne nascosti in tende sotto un ponte, sono saliti su un treno merci alla periferia della città di Irapuato, nel Messico centrale con l’obiettivo di raggiungere gli Stati Uniti. Una prassi oramai comune per sfuggire ai rigidi controlli del passaggio dei confini a piedi. Poiché però il numero dei migranti ha raggiunto un numero da record, la compagnia messicana Ferromex ha dichiarato di aver fermato 60 treni merci. Troppi i migranti che stavano facendo l’autostop sui treni lungo la linea ferroviaria. Così le chiusure hanno temporaneamente interrotto una delle rotte migratorie più transitate nel paese in un momento di crescente migrazione, lasciando molte famiglie nel limbo.

L’interruzione delle tratte ferroviarie sottolinea anche il numero storico di persone dirette a nord in cerca di una nuova vita negli Stati Uniti, e il dilemma che pone ai paesi di tutte le Americhe mentre lottano per far fronte all’enorme quantità di migranti che attraversano i loro territori

Quando diverse migliaia di migranti hanno attraversato Eagle Pass, in Texas , nel giro di pochi giorni la città di confine ha dichiarato uno stato di emergenza. Ad agosto, la polizia di frontiera statunitense ha effettuato 181.509 arresti al confine con il Messico, in aumento del 37% rispetto a luglio, ma con pochi cambiamenti rispetto ad agosto 2022 e ben al di sotto del massimo di oltre 220.000 di dicembre, secondo i dati diffusi venerdì. Nel passato, ogni giorno, decine di migranti provenienti dai paesi centroamericani passavano per Irapuato in treno, racconta una donna che da più di dieci anni fornisce aiuto a coloro che percorrono i binari che attraversano la sua città. Ora, le persone che scappano dal Venezuela sono migliaia. “Una volta pensavamo che 50 o 60 persone fossero un numero enorme “, ha detto. “Attualmente il numero dei migranti ha molti più zeri”.

Kevin McCarthy, speaker della Camera dei Rappresentanti dal 2023, membro del Partito Repubblicano, su X, ex Twitter, ha sottolineato che lo scorso mese sono stati 232.972 gli attraversamenti illegali delle frontiere (americane): il numero più alto dell’anno. E parlando dell’amministrazione Biden ha aggiunto: “Sta distruggendo la nostra nazione lungo il confine e i repubblicani non dovrebbero perdere questa opportunità di proteggere il nostro confine. Le fallite politiche di Biden hanno trasformato ogni comunità americana in una città di confine”.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY