[gtranslate] A RISCHIO LA SORTE DI MIGLIAIA E MIGLIAIA DI PALESTINESI, NELLA GUERRA TRA ISRAELIANI E HAMAS - WHAT-U

Oggi il Ministero della Sanità di Gaza ha affermato che 2.450 palestinesi sono stati uccisi e 9.200 feriti dallo scoppio dei combattimenti, molti di più che nella guerra di Gaza del 2014, durata più di sei settimane. Sul fronte israeliano i morti hanno raggiunto quota 1.300, la stragrande maggioranza dei quali civili, nell’assalto di Hamas del 7 ottobre . Si stima che altri 150, compresi bambini, siano stati catturati da Hamas e portati a Gaza. Non c’è ombra di dubbio sul fatto che questa sia la guerra più mortale per Israele dal conflitto del 1973 con Egitto e Siria. Il Dipartimento di Stato americano ha detto che il Segretario di Stato Antony Blinken tornerà in Israele lunedì dopo aver completato un frenetico tour in sei paesi attraverso le nazioni arabe con l’obiettivo di evitare che i combattimenti inneschino un conflitto più ampio. I combattimenti lungo il confine tra Israele e il Libano si sono intensificati con i militanti di Hezbollah che hanno lanciato razzi e missili anticarro, e Israele ha risposto con attacchi aerei e bombardamenti. L’esercito israeliano ha anche riferito di aver sparato in uno dei suoi posti di frontiera. I combattimenti hanno ucciso almeno una persona sul lato israeliano e ne hanno feriti diversi su entrambi i lati del confine.

Una portavoce di Hezbollah, l’organizzazione paramilitare islamista sciita e fortemente antisionista libanese, nata nel giugno 1982 e divenuta successivamente anche un partito politico, ha affermato che l’aumento dei combattimenti rappresenta un “avvertimento”, ma non significa che Hezbollah abbia deciso di entrare in guerra.

Ora tra le paure più grandi c’è quella rivolta alle persone ricoverate negli ospedali di Gaza dove l’unica centrale elettrica è stata chiusa dopo che Israele ha completamente sigillato il tratto di 40 chilometri (25 miglia) ) lungo territorio in seguito all’attacco di Hamas. Nell’ospedale Nasser, nella città meridionale di Khan Younis, le stanze di terapia intensiva sono piene di pazienti feriti, la maggior parte dei quali bambini di età inferiore ai 3 anni. Centinaia di persone con gravi ferite da esplosione sono arrivate all’ospedale e la loro vita è legata a doppio filo a macchinari che funzionano solo se alimentati dalla corrente elettrica. Ci sono 35 pazienti in terapia intensiva che necessitano di ventilatori e altri 60 in dialisi. Anche per loro la mancanza di elettricità significa andare incontro a una morte certa. Il dottor Hussam Abu Safiya, primario di pediatria presso l’ospedale Kamal Adwan, nel nord di Gaza, ha detto ad AP, che l’ospedale non è stato evacuato nonostante gli ordini israeliani. Ci sono sette neonati in terapia intensiva collegati ai ventilatori, ha detto. “Non possiamo evacuare, ciò significherebbe la morte per loro e per gli altri pazienti sotto la nostra cura”. L’ospedale Shifa di Gaza City, il più grande del territorio, ha detto che seppellirà 100 corpi in una fossa comune perché l’obitorio non ha più posti. Decine di migliaia di persone in cerca di sicurezza si sono radunate nel complesso dell’ospedale.

Gaza era già in una crisi umanitaria a causa della crescente carenza di acqua e forniture mediche causata dall’assedio israeliano. Con la chiusura di alcuni panifici, i residenti hanno affermato di non essere in grado di acquistare il pane. Israele ha anche tagliato l’acqua, costringendo molti a fare affidamento sui pozzi salmastri. Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense Jake Sullivan ha detto alla CNN che i funzionari israeliani gli avevano riferito di aver riaperto l’acqua nel sud di Gaza. Il ministro israeliano dell’Energia e dell’Acqua, Israel Katz, ha affermato in un comunicato che l’acqua è stata ripristinata in un “punto specifico” a Gaza, ma non ha fornito ulteriori dettagli. Gli operatori umanitari a Gaza hanno affermato di non aver ancora visto prove del ritorno dell’acqua.

Israele sta preparando una mastodontica offensiva via terra contro Hamas e per questo motivo ha ordinato a oltre 1 milione di palestinesi – quasi la metà della popolazione del territorio – di spostarsi a sud . Hamas invece ha esortato le persone a rimanere nelle loro case e con posti di blocco sta impedendo ai palestinesi di spostarsi verso sud. Le Nazioni Unite e i gruppi umanitari affermano che l’esodo di massa all’interno di Gaza, insieme al completo assedio di Israele, causerà indicibili sofferenze umane. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che l’evacuazione “potrebbe equivalere a una condanna a morte” per gli oltre 2.000 pazienti ricoverati negli ospedali del nord. Gli Stati Uniti hanno cercato di mediare un accordo per riaprire il valico egiziano di Rafah con Gaza per consentire agli americani e ad altri stranieri di andarsene e di portare gli aiuti umanitari accumulati sul lato egiziano. Ma il valico, che era stato chiuso a causa degli attacchi aerei all’inizio della guerra, deve ancora riaprire. Gli attacchi missilistici di Hamas contro Israele sono continuati oggi, stimolando una più ampia evacuazione dalla città israeliana meridionale di Sderot. La città di circa 34.000 abitanti si trova a 1,6 chilometri da Gaza ed è stata un frequente bersaglio di razzi. 

L’esercito ha detto domenica che un attacco aereo nel sud di Gaza ha ucciso un comandante di Hamas accusato degli omicidi a Nirim, una delle numerose comunità che Hamas aveva attaccato nel sud di Israele. Israele ha dichiarato di aver colpito durante la notte oltre 100 obiettivi militari, inclusi centri di comando e lanciarazzi. Al momento circa 360.000 riserve militari sono state chiamate a combattere da Israele che ha ammassato truppe e carri armati lungo il confine con Gaza. Gli israeliani che vivono vicino al confine di Gaza, compresi i residenti della città di Sderot, hanno continuato a essere evacuati. I militanti a Gaza hanno lanciato oltre 5.500 razzi dallo scoppio delle ostilità, molti dei quali sono arrivati ​​in profondità in Israele, mentre gli aerei da guerra israeliani bombardano Gaza. “Se Hamas pensava che saremmo crollati, allora no: faremo a pezzi Hamas”, ha detto stamattina il primo ministro Benjamin Netanyahu all’inizio della riunione del gabinetto israeliano.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY