OMS CHIEDE A ISRAELE DI REVOCARE GLI SPOSTAMENTI DI MASSA - WHAT-U

Oggi l’esercito israeliano ha ordinato e diretto l’evacuazione di centinaia di migliaia di civili che vivono nella città di Gaza in vista di una temuta operazione israeliana via terra. La direttiva è arrivata sulla scia di quello che le Nazioni Unite hanno definito un avvertimento ricevuto da Israele di evacuare 1,1 milioni di persone che vivono nel nord di Gaza entro 24 ore. L’esercito israeliano ha polverizzato la Striscia di Gaza governata da Hamas con attacchi aerei e bloccato le consegne di cibo, acqua, carburante ed elettricità in vista di una possibile invasione di terra mentre i palestinesi cercavano di fare scorta di rifornimenti. Gruppi umanitari internazionali hanno avvertito di un peggioramento della crisi umanitaria dopo che Israele ha impedito l’ingresso di rifornimenti dall’Egitto ai 2,3 milioni di abitanti di Gaza. 

L’OMS in queste ore si è riunita alle Nazioni Unite nel suo appello a Israele affinché revochi immediatamente gli ordini di evacuazione di oltre 1 milione di persone che vivono a nord di Wadi Gaza. Un’evacuazione di massa sarebbe disastrosa, per i pazienti, gli operatori sanitari e gli altri civili lasciati indietro o coinvolti nel movimento di massa. Con gli attacchi aerei in corso e la chiusura delle frontiere, i civili non hanno un posto sicuro dove andare. Quasi la metà della popolazione di Gaza ha meno di 18 anni. Con la diminuzione delle scorte di cibo sicuro, acqua pulita, servizi sanitari e senza un alloggio adeguato, bambini e adulti, compresi gli anziani, saranno tutti maggiormente a rischio di malattie. Il Ministero della Sanità palestinese ha informato l’OMS che è impossibile evacuare i pazienti ospedalieri vulnerabili senza mettere in pericolo la loro vita. I pazienti vulnerabili includono coloro che sono gravemente feriti o dipendenti dal supporto vitale. Spostarli nel mezzo delle ostilità mette a rischio immediato la loro vita. I due ospedali del Ministero della Salute nel nord di Gaza, che continuano a essere operativi, hanno ampiamente superato la loro capacità complessiva di 760 posti letto, a causa di un grave sovraffollamento. Delle migliaia di pazienti con lesioni e altre patologie che ricevono cure negli ospedali, ce ne sono centinaia gravemente feriti e oltre 100 che necessitano di cure critiche. Questi sono i più malati tra i malati. Molte altre migliaia, anche loro con ferite o altri bisogni sanitari, non possono accedere ad alcun tipo di cura. I tempi ridotti, la complessa logistica dei trasporti, le strade danneggiate e, soprattutto, la mancanza di cure di supporto durante il trasporto contribuiscono ad aumentare la difficoltà di spostarli. Inoltre, i quattro ospedali del Ministero della Sanità nel sud di Gaza hanno già raggiunto o superato la loro capacità e non dispongono della capacità di terapia intensiva e delle forniture necessarie per curare ulteriori pazienti. La mancanza di forniture mediche sta già mettendo in pericolo i pazienti e ostacolando gli operatori sanitari. Le forniture che l’OMS aveva pre-posizionato a Gaza sono state in gran parte consumate. Il 9 ottobre, il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha incontrato il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi, che ha accettato la richiesta dell’OMS di facilitare la consegna di forniture sanitarie e di altri aiuti umanitari dall’OMS a Gaza attraverso il valico di Rafah. L’OMS ha preparato forniture mediche nel suo hub logistico a Dubai ed è pronta a consegnarle ad Areesh, in Egitto, a soli 20 minuti da Rafah, non appena verrà ricevuto il permesso di atterraggio. Le scorte sarebbero sufficienti per curare più di 300.000 pazienti con una vasta gamma di ferite e malattie. Fondamentale ora è la creazione di un corridoio umanitario per il loro successivo e sicuro trasferimento alle strutture sanitarie di Gaza, anche via Rafah. La guerra tra Israele e Hamas ad oggi ha causato almeno 2.800 vittime da entrambe le parti



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY