[gtranslate] SPAGNA, IL DIFENSORE CIVICO ALZA L'ASTICELLA SUGLI ABUSI DI ALCUNI MEMBRI DEL CLERO E CHIEDE DI FARE CHIAREZZA - WHAT-U

La prima indagine ufficiale della Spagna sugli abusi sessuali da parte di membri del clero o di altre persone legate alla Chiesa cattolica nel paese sta facendo discutere la Spagna. Tutto è partito da un’indagine indipendente durata 18 mesi su 487 casi che coinvolgevano presunte vittime che avevano parlato con la squadra del difensore civico o “defensor del pueblo”,  Ángel Gabilondo. A lui erano state raccontate esperienza terrificanti che la Chiesa una volta messa al ha cercato di minimizzare. Ieri sul tavolo del presidente della Camera bassa del parlamento spagnolo, è arrivato un rapporto di quasi 800 pagine. “Si tratta di una denuncia necessaria per rispondere a una situazione di sofferenza e di solitudine che da anni resta, in un modo o nell’altro, coperta da un ingiusto silenzio”, ha dichiarato Gabilondo in una nota, segnalando che la Chiesa si è adoperata per affrontare gli abusi da parte dei preti ma contestualmente si è anche fatta carico di sforzi per coprire lo scandalo, per fortuna delle vittime, non sufficienti. Nel rapporto sono inclusi i risultati di un sondaggio basato su 8.000 risposte valide telefoniche e online. Il sondaggio segnala che l’1,13% degli adulti spagnoli intervistati ha ammesso di aver subito abusi da bambini da parte di preti o membri laici della chiesa, compresi gli insegnanti delle scuole religiose. Di questi, lo 0,6% ha identificato i propri aggressori come membri del clero. Dato che la popolazione adulta della Spagna ammonta a circa 39 milioni, ciò significherebbe che negli ultimi decenni circa 440.000 minori potrebbero aver subito abusi sessuali da parte di preti cattolici romani, membri di un ordine religioso e membri laici della chiesa. L’indagine condotta da GAD3, un noto sondaggista d’opinione in Spagna, ha avuto un margine di errore di campionamento per tutti gli intervistati di più o meno 1,1 punti percentuali. Gabilondo estrapolando i risultati del sondaggio nel conteggio delle possibili vittime, ma ha affermato che le percentuali erano in linea con rapporti simili in altri paesi europei . Come a giustificare l’efferatezza dei fatti. Una commissione investigativa francese , che ha una popolazione di quasi 68 milioni di abitanti rispetto ai 47,6 milioni della Spagna, ha stimato, sulla base di un sondaggio di due anni fa, che circa 330.000 minori hanno subito abusi da parte del personale ecclesiastico in 70 anni. Il rapporto chiede un evento pubblico per riconoscere le vittime, la creazione di un fondo statale per pagare i risarcimenti e che la Chiesa cattolica fornisca un modo per aiutare le vittime nel processo di recupero e introduca riforme per prevenire gli abusi e risarcire le vittime. Il parlamento spagnolo ha votato nel marzo 2022 per aprire la prima indagine ufficiale del difensore civico del paese sulla portata degli abusi sessuali commessi da sacerdoti e autorità ecclesiastiche.  Il governo è stato costretto ad agire dopo che il quotidiano spagnolo El Pais ha pubblicato accuse di abusi che hanno coinvolto più di 1.200 vittime, provocando l’indignazione dell’opinione pubblica. Il primo ministro ad interim Pedro Sánchez ha definito il rapporto una “pietra miliare” per la democrazia spagnola. “Oggi siamo un po’ migliori come Paese”, ha detto Sánchez venerdì da Bruxelles. «Perché è stata fatta conoscere una realtà che tutti conoscono da tanti anni, ma di cui nessuno parlava». Lunedì è prevista la riunione della Conferenza episcopale spagnola per esaminare la relazione del difensore civico. Uno studio legale con sede a Madrid sta conducendo un’inchiesta parallela ordinata dalla conferenza episcopale . I suoi risultati dovrebbero essere pubblicati entro la fine dell’anno.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY