DIETRO LA GUERRA TRA ISRAELE E GAZA, C'E L'OMBRA DELL'IRAN - WHAT-U

Mentre l’ultima guerra tra Israele e Hamas raggiunge il suo sesto giorno, l’esercito israeliano ha polverizzato la Striscia di Gaza con attacchi aerei su edifici residenziali in quartieri cittadini densamente popolati e campi profughi uccidendo purtroppo anche numerosi civili che nulla hanno a che fare con Hamas. Oggi il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, nel bel mezzo degli intensi combattimenti contro Hamas, ha incontrato il segretario di Stato americano Antony Blinken in Israele. Una visita che è stata un potente via libera per Israele per portare avanti la sua ritorsione a Gaza. 

Mentre Israele bombarda Gaza dall’alto, i militanti di Hamas hanno lanciato migliaia di razzi su Israele. Il bilancio delle vittime degli attacchi israeliani su Gaza, secondo fonti governative, ora è salito a 1.537, con 6.612 feriti. Delle vittime, 276 erano donne e 500 avevano meno di 18 anni. Gli Stati Uniti non hanno intenzione di inviare truppe in Israele, ha detto il portavoce della Sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby. “Non c’è alcuna intenzione, nessun piano e, francamente, nessun desiderio da parte degli israeliani”. Kirby ha anche detto che sono in corso conversazioni con Israele “sulla continua necessità di un flusso continuo di assistenza umanitaria” a Gaza, aggiungendo che la creazione di corridoi per garantire un passaggio sicuro fuori Gaza per i civili è “la cosa giusta da fare per le vittime innocenti che in realtà sono tenute in ostaggio. Durante una visita in Iraq oggi il ministro degli Esteri iraniano ha affermato che se Israele non riuscirà a fermare i suoi attacchi contro i civili a Gaza, la regione dovrà affrontare “nuove condizioni”. “Non possono mettere Gaza sotto assedio completo, bombardare i cittadini e commettere crimini di guerra, senza aspettarsi alcuna risposta”, ha detto il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian, che giovedì ha incontrato il primo ministro Mohammed Shia al-Sudani e dovrebbe recarsi in Libano, domani.

In queste ore di sono sollevate domande sul ruolo dell’Iran nell’attacco lanciato sabato dal gruppo militante palestinese Hamas contro Israele. I funzionari di Hamas hanno negato il coinvolgimento diretto dell’Iran, e finora nessun governo mondiale ha offerto prove dirette che l’Iran abbia orchestrato l’attacco. Tuttavia, molti hanno sottolineato il lungo sostegno dell’Iran ad Hamas. Ora il governo degli Stati Uniti inizierà a operare voli di evacuazione per aiutare gli americani a lasciare Israele e andare verso siti in Europa. I voli di evacuazione dovrebbero iniziare ad operare già domani. Il governo degli Stati Uniti sta organizzando almeno quattro voli charter al giorno da Israele attraverso Francoforte, in Germania. Il primo ministro ad interim del Libano sta invitando tutti i gruppi libanesi “a dar prova di autocontrollo e a non lasciarsi trascinare nei “piani di Israele”.

I commenti di Najib Mikati giovedì dopo una riunione di gabinetto a Beirut avevano apparentemente lo scopo di incoraggiare il gruppo militante Hezbollah a evitare di incitare qualsiasi conflitto con Israele.

“Il Libano è nell’occhio del ciclone e ciò che sta accadendo lungo il nostro confine meridionale ci lascia profondamente preoccupati”, ha detto Mikati, aggiungendo che gli incidenti lungo il confine del Libano con Israele negli ultimi giorni sono il risultato delle “provocazioni e continue violazioni” da parte di Israele di una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che pose fine a un mese di conflitto tra Israele e Hezbollah nel 2006. Mikati ha affermato che il Libano condanna “gli atti criminali commessi da Israele”. Nel frattempo il numero di persone in fuga dagli attacchi a Gaza continua “in numero molto, molto elevato”, con un aumento del 30% nelle ultime 24 ore, afferma l’ufficio umanitario delle Nazioni Unite. Due terzi delle persone sfollate a causa della violenza – 218.000 – hanno trovato rifugio in 92 scuole gestite dall’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, UNRWA, ha detto giovedì il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric. Dujarric ha affermato che la situazione umanitaria, con il taglio israeliano di carburante, cibo ed elettricità, sta diventando sempre più terribile “di giorno in giorno, se non di ora in ora”.

Più di 2.500 unità sono state distrutte, gravemente danneggiate e rese inabitabili, mentre quasi altre 23.000 hanno subito danni da moderati a lievi. Colpite almeno 88 strutture educative. Lo ha affermato il portavoce dell’Onu, Stephane Dujarric

Dujarric ha affermato che le discussioni sull’apertura di un corridoio umanitario da Gaza sono in corso e che il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e l’inviato delle Nazioni Unite per il Medio Oriente Tor Wennesland si stanno impegnando “con tutti gli attori rilevanti”.

Il primo ministro britannico Sunak ha annunciato lo stanziamento di 3,7 milioni di dollari per la sicurezza nelle scuole e nelle sinagoghe

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha annunciato milioni di sterline in finanziamenti aggiuntivi per aumentare la sicurezza nelle scuole e nelle sinagoghe e proteggerle dagli attacchi antisemiti sulla scia degli attacchi di Hamas in Israele. L’ufficio di Sunak ha detto giovedì che 3 milioni di sterline (3,7 milioni di dollari) di finanziamenti aggiuntivi saranno forniti al Community Security Trust, un’organizzazione istituita per proteggere gli ebrei britannici dalle minacce antisemite. Il finanziamento consentirà al gruppo di fornire più guardie nelle scuole che sostiene, così come all’esterno delle sinagoghe durante i momenti di preghiera. Il Community Security Trust ha dichiarato di aver registrato 139 episodi di antisemitismo nel Regno Unito negli ultimi quattro giorni, un aumento di quattro volte rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. L’annuncio del finanziamento è arrivato dopo che Sunak ha incontrato alti funzionari e capi della polizia per discutere delle proteste e delle manifestazioni di sicurezza e polizia di gruppi filo-israeliani e filo-palestinesi previste in tutto il Regno Unito questo fine settimana. Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian ha espresso il sostegno del suo Paese ai diritti del popolo palestinese, affermando che la guerra in corso a Gaza colpirà l’intera regione.

L’Iran è uno dei principali sostenitori delle fazioni palestinesi con sede a Gaza, tra cui Hamas e il gruppo della Jihad islamica.

Un ex funzionario della difesa israeliana oggi ha detto giovedì all’Associated Press che Israele dovrebbe continuare a bombardare Gaza finché i militanti rimarranno nel territorio, anche se questo comporta ingenti perdite tra i soldati israeliani. Yaakov Amidror, generale in pensione e membro senior del JINSA, un think tank con sede a Washington DC, ha affermato che Israele “bombarderà qualsiasi tentativo di costruire capacità militare nella Striscia di Gaza per i prossimi cento anni”, sollevando lo spettro di un impegno militare senza fine a Gaza. “Dobbiamo ridurre in cenere Hamas, non importa quante vittime”, ha detto Amidor. “Naturalmente daremo tutti i mezzi ai nostri soldati per difendersi. ma non credo che le vittime siano l’elemento principale nel processo decisionale”.

L’esercito israeliano ha dichiarato di aver sganciato 6.000 bombe su Gaza dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas. Mentre Israele dice che sta colpendo obiettivi di Hamas, molti civili nella Striscia colpita sono stati uccisi. Colpiti anche gli ospedali e i rifugi delle Nazioni Unite. Gli attacchi aerei hanno ucciso anche intere famiglie nelle loro case. Il Ministero della Sanità di Gaza ha dichiarato giovedì che 22 intere famiglie sono state uccise. Giovedì un attacco aereo nella città settentrionale di Jabalia ha ucciso 44 membri della stessa famiglia, lasciando solo sei sopravvissuti. Viceversa, un alto funzionario di Hamas ha avvertito giovedì che qualsiasi invasione israeliana della Striscia di Gaza si rivelerà catastrofica per l’esercito israeliano.

“Per ogni azione intrapresa dal nemico, c’è un piano che abbiamo”, ha detto Saleh Al-Arouri, vice capo dell’ufficio politico di Hamas. La guerra tra Israele e Hamas ha costretto la Russia a un delicato atto di equilibrio, con Mosca che sollecita una rapida fine dei combattimenti senza attribuire colpe. Questa posizione cauta è dovuta ai lunghi legami della Russia con Israele, i palestinesi e altri attori regionali, e riflette la speranza del Cremlino di espandere la propria influenza in Medio Oriente agendo come pacificatore.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY