[gtranslate] IL PARLAMENTO EUROPEO CHIEDE SANZIONI CONTRO IRAN - WHAT-U

EP Plenary session – 20th Anniversary of the 2004 EU Enlargement

In una risoluzione adottata giovedì 24 aprile, i deputati del Parlamento Europeo hanno condannato fermamente l’attacco iraniano con droni e missili contro Israele del 13 e 14 aprile, chiedendo ulteriori sanzioni contro l’Iran. Il Parlamento ha espresso seria preoccupazione per l’escalation e la minaccia alla sicurezza regionale e i parlamentari hanno ribadito il loro pieno sostegno alla sicurezza dello Stato di Israele e dei suoi cittadini condannando i lanci simultanei di razzi effettuati dai delegati iraniani Hezbollah in Libano e dai ribelli Houthi nello Yemen contro le alture del Golan e il territorio israeliano prima e durante l’attacco iraniano. Contestualmente però ha deplorato anche l’attacco al consolato iraniano nella capitale siriana Damasco del 1° aprile, che è stato ampiamente attribuito a Israele.

La risoluzione non vincolante che è stata approvata con 357 voti favorevoli, 20 contrari e 58 astensioni, ricorda l’importanza del principio dell’inviolabilità delle sedi diplomatiche e consolari, che deve essere rispettato in tutti i casi ai sensi del diritto internazionale.

Invitando tutte le parti a evitare un’ulteriore escalation e a dar prova della massima moderazione, il Parlamento ha espresso profonda preoccupazione per il ruolo destabilizzante che il regime iraniano e la sua rete di attori non statali svolgono in Medio Oriente. I deputati hanno accolto con favore la decisione dell’UE di ampliare il regime di sanzioni nei confronti dell’Iran, anche sanzionando la fornitura e la produzione da parte del paese di droni e missili non pilotati verso la Russia e il Medio Oriente in generale e hanno chiesto che queste sanzioni siano messe in atto con urgenza e chiedono che siano prese di mira più persone ed entità. Nella risoluzione si ribadisce inoltre l’invito di lunga data del Parlamento a includere il Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche dell’Iran nell’elenco dell’UE delle organizzazioni terroristiche, sottolineando che tale decisione è attesa da tempo a causa delle attività criminali iraniane. Si chiede inoltre al Consiglio e al capo della politica estera dell’UE Josep Borrell di aggiungere Hezbollah nella sua interezza alla stessa lista.

L’Iran deve rispettare gli obblighi derivanti dall’accordo sul nucleare

Preso atto che l’Iran continua a non rispettare i suoi obblighi di salvaguardia legale nell’ambito del suo accordo nucleare – formalmente noto come Piano d’azione congiunto globale (in inglese Joint Comprehensive Plan of Action, JCPOA) – i deputati esortano le autorità iraniane a rispettare immediatamente questi requisiti e ad affrontare tutte le relative questioni in sospeso. Condannano inoltre l’uso da parte dell’Iran della diplomazia degli ostaggi, che mantiene i cittadini stranieri in carcere come merce di scambio, ed esortano l’UE a contrastarlo con una task force dedicata per assistere meglio le famiglie dei detenuti e prevenire efficacemente un’ulteriore presa di ostaggi. Nella risoluzione si sostiene infine la decisione del Consiglio di avviare l’operazione ASPIDES della forza navale dell’UE per salvaguardare la libertà di navigazione al largo delle coste dello Yemen, invitando nel contempo l’Iran e le entità sotto il suo controllo a garantire il rilascio e il ritorno in sicurezza dei membri dell’equipaggio europei catturati dalle navi che transitano nella regione. Il testo della risoluzione adottata è disponibile integralmente qui dal 25.04.2024.

Cosa è accaduto prima…

Il 14 e 15 aprile, tra sabato notte e le prime ore di domenica mattina, l’Iran ha lanciato una raffica di missili e droni prendendo di mira Israele per il sospetto attacco israeliano del 1° aprile al suo consolato a Damasco, che ha ucciso 13 persone. Il massiccio attacco aereo chiamato Operazione True Promise, durato circa 5 ore, secondo i funzionari degli StatiUniti, è stato il primo attacco diretto dell’Iran sul territorio israeliano dal suolo iraniano. Durante l’attacco, oltre che a Gerusalemme, si sono udite esplosioni in tutto il territorio israeliano. Le sirene dei raid aerei hanno suonato in più di 720 località mentre le forze israeliane cercavano di abbattere i proiettili. Il portavoce militare capo di Israele, Daniel Hagari, ha detto che l’attacco iraniano ha coinvolto più di 120 missili balistici, 170 droni e più di 30 missili da crociera, secondo un rapporto dell’agenzia di stampa Associated Press. L’esercito israeliano ha anche affermato che la stragrande maggioranza dei proiettili sono stati intercettati fuori dai confini del paese con l’aiuto di Stati Uniti, Regno Unito e Francia. La Giordania ha anche abbattuto alcuni dei missili puntati contro Israele mentre volavano attraverso lo spazio aereo giordano. L’esercito israeliano ha aggiunto che “è stato identificato un piccolo numero di colpi”. In una base nel sud di Israele si sono verificati “lievi danni alle infrastrutture”. Anche una bambina di sette anni è stata gravemente ferita dai frammenti di un missile, mentre altri pazienti hanno riportato ferite lievi e alcuni sono stati curati per l’ansia. Il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno anche intercettato “dozzine” di missili e droni lanciati contro Israele dall’Iraq, dalla Siria e dallo Yemen.

Dove sono avvenuti esattamente gli attacchi?

Durante l’attacco, l’esercito israeliano ha ordinato ai residenti nelle alture di Golan settentrionali occupate da Israele – vicino ai confini siriano e libanese – e nelle città meridionali di Nevatim, Dimona ed Eilat di rimanere vicino ai rifugi antiaerei. Nevatim è il sito di una base aerea israeliana mentre Dimona ha un reattore nucleare alla sua periferia. Eilat è il porto israeliano sul Mar Rosso, che ha subito un forte calo delle operazioni a causa dei ripetuti attacchi degli Houthi yemeniti alle navi che utilizzano la via navigabile.

Perché l’Iran ha attaccato Israele?

L’Iran ha effettuato gli attacchi come rappresaglia per un sospetto attacco israeliano che ha ucciso un comandante militare iraniano, il maggiore generale Mohammad Reza Zahedi , a Damasco il 1 aprile. È stato ucciso insieme ad altri sei cittadini iraniani, tra cui un altro generale. Sono stati uccisi anche almeno sei cittadini siriani. Hezbollah, un gruppo armato libanese sostenuto dall’Iran, e l’esercito israeliano hanno iniziato ad attaccare il confine tra Libano e Israele dall’8 ottobre, il giorno dopo gli attacchi guidati da Hamas nel sud di Israele e la brutale ritorsione di Israele contro la Striscia di Gaza assediata. Sabato 13 aprile, una portacontainer da 14.300 TEU della MSC , la Aires, con a bordo 25 membri di equipaggio, è stata sequestrata ieri nel Golfo Persico dalle autorità iraniane. I media statali iraniani hanno annunciato che le forze armate avevano sequestrato una nave portacontainer collegata a Israele vicino allo Stretto di Hormuz.

Cosa dice il governo israeliano?

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha affermato che Israele “vincerà” in un tweet dopo gli attacchi. In precedenza aveva parlato alla nazione, affermando che l’esercito era preparato ad ogni scenario.   “Cittadini di Israele, negli ultimi anni e soprattutto nelle ultime settimane, Israele si è preparato per un attacco diretto da parte dell’Iran”, ha detto Netanyahu. “I nostri sistemi difensivi sono schierati. Siamo pronti a qualsiasi scenario, sia difensivamente che offensivamente. Lo Stato di Israele è forte. L’[esercito israeliano] è forte. Il pubblico è forte”. Il premier poi ha anche ringraziato i suoi alleati, tra cui Stati Uniti e Regno Unito, per “essere al fianco” di Israele. Verso la fine di domenica, il gabinetto di guerra israeliano – composto da Netanyahu, il ministro della Difesa Yoav Gallant, il ministro Benny Gantz e diversi osservatori – si è riunito per discutere una risposta agli attacchi, ma secondo quanto riportato dai media era diviso su come e quando rispondere. Un alto funzionario dell’amministrazione del presidente americano Joe Biden ha affermato che Israele non sta cercando di aggravare la situazione.

Cosa dice il governo iraniano?

L’Iran ha messo in guardia Israele da qualsiasi risposta. Il capo di stato maggiore delle forze armate iraniane, il maggiore generale Mohammad Bagheri, ha dichiarato alla televisione di stato che se Israele reagisse, la risposta dell’Iran sarebbe “molto più ampia” del bombardamento notturno, secondo un rapporto dell’agenzia di stampa Reuters. L’Iran ha anche avvertito Washington che il sostegno alla ritorsione israeliana porterebbe a prendere di mira le basi statunitensi. In precedenza, la missione dell’Iran presso le Nazioni Unite ha citato le disposizioni della Carta delle Nazioni Unite sull’autodifesa ai sensi dell’articolo 51 e ha affermato che il Paese considera “la questione… conclusa”.

“La questione può dirsi conclusa. Tuttavia, se il regime israeliano dovesse commettere un altro errore, la risposta dell’Iran sarà notevolmente più severa”, si legge su X. “È un conflitto tra l’Iran e il regime canaglia israeliano, dal quale gli Stati Uniti DEVONO STARE LONTANI!” Biden ha chiarito che gli Stati Uniti non parteciperanno ad alcuna operazione offensiva contro l’Iran, secondo un alto funzionario dell’amministrazione. Ma ha ribadito il suo sostegno a Israele. “Israele ha dimostrato una notevole capacità di difendersi e sconfiggere anche attacchi senza precedenti, inviando un chiaro messaggio ai suoi nemici che non possono minacciare efficacemente la sicurezza di Israele”, ha detto Biden citando la Casa Bianca. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha tenuto una riunione e ha invitato Iran e Israele a mostrare moderazione. “Né la regione né il mondo possono permettersi più guerre”, ha detto all’incontro il segretario generale Antonio Guterres . “Ora è il momento di disinnescare e allentare l’escalation”. Il ministro degli Esteri giordano Ayman Safadi ha messo in guardia dal rischio di un conflitto in Medio Oriente, affermando che qualsiasi escalation nella regione porterebbe a “percorsi pericolosi”. Il Ministero degli Affari Esteri dell’Arabia Saudita ha espresso preoccupazione per l’“escalation militare” e ha chiesto moderazione a tutte le parti. La Cina ha anche affermato di essere profondamente preoccupata per l’escalation, aggiungendo che si tratta di una “espansione del conflitto di Gaza” e che un cessate il fuoco dovrebbe essere attuato senza indugio. Anche l’India ha espresso preoccupazione e ha chiesto “un’immediata riduzione della tensione, un esercizio di moderazione, un passo indietro dalla violenza e un ritorno sulla via della democrazia”. Dopo l’incontro di domenica, i leader del Gruppo dei Sette (G7) hanno dichiarato: “Noi… condanniamo inequivocabilmente, nei termini più forti, l’attacco diretto e senza precedenti dell’Iran contro Israele”. Il G7 ha affermato che queste azioni “rischiano di provocare un’escalation regionale incontrollabile. … Questo deve essere evitato. Continueremo a lavorare per stabilizzare la situazione ed evitare un’ulteriore escalation”. L’uso da parte dell’Iran di centinaia di droni e missili per colpire direttamente Israele nella notte di domenica, come rappresaglia per un attacco israeliano al consolato iraniano a Damasco, ha creato alcuni importanti precedenti politici e militari.

È stato il più grande attacco di droni mai effettuato da un paese, ed è stata la prima volta che l’Iran ha attaccato direttamente Israele dopo quasi mezzo secolo di acerrimo nemico.

Il Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (IRGC) ha soprannominato l’operazione “Vera promessa” per dimostrare che i massimi leader di Teheran, incluso il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei, intendono mantenere le loro promesse di “punizione” per gli attacchi di Israele e altri. L’attacco è avvenuto in risposta all’attacco israeliano del 1° aprile al consolato iraniano a Damasco che ha ucciso sette membri dell’IRGC, tra cui due generali incaricati di guidare le operazioni in Siria e Libano, insieme ad altre sei persone. Mirava principalmente a rafforzare la deterrenza dell’Iran, che secondo i critici era stata compromessa dopo le politiche sempre più conflittuali e gli attacchi militari da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati in tutta la regione, in particolare dopo l’ assassinio del generale Qassem Soleimani in Iraq nel gennaio 2020. Sembra che anche i funzionari iraniani abbiano esercitato un certo grado di “pazienza strategica” dopo l’assassinio, a fine dicembre, di un altro importante comandante dell’IRGC in Siria, Razi Mousavi, in un raid aereo israeliano nel mezzo delle ricadute della guerra su Gaza.

L’inazione, gli attacchi di basso livello o l’accontentarsi di un’azione militare attraverso “l’asse della resistenza” di gruppi allineati in tutta la regione sarebbero in questo senso considerati troppo costosi per l’Iran sia a livello locale che all’estero. Ciò è vero anche se Teheran riconosce che Israele e il governo in difficoltà del primo ministro Benjamin Netanyahu potrebbero vedere benefici nell’intensificarsi delle tensioni in tutta la regione e nel costringere le forze armate statunitensi a intraprendere ulteriori azioni contro l’Iran. D’altro canto, gli attacchi iraniani senza precedenti potrebbero aver distolto brevemente l’attenzione del mondo dalla morte di decine di migliaia di donne e bambini nella Striscia di Gaza, ma potrebbero tradursi, a lungo termine, in guadagni di soft power per l’Iran nel mondo musulmano. , se confrontato con altre potenze regionali.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY