[gtranslate] LA GUERRA TRA HAMAS E ISRAELE MUOVE GLI INTERESSI GEOPOLITICI MONDIALI - WHAT-U

La guerra tra Israele e Hamas sta coinvolgendo inevitabilmente anche altri Paesi, aumentando il crescente divario tra gli alleati della guerra fredda Cina e Russia e le potenze occidentali come Stati Uniti, Regno Unito e Francia.

Nel fine settimana sono arrivate nuove dichiarazioni da parte del ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, sul conflitto tra Hamas e Israele. Sabato Wang ha parlato con il segretario di Stato americano, Antony Blinken, che ha chiesto alla Cina di usare la sua influenza in Medio Oriente per prevenire un allargamento del conflitto israelo-palestinese ad altri Stati o soggetti, come l’Iran e Hezbollah. Wang ha condannato le violenze contro i civili e chiesto il rispetto del diritto internazionale. Più dirette sono state le sue dichiarazioni al ministro degli Esteri saudita, Faisal bin Farhan Al Saud, al quale ha detto che “Israele dovrebbe fermare la sua punizione collettiva sui civili di Gaza”, visto che le sue azioni sono ormai andate “oltre l’autodifesa”. Concetti ribaditi anche all’Alto rappresentante dell’Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell, e domenica ai ministri degli Esteri turco e iraniano, rispettivamente Hakan Fidan e Hossein Amir-Abdollahian.

Intanto, in un’intervista alla CCTV, l’inviato cinese per il Medio Oriente, Zhai Jun, ha annunciato che questa settimana visiterà la regione per cercare di raggiungere un cessate il fuoco tra Hamas e Israele e promuovere dei colloqui di pace. Venerdì Zhai ha incontrato in Cina i rappresentanti dei paesi della Lega Araba, ai quali ha detto che Pechino continuerà a fornire aiuto umanitario alla Striscia di Gaza e a sostenere la soluzione “a due Stati”. Come riportato dal South China Morning Post, la Repubblica popolare si starebbe anche coordinando con l’Arabia Saudita per fare da mediatrice tra le parti. Venerdì il presidente russo Vladimir Putin ha sollevato la possibilità che un assedio intensificato di Gaza da parte di Israele possa assomigliare a quello di Leningrado da parte degli eserciti tedeschi durante la seconda guerra mondiale, un riferimento che potrebbe causare una profonda lacerazione con Israele. La Cina storicamente sostiene la causa palestinese da decenni, così come ha fatto l’Unione Sovietica durante la guerra fredda. Più recentemente, entrambe le potenze hanno cercato di bilanciare i legami più stretti con Israele con i loro più ampi sforzi diplomatici per conquistare alleati nel mondo arabo e più in generale.

La Russia sta cercando sostegno per la sua continua guerra in Ucraina, mentre la Cina sta cercando di costruire una coalizione più ampia di paesi in via di sviluppo per estendere l’influenza di Pechino e rafforzare i suoi sforzi per competere con gli Stati Uniti sulla scena globale .

“Pechino è filo-palestinese fin dai tempi di Mao ed è consapevole degli stretti legami degli Stati Uniti con Israele… [ora] quasi tutto ciò che gli Stati Uniti sostengono, la Cina deve essere contraria. Pechino desidera anche essere vista come un sostenitore chiave del Sud del mondo, che comprende la maggior parte dei paesi arabi che mantengono legami amichevoli con la Cina. L’obiettivo quindi ora è quello di mantenere queste relazioni continuando a sostenere i palestinesi”, ha affermato il dottor Yu Jie, ricercatore senior sulla Cina presso il thinktank Chatham House di Londra.

Il Medio Oriente soddisfa gran parte del fabbisogno petrolifero della Cina ed è un punto nevralgico nell’iniziativa Belt and Road , l’ambizioso progetto infrastrutturale del presidente Xi Jinping per collegare i mercati di tutto il mondo ed estendere così l’influenza di Pechino.

Dall’inizio della guerra, i media statali cinesi sono stati critici nei confronti di Israele e hanno incolpato gli Stati Uniti, il più forte sostenitore di Israele, per aver alimentato le tensioni nella regione. C’è stato anche un aumento dei contenuti antisemiti sull’internet cinese, pesantemente sorvegliato, secondo Yaqiu Wang, direttore della ricerca per Cina, Hong Kong e Taiwan presso l’organizzazione no-profit Freedom House con sede negli Stati Uniti.

Putin venerdì ha detto che Israele è stato sottoposto ad “un attacco senza precedenti nella sua crudeltà” da parte dei militanti di Hamas e ha il diritto di difendersi, ma sta rispondendo con metodi crudeli. 

Ma la colpa di tutto ciò è degli Stati Uniti. L’ambasciatore russo presso le Nazioni Unite, Vassily Nebenzia, ha affermato che gli Stati Uniti hanno “la responsabilità dell’imminente guerra in Medio Oriente”.

L’India ha fatto della lotta globale contro il terrorismo un principio centrale della sua politica estera per decenni e, come Russia e Cina, ha sviluppato legami economici e di altro tipo con Israele negli ultimi anni. Ma il governo di Narendra Modi ha costruito anche nuovi rapporti con attori di primo piano del mondo arabo come Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita che non vuole mettere a repentaglio. “L’India è leggermente diversa dagli altri paesi del sud del mondo in quanto l’India stessa è stata vittima di questo tipo di terrorismo. C’è stata per qualche tempo una triangolazione della politica estera, con l’idea che l’India potesse andare d’accordo con l’Iran, il mondo arabo e Israele allo stesso tempo, ma se le linee di faglia diventano più nette allora la diplomazia [indiana] avrà il suo bel da fare. .”

Anche in Africa le reazioni sono state varie, questo è ciò che è stato scritto in un comunicato dell’Unione Africana. Israele ha compiuto uno sforzo diplomatico significativo nel continente, che potrebbe dare i suoi frutti. Tuttavia, dure critiche sono arrivate dal Sud Africa, che ha una storia specifica e travagliata con Israele, che si avvicinò al regime razzista e repressivo dell’apartheid negli anni Ottanta.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY