CINA FA LA VERDE, MA RESTA UNO DEI PAESI PIÙ INQUINANTI AL MONDO - WHAT-U

Quest’anno ricorre il decimo anniversario del lancio della Belt and Road Initiative (BRI) proposta dalla Cina. “Negli ultimi 10 anni, la Cina è riuscita ad alimentare una crescita economica media annua del 6%, con una crescita media annua del consumo energetico del 3%”, ha affermato Huang Runqiu, ministro dell’ecologia e dell’ambiente, intervenendo alla tavola rotonda sulla BRI Green. Sviluppo e l’Assemblea generale della BRI International Green Development Coalition a maggio.

“Le emissioni di anidride carbonica della Cina per unità di PIL sono diminuite di circa il 35%, il che equivale a tagliare circa 3,7 miliardi di tonnellate di emissioni di anidride carbonica”, ha affermato Huang, “aggiungendo che nel 2022 la capacità installata di energia rinnovabile in Cina ha raggiunto 1,2 miliardi di kilowatt., superando quello per l’energia elettrica a carbone per la prima volta in un recupero storico.Oltre a perseguire il proprio sviluppo verde e sostenibile, negli ultimi anni la Cina ha continuato a condividere tecnologie avanzate e a realizzare numerosi progetti di cooperazione in materia di energia verde pulita, a basse emissioni di carbonio e di qualità con altri paesi. Sfruttando la propria esperienza in energie rinnovabili, risparmio energetico, protezione ambientale e produzione pulita e impiegando tecnologia, prodotti ed esperienza cinesi, la Cina”, ha proseguito il ministro, “promuove attivamente la cooperazione BRI nello sviluppo verde, secondo il libro bianco intitolato The Belt and Road Initiative: A Key Pillar of la comunità globale del futuro condiviso“.

In Etiopia, dove si stima che le ricche risorse di energia rinnovabile, compresa l’energia eolica e idroelettrica, generino più di 60.000 megawatt di energia elettrica, la Cina ha contribuito a costruire progetti, come i parchi eolici Adama, situati in una serie di colline rocciose nella regione etiope. altopiani e la centrale idroelettrica Genale-Dawa III da 254 MW. Oltre a utilizzare le risorse energetiche rinnovabili locali, la Cina pone l’accento anche sulla tutela dell’ambiente nello sviluppo energetico. Nella costruzione della ferrovia a scartamento standard Mombasa-Nairobi, che attraversa riserve naturali come il Parco Nazionale di Nairobi e il Parco Nazionale di Tsavo, sono state adottate una serie di misure durante la progettazione e la costruzione della ferrovia. Ci sono 14 grandi passaggi per la fauna selvatica e 79 ponti lungo la ferrovia, e i passaggi per animali a forma di ponte sono alti più di 6,5 metri, rendendo facile il passaggio di animali di grandi dimensioni, come elefanti e giraffe. Inoltre, su entrambi i lati della linea sono state predisposte recinzioni isolanti per ridurre il contatto tra gli animali e i treni.

La cooperazione sullo sviluppo di energie verdi e a basse emissioni di carbonio non si limita alla cooperazione paese-paese.

Infine la Cina ha raggiunto accordi di cooperazione ambientale con più di 30 paesi e organizzazioni internazionali, ha lanciato l’Iniziativa per la Belt and Road Partnership on Green Development con 31 paesi e ha formato la Belt and Road Initiative International Green Development Coalition con oltre 150 partner provenienti da oltre 40 paesi, si legge ne il Libro bianco.

Nonostante ciò la Cina assieme agli Stati Uniti, Ue, India, Russia e Giappone resta una delle economie che emettono più CO2 al mondo. E insieme, rappresentano il 49,2% della popolazione mondiale, il 62,4% del Pil globale, il 66,4% del consumo di combustibili fossili e il 67,8% delle emissioni globali di CO2 fossile.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY