[gtranslate] PALESTINESI, BLOCCATE LE VIE DI FUGA, MILIONI LE PERSONE A RISCHIO - WHAT-U

Mentre il bombardamento israeliano della Striscia di Gaza continua, 2,3 milioni di palestinesi sono rimasti intrappolati perché il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha affermato che Israele non ha ancora consentito l’apertura del valico di Rafah, che collega Gaza all’Egitto.  Situato nella parte meridionale di Gaza al confine con la penisola egiziana del Sinai, questo passaggio di fatto rappresenta l’unico modo per entrare in Egitto e funge da collegamento vitale tra Gaza e il resto del mondo. Anche i camion carichi di aiuti sono fermi al confine tra Egitto e Gaza, e cibo ed acqua scarseggiano sempre di più. Gli ospedali pieni di feriti sono sul punto di perdere l’elettricità e molte vite ora sono appese a un filo. Israele ha evacuato le città vicino al confine settentrionale con il Libano, dove l’esercito ha ripetutamente avuto uno scontro a fuoco con il gruppo Hezbollah sostenuto dall’Iran. Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha incontrato il ministro della Difesa israeliano e il presidente Joe Biden sta valutato se visitare Israele dopo un invito del primo ministro Benjamin Netanyahu. Parlando alla Knesset israeliana, Netanyahu ha avvertito l’Iran e Hezbollah: “Non metterci alla prova nel nord. Non commettere gli errori del passato. Oggi, il prezzo che pagherete sarà molto più alto”, riferendosi alla guerra di Israele del 2006 contro Hezbollah, che opera dal Libano. Questa è diventata la più mortale delle cinque guerre di Gaza per entrambe le parti. Secondo il Ministero della Sanità, a Gaza sono almeno 2.778 i morti e 9.700 i feriti. Più di 1.400 israeliani sono stati uccisi, la stragrande maggioranza civili massacrati nell’assalto di Hamas del 7 ottobre. L’esercito israeliano ha detto lunedì che almeno 199 ostaggi sono stati presi a Gaza, più di quanto stimato in precedenza. Secondo le Nazioni Unite, più di 1 milione di persone sono fuggite dalle proprie case e il 60% di loro si trova ora nell’area lunga circa 14 chilometri (8 miglia) a sud della zona di evacuazione.

“Si prevede che gli ospedali rimarranno senza carburante per i generatori nelle prossime 24 ore”, ha detto l’ONU, “il che significa che le attrezzature salvavita come incubatrici e ventilatori smetteranno di funzionare”. Hamas ha esortato la gente a ignorare l’ordine di evacuazione di Israele. Domenica l’esercito israeliano ha diffuso delle foto che mostravano un posto di blocco di Hamas che impediva al traffico di spostarsi verso sud. I medici e molti membri del personale ospedaliero si sono rifiutati di evacuare, affermando che ciò significherebbe la morte per i pazienti critici e per i neonati attaccati ai ventilatori. Il gruppo di assistenza medica Medici Senza Frontiere ha affermato che molti membri del suo personale hanno deciso di rimanere nel nord per curare i feriti. Avevano finito gli antidolorifici e il personale ha riferito che “feriti urlavano di dolore”. Israele ha detto che l’assedio non sarà revocato finché Hamas non rilascerà tutti i prigionieri.  Il governo degli Stati Uniti ha iniziato a evacuare circa 2.500 cittadini americani via nave dalla città portuale israeliana di Haifa a Cipro. Le compagnie aeree commerciali hanno in gran parte smesso di volare nell’aeroporto internazionale israeliano Ben-Gurion. Le forze israeliane, sostenute da un crescente dispiegamento di navi da guerra americane nella regione e dalla chiamata alle armi di circa 360.000 riservisti, si sono posizionate lungo il confine di Gaza e si sono esercitate per quella che secondo Israele sarebbe stata un’ampia campagna per smantellare Hamas. Israele ha affermato di aver già colpito dozzine di obiettivi militari, inclusi centri di comando e lanciarazzi, e di aver ucciso anche comandanti di Hamas.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY