[gtranslate] IVANKA TRUMP CHIAMATA A TESTIMONIARE CONTRO IL PADRE DONALD - WHAT-U

Ivanka Trump dovrà testimoniare al processo che vede suo padre e i suoi fratelli accusati di presunta frode. Lo ha stabilito Arthur Engoron, che ha dato ragione alla procuratrice generale dello stato, Letitia James, e ha sentenziato che l’ex presidente Donald Trump, i figli Don Jr. ed Eric, la Trump Organization e alcuni dirigenti sono colpevoli di «frode persistente e ripetuta», avendo ingannato banche e assicurazioni per circa 10 anni, fornendo informazioni differenti dalla realtà. Ovviamente gli avvocati della difesa e l’avvocato della Trump hanno sostenuto che Ivanka, tenuto anche conto che da tempo aveva lasciato New York e il suo lavoro alla Trump Organization nel 2017,  non avrebbe dovuto testimoniare. Ma gli avvocati che rappresentano lo stato americano hanno invece sostenuto che la donna sarebbe in possesso di informazioni rilevanti, perciò non può esentarsi dal salire sul banco dei testimoni. Il giudice Arthur Engoron si è schierato dalla parte dello Stato di New York, citando documenti che dimostrerebbero che Ivanka Trump avrebbe continuato ad avere legami con alcune aziende a New York, dove tuttora possiede ancora appartamenti a Manhattan. “La Trump si è chiaramente avvalsa del privilegio di fare affari a New York”, ha detto Engoron. La sua testimonianza però, pur tenuto conto dell’urgenza, pare che non verrà programmata prima del 1° novembre, per dare tempo al suo avvocato Bennet Moskowitz di ricorrere in appello. Bennet però pare voler percorrere un’altra strada visto che oggi ha detto al giudice che gli avvocati statali ” non hanno giurisdizione su di lei”. A giugno una corte d’appello statale aveva rigettato le accuse contro di lei perché troppo vecchie. Ivanka Trump nel gennaio 2017, prima dell’insediamento di suo padre, si sarebbe allontanata dal suo lavoro nella Trump Organization, diventando consigliere senior non retribuito alla Casa Bianca quando suo padre era presidente. Dopo la fine del mandato di suo padre, si è poi trasferita in Florida. “L’idea che in qualche modo la signora Trump sia sotto il controllo della Trump Organization o di uno qualsiasi altro imputato, compreso suo padre, è inverosimile”, ha detto Christopher Kise, avvocato dell’ex presidente. Kise ha sostenuto che gli avvocati statali stanno agendo in questa direzione solo per colpire un altro dei figli dell’ex presidente. Gli avvocati statali, tuttavia, hanno sostenuto che la Trump è rimasta legata finanziariamente e professionalmente all’azienda di famiglia e ai suoi leader. Mercoledì  prossimo toccherà a Trump rispondere alle domande di Engoron.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY