[gtranslate] WEINSTEIN, LA CORTE SUPREMA DI NEW YORK REVOCA LA PRIMA CONDANNA A 23 ANNI DI CARCERE. IL PROCESSO È DA RIFARE - WHAT-U

woman sitting under metoo
Photo by Viktoria Slowikowska on Pexels.com

Con quattro voti a favore e tre contrari La Corte Suprema dello Stato di New York ha revocato la condanna di Harvey Weinstein per reati sessuali, citando prove erroneamente introdotte durante il processo. La Corte ha stabilito che il giudice dello storico processo #MeToo, che nel febbraio 2020 ha condannato Weinstein a 23 anni di prigione, ha commesso l’errore di chiamare a deporre donne le cui accuse non erano parte delle incriminazioni nei confronti dell’ex produttore. 

«Weinstein quando ha appreso la notizia che la condanna per stupro era stata annullata. Ha pianto lacrime di gioia in prigione» ha riferito la sua portavoce, Juda Engelmaye. «Era felice che qualcuno lo avesse finalmente ascoltato. E adesso aspetta di sapere dai suoi avvocati e dal sistema penitenziario quali saranno i prossimi passi». 

“Concludiamo che il tribunale di prima istanza ha erroneamente ammesso testimonianze di presunti atti sessuali precedenti, non accusati, contro persone diverse dai denuncianti dei crimini sottostanti, perché quella testimonianza non aveva alcuno scopo materiale di non-propensione”, si legge nella decisione 4-3 della corte. La corte ha aggravato quell’errore quando ha stabilito che l’imputato, che non aveva precedenti penali, poteva essere sottoposto a un esame incrociato su tali accuse e su numerose accuse di cattiva condotta che ritraevano l’imputato in una luce altamente pregiudizievole”, ha detto la Engelmaye.

Il giudice Jenny Rivera ha definito gli errori “eclatanti” e ha affermato che il rimedio è un nuovo processo. Gli accusatori di Weinstein potrebbero essere nuovamente chiamati a testimoniare. Il giudice Madeline Singas, nell’opinione dissenziente, ha accusato la maggioranza di “insabbiare i fatti per conformarsi a una narrazione del tipo “lui disse/lei disse” e di non riconoscere che alla giuria era consentito considerare le passate aggressioni di Weinstein.

“Questa Corte ha continuato la tendenza preoccupante di ribaltare i verdetti di colpevolezza delle giurie in casi di violenza sessuale”, ha scritto Singas.

Juda Engelmayer, portavoce di Weinstein, ha detto di essere “entusiasta della decisione della corte”.

“Ovviamente abbiamo una lunga strada davanti a noi in California”, ha detto Engelmayer in una dichiarazione a NBC News.

Weinstein, 72 anni, sta scontando una pena di 23 anni in una prigione di New York in seguito alla sua condanna con l’accusa di atto sessuale criminale per aver praticato sesso orale con la forza su un assistente di produzione televisiva e cinematografica nel 2006 e stupro di terzo grado per un’aggressione. un aspirante attore nel 2013. Le accuse sono emerse nel 2017 a seguito di rapporti investigativi pubblicati dal  New York Times  e  dal New Yorker. Il suo modello di abuso sessuale e la mancanza di responsabilità hanno contribuito ad alimentare il movimento #MeToo. Anche Weinstein è stato accusato di stupro a Los Angeles nel 2022 e condannato a 16 anni di prigione . In quel caso fu assolto dall’accusa di molestie sessuali.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY