[gtranslate] SPACEX LANCIA LA NAVICELLA PSYCHE PERSTUDIARE UN ASTEROIDE CHE DOVREBBE DARCI DATI SULLA NASCITA DEL PIANETA TERRA - WHAT-U

Oggi venerdì 13 ottobre Space X ha lanciato la navicella spaziale Psyche dal Kennedy Space Center della NASA in Florida per un viaggio che durerà sei anni verso un raro asteroide ricoperto di metallo. Gli scienziati ritengono di avere scoperto i resti malconci del nucleo di un pianeta primordiale che potrebbero far luce sui centri inaccessibili della Terra e di altri pianeti rocciosi. E la navicella dovrebbe raggiungere l’enorme oggetto a forma di patata nel 2029.

 “Durante questa missione effettueremo ricerche sul più grande oggetto metallico del sistema solare, su come si formano i pianeti e testeremo le comunicazioni laser ad alta velocità con la tecnologia Deep Space Optical Communications”, hanno fatto sapere dalla Nasa. Insomma dopo decenni trascorsi a visitare mondi lontani fatti di roccia, ghiaccio e gas, la NASA è entusiasta di inseguirne uno rivestito di metallo. Dei circa nove asteroidi ricchi di metalli scoperti finora, Psiche è il più grande e orbita attorno al Sole nella parte esterna della fascia principale degli asteroidi tra Marte e Giove insieme a milioni di altre rocce spaziali. Fu scoperto nel 1852 e prese il nome dall’affascinante dea dell’anima della mitologia greca. Gli astronomi sanno dai radar e da altre osservazioni che l’asteroide è grande circa 232 chilometri  ed è lungo 280 chilometri. Si ipotizza che sia ricco di ferro, nichel e altri metalli, e molto probabilmente di silicati, con una superficie opaca, prevalentemente grigia, probabilmente ricoperta da fini grani metallici provenienti da impatti cosmici. Ritenuto un elemento fondamentale della formazione del sistema solare 4,5 miliardi di anni fa, l’asteroide potrebbe aiutare a rispondere a domande fondamentali come come è nata la vita sulla Terra e cosa rende il nostro pianeta abitabile. Sulla Terra, il nucleo di ferro del pianeta è responsabile del campo magnetico che protegge la nostra atmosfera e consente la vita.

Guidata dall’Arizona State University per conto della NASA, la missione da 1,2 miliardi di dollari utilizzerà un percorso circolare per raggiungere l’asteroide. La navicella spaziale delle dimensioni di un furgone, con pannelli solari abbastanza grandi da riempire un campo da tennis, volerà oltre Marte per aumentare la gravità nel 2026. E tre anni dopo, raggiungerà l’asteroide e tenterà di entrare in orbita attorno ad esso, volteggiando fino a 700 chilometri e fino a 75 chilometri almeno fino al 2031.

La navicella spaziale si basa sulla propulsione elettrica solare, utilizzando propulsori alimentati a gas xeno e i loro delicati impulsi blu luminosi. È in fase di sviluppo anche un sistema di comunicazione sperimentale, che utilizza laser invece di onde radio nel tentativo di espandere il flusso di dati dallo spazio profondo alla Terra. La NASA prevede che il test produrrà una quantità di dati 10 volte superiore, sufficiente per trasmettere un giorno video dalla Luna o da Marte.

Il veicolo spaziale avrebbe dovuto decollare un anno fa, ma venne bloccato da ritardi nei test del software di volo attribuiti a una cattiva gestione e ad altri problemi. Il programma rivisto ha aggiunto tempo di viaggio extra. Quindi, invece di arrivare sull’asteroide nel 2026 come inizialmente previsto, non ci arriverà prima del 2029.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY